/ Corbyn condanna la feroce violenza di Israele: "Non possiamo chiu...

Corbyn condanna la feroce violenza di Israele: "Non possiamo chiudere gli occhi di fronte a un tale disprezzo ingiustificato per il diritto internazionale"

 

Il politico britannico ha accusato Israele di "flagrante illegalitā"



teleSUR
 

Il leader del Partito Laburista del Regno Unito, Jeremy Corbyn, ha denunciato l'uccisione di dozzine di palestinesi che protestavano per il trasferimento dell'ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a Gerusalemme.

 

Il politico britannico ha accusato Israele di "flagrante illegalità" per quanto riguarda la morte di circa 55 manifestanti, in un giorno, vicino al confine con Gaza. Il leader laburista ha aggiunto che l'approccio del governo britannico è stato desolante visto il "disprezzo sfrenato di Israele per il diritto internazionale".

 

"La risposta di molti governi occidentali a questa flagrante illegalità, incluso il nostro - che ha una particolare responsabilità per una risoluzione pacifica e giusta del conflitto israelo-palestinese - è stata del tutto inadeguata", ha detto Corbyn.

 

“Dovrebbero ascoltare quanto chiedono gli attivisti israeliani per la pace e la giustizia: chiedere la fine dei molteplici abusi dei diritti umani e politici che i palestinesi affrontano quotidianamente, l'assedio di Gaza da 11 anni, l’occupazione da 50 anni del territorio palestinese e la continua espansione degli insediamenti illegali”. 

 

“Non possiamo chiudere gli occhi di fronte a un tale disprezzo ingiustificato per il diritto internazionale”. 

 

"Ecco perché il Labour si impegna a rivedere le vendite di armi del Regno Unito a Israele, mentre queste violazioni continuano".

 

La Turchia ha appoggiato le osservazioni di Corbyn, dicendo che l'attacco ai palestinesi è stato un "genocidio".

 

Mentre la collega, ministro degli Esteri ombra del Labour, Emily Thornberry, ha esortato le forze israeliane a "fermare questo massacro feroce ed assolutamente evitabile di manifestanti pacifici" e condannando il governo di Benjamin Netanyahu per le "azioni brutali, letali e assolutamente ingiustificate".

 

"Queste azioni risultano essere ancora più gravi perché non sono il risultato di una sproporzionata reazione alle proteste di un giorno, ma il culmine di sei settimane di una politica apparentemente sistemica e deliberata per uccidere e mutilare manifestanti disarmati e semplici passanti che non rappresentano alcuna minaccia alle forze al confine di Gaza, molti sono stati sparati alle spalle, in tanti sono stati sparati a centinaia di metri dal confine, e molti di loro erano bambini", ha dichiarato Thornberry.

 

"Durante sei settimane, il segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un'indagine indipendente su questi incidenti, che dovrebbe determinare con urgenza se il diritto internazionale è stato violato, e stabilire se il governo Netanyahu deve rendere conto delle sue azioni”.

 

"Il Regno Unito dovrebbe guidare le richieste per il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di ordinare un'indagine del genere oggi stesso”.

 

L'esercito israeliano ha affrontato i palestinesi che protestavano con proiettili e gas lacrimogeni, ferendo oltre 2.700 dimostranti e ferendo a morte decine di persone. Il bilancio delle vittime è la cifra più alta in una singola giornata dal 2014.

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa