Con Trump "illegali". La doppia morale Dem sugli attacchi in Siria

Con Trump "illegali". La doppia morale Dem sugli attacchi in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, ieri, ha definito legittimo il recente attacco aereo degli Stati Uniti contro le forze filo - iraniane nella Siria orientale, in seguito ad un'ondata di critiche nei confronti suoi e del presidente Joe Biden a causa di questa aggressione. 

La controversia ha riportato vecchie dichiarazioni di Psaki e Biden, in cui entrambi criticavano l'allora presidente Donald Trump per la sua politica nei confronti dell'Iran e della Siria. 

In particolare, dopo che Trump effettuò un attacco alla Siria nell'aprile 2017, Psaki scrisse sul suo account Twitter: "Qual è l'autorità legale per gli attacchi? [Il presidente siriano Bashar al] Assad è un brutale dittatore Ma la Siria è un paese sovrano." 

Biden, da parte sua, descrisse le azioni di Trump come "irregolari" e "impulsive" nel giugno 2019, dopo che è emerso che l'allora presidente stava valutando un massiccio attacco all'Iran dopo l'abbattimento di un drone statunitense vicino allo Stretto di Hormuz.

Tuttavia, ieri Psaki ha dichiarato che l'azione intrapresa dagli Stati Uniti giovedì nella Siria orientale  "era necessaria per affrontare la minaccia e proporzionata ai precedenti attacchi" . 

"Il presidente sta mandando un messaggio inequivocabile che agirà per proteggere gli americani. E quando vengono lanciate minacce, ha il diritto di agire quando e in qualsiasi modo vuole " , ha sostenuto la portavoce della Casa Bianca. "Prenderà quelle decisioni in modo deliberativo e con l'obiettivo di ridurre le attività sia in Siria che in Iraq. 

Per quanto riguarda la legittimità dell'attacco, Psaki ha indicato che "come una questione di diritto interno, il presidente ha intrapreso questa azione in conformità con l'autorità conferita dall'articolo 2 per difendere il personale statunitense", mentre "per una questione di diritto internazionale, gli Stati Uniti hanno agito in conformità con il suo diritto all'autodifesa, come indicato nell'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite". 

"Gli obiettivi sono stati scelti per corrispondere ai recenti attacchi alle strutture e per scoraggiare il rischio di ulteriori attacchi nelle prossime settimane", ha concluso Psaki. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti