Come Xi concilia cultura e innovazione in Cina

Come Xi concilia cultura e innovazione in Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Pubblichiamo di seguito l’articolo uscito il 14 ottobre sul Quotidiano del Popolo di Pechino, sul pensiero di  Xi Jinping rispetto alla stimolante ” reazione chimica ” tra marxismo e tradizione culturale cinese:

buona lettura da parte di Daniele Burgio, Massimo Leoni e Roberto Sidoli.


-----------------------------

Xi fa rivivere la cultura e guida l’innovazione per la civiltà moderna

Con una mossa che gli osservatori definiscono un nuovo apice nella convinzione culturale del Partito Comunista Cinese (PCC), un recente incontro nazionale sulla comunicazione pubblica e la cultura ha introdotto un nuovo concetto: “Xi Il pensiero di Jinping sulla cultura.”

Anni prima di questo evento significativo, Xi, che ricopre la carica di segretario generale del Comitato Centrale del PCC dal novembre 2012, è diventato il primo leader nella storia del Partito a proporre l’idea di fiducia culturale.

Il Pensiero di Xi Jinping sulla cultura segue pensieri in altre cinque sfere – militare, economia, civiltà ecologica, diplomazia e stato di diritto – tutte componenti significative del Pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era. Prendendo atto dell’ultima riflessione, gli osservatori più attenti hanno affermato che potrebbe essere quella più essenziale e onnicomprensiva fino ad oggi.

Xi ritiene che senza una profonda fiducia culturale e una cultura fiorente, il grande ringiovanimento della nazione cinese sia irraggiungibile.

La sua convinzione si riflette nel suo sostegno a importanti progetti culturali, come gli Archivi nazionali cinesi delle pubblicazioni e della cultura e l’Accademia cinese di storia, che ha visitato a giugno.

Intervenendo a un incontro sull’eredità culturale e lo sviluppo seguito alla visita, Xi ha chiesto sforzi per costruire la moderna civiltà cinese.

L’enfasi sulla cultura da parte del massimo leader cinese quest’anno non è passata inosservata, suscitando attenzione sia in patria che all’estero. Secondo molte voci, un’antica civiltà sta vivendo una rinascita attraverso l’integrazione dei principi fondamentali del marxismo con la raffinata cultura tradizionale cinese.

LA PASSIONE PER LA CULTURA DI UN LEADER

Il profondo interesse di Xi per la cultura ha influenzato in modo significativo la sua vita politica e privata. I media stranieri lo percepiscono non solo come dotato del comportamento di un leader nazionale, ma anche come dotato del fascino culturale distintivo dell’Oriente.

Ha spesso affermato che, sebbene gli piacciano alcuni hobby, la lettura è la sua “più grande passione”.

Nella sua infanzia, Xi fu profondamente toccato dalla storia di Yue Fei, un comandante militare della dinastia Song meridionale (1127-1279). Yue prese “Jing Zhong Bao Guo” o “servire il paese con lealtà senza riserve” come motto e ne fu all’altezza. Xi ricorda da tempo questi quattro personaggi, definendoli il perseguimento di tutta la sua vita.

Negli anni ’60 e ’70, Xi trascorse sette anni a Liangjiahe, nella provincia dello Shaanxi, da giovane istruito. Durante questo periodo, si dedicò allo studio delle opere e della letteratura marxista classica, sia su libri cinesi che stranieri. Ha letto “Das Kapital” tre volte.

L’impatto del radicamento di Xi nella letteratura classica cinese ha avuto una profonda influenza sulla sua carriera politica.

Ad esempio, una volta scrisse una poesia classica per commemorare Jiao Yulu, un dirigente della contea noto per la sua devozione disinteressata alla gente. Durante il suo mandato come capo del Partito provinciale dello Zhejiang, Xi ha esortato i funzionari ad arricchire la loro conoscenza della cultura tradizionale. A Shaoxing, dove visse nel IV secolo il calligrafo cinese più noto Wang Xizhi, Xi suggerì ai funzionari culturali locali di memorizzare il capolavoro di Wang, “La prefazione alle poesie composte al Padiglione delle orchidee”.

Dopo aver assunto la carica più alta del Partito, durante un seminario su letteratura e arte, Xi ha affermato che la raffinata cultura tradizionale cinese costituisce una solida base affinché la Cina possa resistere all’ondata delle correnti culturali globali.

L’alfabetizzazione culturale di Xi favorisce un legame distinto con coloro a lui vicini, e non è certamente un’immagine pubblica fabbricata come si vede con certi politici occidentali. Il suo stile linguistico passa abilmente dalla semplicità all’eloquenza classica, articolando senza sforzo i principi guida dei comunisti cinesi e le posizioni e i punti di vista della Cina.

Nei primi due volumi di “Opere scelte di Xi Jinping”, recentemente pubblicati, si fa riferimento numerose volte ai testi classici.

“Che gioia avere amici che vengono da lontano!” Gli ospiti stranieri spesso sentono questa frase nei discorsi di benvenuto di Xi, la famosa frase dei “Dialoghi di Confucio”. Presenta spesso le edizioni bilingue di “L’Arte della Guerra” e “I Dialoghi di Confucio” come doni di stato.

Dieci anni fa, durante la sua visita a Qufu, il luogo di nascita di Confucio, Xi disse che avrebbe dovuto dare un’occhiata più da vicino a due libri di riferimento sui pensieri confuciani. Ora i due libri sono stati tradotti in 16 lingue, tra cui inglese, tedesco e coreano, e distribuiti in tutto il mondo.

“Non è solo un ‘sostenitore’ della raffinata cultura tradizionale cinese, ma anche un ‘ambasciatore’ per lo scambio di civiltà e l’apprendimento reciproco”, ha commentato un netizen.

Nella tradizione cinese, la raffinatezza personale e un carattere forte sono prerequisiti per un leader qualificato. Xi incarna tale tradizione di valorizzazione dei riti e delle virtù.

Chiede ai funzionari a tutti i livelli di dare priorità ai valori della famiglia, citando spesso il filosofo Mencius, il quale affermava che la radice del mondo è nello stato, e la radice dello stato è nella famiglia.

Le foto della sua famiglia adornano gli scaffali dell’ufficio di Xi e spesso, prima che i partecipanti agli eventi si riuniscano per le foto di gruppo, invita i partecipanti più anziani a sedersi in prima fila.

Ha anche condiviso antiche storie di funzionari integri per ricordare ai membri del Partito di essere umili e cauti nell’esercitare il potere.

Parole come “ancora di salvezza”, “fonte” e “fondamento” sono spesso usate da Xi per descrivere il significato della raffinata cultura tradizionale cinese.

La carriera politica di Xi lo ha portato in tutta la Cina. Ovunque fosse inviato, approfondiva la storia e la cultura locale e visitava i siti del patrimonio culturale per comprendere lo stato di conservazione culturale in ciascuna località.

All’inizio degli anni ’80, quando lavorava come capo del Partito nella contea di Zhengding, nella provincia di Hebei, Xi chiese innanzitutto alle autorità locali di identificare e garantire la protezione di due vecchie robinie e avviò un’indagine sui patrimoni culturali locali. Oggi Zhengding, con una storia di oltre 1.600 anni, è un rinomato sito storico e culturale in Cina.

L’impegno di Xi per la preservazione culturale è continuato anche dopo essere diventato il massimo leader del Paese. Ha spinto per progetti volti a facilitare una migliore conservazione dei classici culturali cinesi come il progetto “Biblioteca di rivitalizzazione” e una collezione completa di dipinti tradizionali cinesi.

Xi ha sottolineato la “promozione della trasformazione creativa e dello sviluppo innovativo della raffinata cultura tradizionale cinese”. Ciò significa che l’eredità e lo sviluppo della cultura non implicano un semplice ritorno alla tradizione.

Xi ha sostenuto di “riportare in vita le reliquie culturali”. Nella Cina odierna, l’entusiasmo per le reliquie e le tradizioni culturali è in aumento e la tecnologia digitale sta arricchendo l’esperienza culturale di tutti i cinesi.

La vitalità culturale e la creatività della nazione sono in forte espansione. Tra il 2012 e il 2022, il reddito operativo annuo delle principali imprese culturali a livello nazionale è raddoppiato, passando da 5,6 trilioni di yuan a 12,2 trilioni di yuan (1,7 trilioni di dollari USA).

I valori socialisti fondamentali sostenuti dalla Cina sono prosperità, democrazia, civiltà, armonia, libertà, uguaglianza, giustizia, stato di diritto, patriottismo, dedizione, integrità e amicizia.

In un mondo in cui pensieri e culture sono in continua evoluzione, Xi ha integrato in modo creativo l’essenza della raffinata cultura tradizionale in questi valori, presentando un’essenza più arricchita rispetto ai “valori universali” definiti da alcuni paesi occidentali.

Xi ha costantemente dato priorità al lavoro di comunicazione pubblica.

Insiste nel seguire il ruolo guida del marxismo in campo ideologico, sottolineando l’importanza della “direzione complessiva del Partito”. Invita i mezzi d’informazione a migliorare la capacità di diffusione, orientamento e influenza.

Lo stesso Xi ha dato l’esempio molto tempo fa. Durante il suo mandato nello Zhejiang, ha pubblicato oltre 200 brevi articoli in una rubrica dedicata sulla prima pagina del Zhejiang Daily. Con un tono da paritario, ha prontamente risposto alle preoccupazioni del pubblico.

Xi presta grande attenzione ai nuovi sviluppi e alle tendenze della cultura. In un paese con più di 1 miliardo di utenti Internet, sostiene la governance del cyberspazio per garantire che Internet serva gli interessi delle persone.

“Il cyberspazio è un giardino spirituale comune per centinaia di milioni di persone”, ha affermato.

Xi ha introdotto, tra gli altri, il grande spirito fondatore del Partito, il grande spirito nella lotta contro il COVID-19, il grande spirito nella lotta alla povertà e lo spirito della Via della Seta.

Ha condannato fermamente il nichilismo storico e ha guidato gli sforzi per promuovere lo spirito nazionale con il patriottismo come nucleo e lo spirito dei tempi incentrato sulla riforma e sull’innovazione per realizzare il sogno cinese.

Nel rapporto al 20° Congresso nazionale del PCC, Xi ha proposto di rafforzare la fiducia e la forza culturale. Questa visione rispecchia la traiettoria di crescita economica della Cina e si ritiene che possa creare una nazione fiduciosa con un forte fascino culturale.

Argomenti come “Perché i cinesi stanno diventando più fiduciosi?” tendenza sulle piattaforme di social media. “Perché non dovrebbero essere fiduciosi? … Hanno una storia che risale a quasi 5.000 anni fa. La loro cultura è ricca, raffinata ed elegante. Il loro dominio nella scienza e nella tecnologia è esemplare”, ha risposto un netizen dagli Stati Uniti.

Una civiltà ininterrotta di 5.000 anni prospera sotto la guida di Xi. Mentre altre nazioni cercano di risolvere i problemi ancora esistenti, Xi mostra al mondo la sua visione culturale e il suo impegno.

INTEGRAZIONE: UNA PROFONDA “REAZIONE CHIMICA”

Il PCC ha intrapreso uno sforzo significativo per integrare i principi marxisti fondamentali con il profondo patrimonio culturale della Cina e implementarli nel governo di una nazione con oltre 1,4 miliardi di persone.

Al timone c’è Xi, che descrive lo sforzo come una profonda “reazione chimica”.

Xi ha utilizzato la cultura nella governance. Ha proposto la filosofia dello sviluppo incentrata sulle persone fondendo il concetto marxista con l’antica filosofia cinese che sottolinea le persone come fondamento dello Stato. “Il popolo è lo Stato e lo Stato è il popolo”, ha detto.

Xi – un leader che ha dimostrato il suo impegno presentando la sua domanda di adesione al Partito 10 volte quando era più giovane – ritiene che il benessere delle persone sia l’obiettivo supremo. A tal fine, aveva abbandonato le comodità di Pechino per prestare servizio nelle aree rurali povere e aveva guidato i funzionari in visite sul campo per rispondere alle preoccupazioni della gente.

Negli ultimi dieci anni, la Cina ha raggiunto traguardi notevoli, tra cui la costruzione della rete infrastrutturale e del sistema di sicurezza sociale più grandi del mondo, la formazione di un gruppo considerevole a reddito medio, l’eliminazione della povertà assoluta e il progresso verso la prosperità comune.

L’impegno di Xi nel mettere le persone al primo posto non solo arricchisce il concetto marxista centrato sulle persone, ma modernizza anche le idee tradizionali cinesi come “il popolo come fondamento della nazione” e “il popolo come massima priorità”, ha affermato Hong Xianghua, professore alla Scuola del Partito del Comitato Centrale del PCC.

Xi sta guidando la Cina sulla via del socialismo con caratteristiche cinesi nella nuova era, che ha le sue distinte basi culturali.

Ha sottolineato l’importanza di mantenere la leadership centralizzata e unificata del PCC, paragonandola a una partita di scacchi cinese, in cui il Comitato Centrale funge da comandante e vari aiutanti svolgono i loro ruoli aderendo a una strategia generale.

Questo approccio è ampiamente considerato come un equilibrio tra ordine e vitalità, stabilità e sviluppo, riecheggiando la millenaria tradizione cinese del “governo tramite riti”.

George Magnus, studioso del China Center dell’Università di Oxford, ha affermato che la Cina e i paesi occidentali possono parlare di un’agenda comune di pace, sviluppo, equità, giustizia, democrazia e libertà, ma la Cina usa il marxismo e la sua stessa antica cultura per definire una versione molto diversa di cosa significano.

Xi ha proposto una nuova filosofia di sviluppo caratterizzata da uno sviluppo innovativo, coordinato, verde, aperto e condiviso. Il concetto moderno può anche trovare le sue radici nel profondo patrimonio culturale della Cina.

Durante un incontro ad alto livello, Xi ha condotto una valutazione approfondita della traiettoria dello sviluppo globale nei tempi moderni, sottolineando il ruolo cruciale dell’innovazione nel perseguimento della costruzione di una nazione forte.

Sotto la guida di Xi, la Cina ha istituito zone dimostrative pilota e aree pionieristiche per la modernizzazione cinese in luoghi come Shanghai, Shenzhen e Zhejiang per esplorare l’innovazione istituzionale dall’alto verso il basso.

La Cina si è classificata al primo posto a livello mondiale nelle richieste di brevetti internazionali per diversi anni consecutivi e vanta risultati scientifici di fama mondiale come il satellite per la scienza quantistica “Mozi” e il satellite per l’esplorazione delle particelle di materia oscura “Wukong”.

Gli osservatori hanno notato che Xi incorpora spesso termini medici come “assistenza sanitaria preventiva”, “percorsi meridiani” e “affrontare la causa principale, piuttosto che affrontare semplicemente i sintomi” nella sua strategia di governance.

Questi concetti provengono dal campo della medicina tradizionale cinese (MTC), rinomata per la sua filosofia olistica e dialettica. Xi ha definito la MTC la “chiave per sbloccare il tesoro della civiltà cinese”.

Mentre la seconda economia più grande del mondo è alle prese con significative sfide di trasformazione, Xi ha sottolineato l’importanza di garantire il flusso senza soluzione di continuità del ciclo economico, tracciando parallelismi con la regolazione dei principali vasi all’interno del corpo umano.

Sotto la sua guida, la Cina ha implementato varie misure volte ad affrontare i colli di bottiglia, promuovere la circolazione economica e liberare il potenziale della domanda interna. Includono lo stimolo del consumo in settori chiave come l’arredamento della casa, le automobili, l’elettronica e l’accelerazione della creazione di un mercato nazionale unificato.

Nella prima metà di quest’anno, il PIL cinese è cresciuto del 5,5% su base annua, dimostrando una notevole resilienza e vitalità in un contesto di preoccupazioni per l’inflazione globale.

L’enfasi di Xi sull’“economia umanistica” sta guadagnando terreno in tutta la Cina. Questa prospettiva offre un’interpretazione umanistica dell’economia cinese, risultando in un’affascinante miscela di antico e contemporaneo.

Ad esempio, la città di Suzhou, soprannominata “Venezia d’Oriente” da Marco Polo, ha in gran parte conservato la sua struttura urbana secolare. Unisce pagode millenarie con imponenti grattacieli, creando un paesaggio unico in cui la cultura tradizionale arricchisce un fiorente ambiente imprenditoriale.

Xi ha sostenuto che antichi concetti filosofici, come il “pensiero sistematico” e il “pensiero dialettico”, possono essere applicati per aiutare ad affrontare una miriade di sfide odierne. Questi principi si sono rivelati essenziali per trovare un equilibrio tra riforma, sviluppo e stabilità, nonché per preservare l’ambiente e gestire efficacemente le risorse naturali.

Nell’affrontare le disparità di ricchezza e i divari tra aree urbane e rurali, Xi ha chiesto l’integrazione urbano-rurale e lo sviluppo coordinato in regioni come le province nord-orientali, la regione di Pechino-Tianjin-Hebei, la Greater Bay Area di Guangdong-Hong Kong-Macao e lo Yangtze. Cintura economica fluviale. Questo approccio è in linea con l’adagio cinese che enfatizza una prospettiva regionale olistica: “Chi non riesce a pianificare l’intera situazione è incapace di pianificare per un’area parziale”.

Per invertire il danno ambientale, Xi ha chiesto che le fabbriche inquinanti risolvano i problemi o affrontino la chiusura. Il Paese ha emesso un divieto di pesca per 10 anni per proteggere il fiume più lungo della Cina, lo Yangtze.

Xi ha emesso sei istruzioni per demolire le ville costruite illegalmente sui monti Qinling, che ospitano panda giganti, scimmie dal naso camuso e molti altri rari animali selvatici.

Dal concetto di “acque limpide e montagne rigogliose sono beni inestimabili” a “l’umanità e la natura costituiscono una comunità di vita”, il concetto di civiltà ecologica di Xi incarna la saggezza tradizionale cinese ed è in sintonia con la visione del comunismo di Karl Marx nell’affrontare le contraddizioni tra umanità e natura.

I cinesi oggi godono di una migliore qualità dell’aria, con una riduzione di quasi il 60% dei livelli medi di PM 2,5 dal 2013 al 2022 e una significativa diminuzione di oltre il 90% dei giorni fortemente inquinati.

Xi considera il cambiamento e l’apertura come elementi duraturi della storia della Cina. La China International Import Expo, da lui pianificata e promossa, ha fornito agli espositori globali una piattaforma significativa per mostrare prodotti e servizi di punta. È diventato un simbolo dell’impegno della Cina verso l’apertura.

Sulla democrazia, Xi sottolinea che i sistemi più affidabili ed efficaci per un Paese sono sempre quelli che radicano e traggono nutrimento dal proprio suolo.

Nello Jiangxi, gli abitanti dei villaggi si riunivano nelle sale ancestrali per discutere questioni di loro interesse. Nel Fujian, i pescatori esprimevano le loro opinioni nelle stazioni di mediazione situate su zattere di bambù. Ad Hainan, gli abitanti dei villaggi hanno tenuto riunioni politiche e preso parte a processi democratici seduti su panchine di plastica sotto il sole.

In tutta la Cina, le persone impiegano pratiche secolari tramandate dai loro antenati per risolvere i conflitti quotidiani, creare consenso e attuare il concetto di Xi di democrazia popolare integrale.

Il punto di vista di Xi sulle controversie legali potrebbe trovare risonanza con l’antico filosofo Confucio, che immaginava un mondo senza la necessità di controversie. Allo stesso modo, Xi ha osservato che le condizioni nazionali della Cina determinano che la Cina non dovrebbe fare affidamento sul contenzioso come prima e ultima risorsa.

Xi ha ribadito di promuovere “l’esperienza Fengqiao”, riconosciuta dai media stranieri come un “efficace piano di governance sociale profondamente radicato nella cultura cinese”.

Durante una recente visita a Fengqiao nello Zhejiang, Xi ha sottolineato l’importanza di fare affidamento sulla gente, risolvere i problemi a livello di base e affrontare i conflitti in modo proattivo. Ciò ha sottolineato il suo impegno nel promuovere “l’esperienza Fengqiao” in Cina.

Xi è incrollabile nella sua posizione contro coloro che violano gli interessi della gente. Dopo il 18° Congresso Nazionale del PCC, guidò il Partito nell’elevare le ispezioni a strumento strategico per il controllo interno.

Il termine “ispezione” è raro nel discorso politico internazionale contemporaneo, ma mostra l’impegno del PCC verso l’autoriforma. Questo esclusivo sistema cinese di supervisione, radicato in antiche tradizioni, funge da potente strumento, simile a una metaforica spada di Damocle.

Xi ha osservato che le ispezioni del PCC rappresentano uno strumento importante per il Paese e il Partito, e ha sottolineato che differiscono da quelle praticate nei tempi antichi, quando ispettori presuntuosi esercitavano un potere illimitato.

La Cina, una nazione multietnica, ha da tempo forgiato un senso di unità tra i suoi 56 gruppi etnici. Xi ha sottolineato l’importanza di promuovere un forte senso di comunità per la nazione cinese e ha incoraggiato tutti i gruppi etnici a “unirsi strettamente come i semi di melograno”.

Xi ha chiesto il rafforzamento dello spirito cinese, caratterizzato da incrollabile determinazione e fiducia. Ha sottolineato l’importanza di guidare con fermezza il corso dello sviluppo e del progresso della Cina sotto il proprio controllo.

I risultati sono chiari. Gli astronauti cinesi sono entrati con successo nella propria stazione spaziale e il paese ha svelato i suoi piani per far sbarcare gli astronauti sulla Luna entro il 2030. Anche il fiorente settore dei veicoli a nuova energia ha esteso la sua portata a livello globale. Questi risultati esemplificano l’indomabile spirito nazionale che è persistito nei 5.000 anni di storia della Cina.


PROMO: SCAFFALE ORIENTALE



ACQUISTALI ORA AL PREZZO DI 35 EURO INVECE CHE 51 EURO
(SPEDIZIONE TRACCIATA GRATUITA)



INSIEME UN NUOVO PERCORSO

La visione del mondo di Xi si riflette in modo evidente nella sua proposta del concetto di costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità. Introdotta nel 2013, questa idea ha ottenuto un ampio riconoscimento internazionale ed è stata incorporata nei documenti di organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite.

Il concetto di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità eredita l’ideale di una “comunità di individui liberi” dal marxismo, e si allinea profondamente con l’aspirazione cinese di oltre 2.000 anni per una società ideale in cui “il bene comune è perseguito” per tutti.

Secondo Xi, l’idea confuciana di “Ping Tian Xia” non significa conquistare il mondo o dominarlo; significa invece consentire alla gente comune di sfuggire alla povertà e vivere in pace con cibo e vestiti in abbondanza.

Lo studioso britannico Martin Jacques ha commentato che, mentre la Cina cerca la propria modernizzazione, sta anche offrendo opportunità al mondo, in particolare ai paesi in via di sviluppo.

Mentre la società umana si trova ad affrontare gravi sfide legate al deficit di governance, fiducia, sviluppo e pace, Xi ha invitato il mondo a rafforzare la solidarietà e la cooperazione, attingendo alla saggezza tradizionale di “agire in buona fede ed essere amichevole verso gli altri” e di “promuovere il bene” con il proprio vicinato.

Con una storia di migliaia di anni, “la Cina continuerà a influenzare il mondo, ma lo farà dall’interno dei propri confini” e “non cercherà di controllare altri paesi”, ha affermato Stephen Perry, presidente del 48 Group britannico.

Xi ha spesso fatto riferimento al concetto di “armonia” dell’antica filosofia cinese quando interagiva con ospiti internazionali.

A suo avviso, il confronto competitivo va contro le tendenze globali prevalenti dell’epoca ed è insufficiente per affrontare sia le sfide interne che le pressanti questioni globali che il mondo si trova ad affrontare.

Incontrando una delegazione del Congresso americano nell’ottobre di quest’anno, Xi ha affermato che la civiltà cinese si è sviluppata ininterrottamente per più di 5.000 anni. Ha sempre cercato di rimanere al passo con i tempi, ha imparato dagli altri in uno spirito di inclusività e ha aderito alla filosofia della pace che mette in risalto la cooperazione e gli scambi.

Dallo scoppio della crisi ucraina, la Cina ha compiuto numerosi sforzi per promuovere una soluzione pacifica. “Più la situazione diventa difficile, maggiore è la necessità di preservare lo spazio per la pace. E mentre i problemi si intensificano, il nostro impegno nel perseguire il dialogo deve rimanere fermo”, ha detto Xi.

A marzo, in risposta all’iniziativa di Xi, le delegazioni dell’Arabia Saudita e dell’Iran hanno tenuto colloqui a Pechino, raggiungendo un accordo per riprendere le relazioni diplomatiche e riaprire ambasciate e missioni estere.

Vale la pena notare che la fiducia culturale della Cina non è “eccezionalismo” o “isolazionismo”.

Nel 2015, Xi ha presentato i valori condivisi dall’umanità di pace, sviluppo, equità, giustizia, democrazia e libertà, che contengono tutti la filosofia della nazione cinese di benevolenza, orientamento alle persone, integrità, rettitudine, concordanza e ricerca di un terreno comune.

Nel 2023, Xi ha proposto la Global Civilization Initiative, che enfatizza l’inclusione e l’apprendimento reciproco rispetto alla divisione e al conflitto. Questa iniziativa estende e arricchisce l’antica saggezza racchiusa nel detto cinese: “La bellezza dell’armonia sta nella diversità”.

È una forte confutazione a nozioni come la superiorità di alcune civiltà e lo scontro di civiltà.

Xi ha affermato che la civiltà cinese è caratterizzata da una notevole inclusività, ecco perché la “trappola di Tucidide” non si applica alla Cina.

In Francia ha citato il detto cinese: “ravanello o cavolo, ognuno a suo piacimento”. In Belgio ha affermato che i cinesi amano il tè mentre i belgi adorano la birra; sebbene il tè e la birra siano diversi, possono essere gustati entrambi.

“Se tutte le civiltà riuscissero a sostenere l’inclusività, il cosiddetto ‘scontro di civiltà’ potrebbe essere evitato e l’armonia delle civiltà diventerà realtà”, ha affermato Xi.

Ha sostenuto la bandiera dello sviluppo comune in un mondo in cui le tendenze all’unilateralismo, al protezionismo e al bullismo sono in aumento. Metaforicamente, ha rivolto un accogliente invito a persone provenienti da tutti i paesi a salire sul “treno espresso” dello sviluppo della Cina.

Quest’anno ricorre il decimo anniversario della Belt and Road Initiative (BRI) proposta da Xi. Questa versione moderna dell’antica Via della Seta mira a migliorare la connettività globale e promuovere la prosperità comune favorendo legami più stretti tra i paesi.

Negli ultimi dieci anni, oltre tre quarti dei paesi di tutto il mondo e oltre 30 organizzazioni internazionali hanno firmato accordi di cooperazione nell’ambito della BRI, generando investimenti per quasi un trilione di dollari. I progetti BRI hanno aiutato 40 milioni di persone in tutto il mondo a sfuggire alla povertà.

Xi ha proposto l’Iniziativa per lo sviluppo globale, che ha ricevuto anch’essa un ampio sostegno. Oltre 70 Paesi hanno aderito al “Gruppo degli Amici dell’Iniziativa di Sviluppo Globale” istituito sulla piattaforma delle Nazioni Unite.

Xi ha una forte determinazione nel promuovere lo sviluppo verde globale. Ha spinto per la ratifica da parte della Cina dell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e ha fissato obiettivi ambiziosi affinché la Cina raggiunga il picco delle emissioni di carbonio prima del 2030 e raggiunga la neutralità del carbonio prima del 2060.

Ciò significa che la Cina, in quanto paese in via di sviluppo più grande del mondo, si sta impegnando per ottenere la massima riduzione dell’intensità di carbonio a livello globale, raggiungendo il picco di carbonio e la neutralità nel più breve tempo possibile.

Nel perseguimento della modernizzazione, la Cina spinge per il progresso materiale ed etico-culturale, promuove una convivenza armoniosa tra l’umanità e la natura e sostiene lo sviluppo pacifico.

Keith Bennett, esperto cinese di lunga data con sede a Londra, ha osservato che tutti questi riflettono le tradizioni culturali cinesi e l’adattamento del marxismo al contesto cinese.

Per secoli, gran parte dell’esperienza di modernizzazione dell’umanità è derivata dall’Occidente, e molti credevano che la modernizzazione equivalesse all’occidentalizzazione.

Tuttavia, questo “mito” viene gradualmente sfatato. Le crescenti questioni relative alla disparità di ricchezza, alla divisione sociale e ai desideri materialistici nei paesi occidentali mettono in luce i limiti della modernizzazione in stile occidentale, mentre l’approccio unico della Cina di integrare il marxismo con la sua raffinata cultura tradizionale offre all’umanità una nuova scelta per raggiungere la modernizzazione.

“Abbiamo sempre avuto la sensazione che l’Occidente sia superiore. Ci è sempre stato detto che per progredire dobbiamo essere uno di loro. Ma ci rendiamo conto che non può essere così”, ha detto il primo ministro malese Anwar Ibrahim in un videomessaggio ad un forum a Guangzhou. all’inizio di quest’anno. “Abbiamo iniziato a guardare alla nostra esperienza, alla nostra storia e ai contributi dei nostri antenati”.

Sourabh Gupta, membro senior dell’Institute for China-America Studies di Washington, ha affermato che l’ascesa della Cina non seguirà il percorso delle potenze occidentali. Pechino ha a cuore e sostiene la diversità delle civiltà mondiali. Non è tanto un messaggio antioccidentale quanto un messaggio non occidentale rivolto a coloro che sono interessati a prestarci ascolto.

Un rapporto pubblicato lo scorso anno dai ricercatori dell’Università di Cambridge affermava che il 62% dei cittadini dei paesi in via di sviluppo ha una visione positiva della Cina. Questa è la prima volta dall’inizio della raccolta dei dati che il vantaggio della Cina tra i paesi in via di sviluppo ha superato quello degli Stati Uniti.

La nazione cinese, che un tempo creò una splendida civiltà, soffrì umiliazione e miseria per più di un secolo dopo il 1840. Xi ha espresso profonda preoccupazione per questo, affermando: “Questa tragedia storica non deve mai ripetersi!”

Oggi, la Cina sta mostrando una grande visione in cui i suoi 1,4 miliardi di persone stanno avanzando collettivamente verso la modernizzazione. Ciò non solo rispecchia le aspirazioni del popolo cinese, ma fornisce anche una confutazione alternativa alla teoria della “fine della storia”, con Xi come leader di questo viaggio epocale.

Oltre un secolo fa, Karl Marx propose il progresso dell’umanità e la realizzazione dell’emancipazione umana. Il testimone della storia è passato alla generazione di comunisti cinesi rappresentata da Xi.

Come egli giustamente esprime con le sue parole: “La migliore eredità della storia è creare una nuova storia; il più grande tributo alla civiltà umana è creare una nuova forma di civiltà umana”.

Fonte: en.people.cn

(Editore web: Zhong Wenxing, Liang Jun)

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti