Cosa cambierà nel coordinamento tra Israele e Russia in Siria?

Cosa cambierà nel coordinamento tra Israele e Russia in Siria?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un ex colonnello israeliano ritiene che il coordinamento tra Russia e Israele sulla Siria non sia in pericolo. La ragione di ciò è una serie di interessi comuni, tra cui il desiderio di evitare incidenti nei cieli siriani e la volontà di assicurarsi che l'Iran non consolidi la sua posizione nel paese arabo.

I prossimi giorni saranno un test per il coordinamento israelo-russo in Siria. Quest'ultimo è iniziato nel 2015 in seguito alla decisione di Mosca di essere coinvolta nella guerra siriana dopo la richiesta del presidente Bashar al-Assad.

Dopo lo scontro a fuoco al confine tra Israele e Libano di venerdì, la valutazione nello stato ebraico è che un altro attacco potrebbe essere ancora incombente. 

E potrebbe provenire dalla Siria, dove Tel Aviv ha periodicamente effettuato attacchi contro presunti obiettivi di Hezbollah e iraniani.

Coordinamento in discussione?

Ora, la mano piuttosto libera di Israele in Siria potrebbe finire.

Recenti rapporti israeliani che citano fonti russe anonime suggeriscono che Mosca ha deciso di staccare la spina al suo coordinamento con Israele. Hanno anche affermato che la Russia ha già iniziato ad aiutare il presidente siriano Bashar al-Assad a "chiudere lo spazio aereo siriano agli aerei israeliani". 

La Russia non ha ancora né confermato né smentito questi rapporti.

Ma Eran Lerman, un colonnello dell'IDF in pensione, che ha ricoperto varie posizioni di rilievo all'interno dell'intelligence militare israeliana, citato da Sputnik, afferma che il suo paese non ha nulla di cui preoccuparsi perché "non c'è stato alcun cambiamento strategico in quel coordinamento".

Un tale cambiamento di politica, avverte Lerman, avrebbe implicazioni di vasta portata per entrambe le parti, ed è per questo che è dubbioso che Mosca voglia tornare sui propri passi.

Russia e Israele hanno una serie di interessi comuni che li spingono a coordinarsi sul fronte siriano. Entrambi vorrebbero evitare incidenti sui cieli siriani, come quello avvenuto nel 2018 quando Israele ha usato un aereo militare russo come scudo contro i sistemi di difesa aerea siriani.

Ciò ha portato allo schianto dell'aereo russo, uccidendo 15 persone a bordo, e sebbene Mosca inizialmente abbia attribuito la colpa a Israele, definendo le sue azioni "irresponsabili", ha finito per rafforzare il coordinamento per assicurarsi che eventi così tragici non si ripetessero mai più.

Ed entrambe le nazioni, secondo Lerman, vorrebbero assicurarsi che l'Iran non consolidi le sue posizioni in Siria.

"La Russia ha investito molto nella sopravvivenza di Assad, quindi consentire all'Iran di utilizzare la Siria come trampolino di lancio potrebbe mettere a rischio questi risultati. Ecco perché dubito che Mosca vorrà trascinare la Siria in un ulteriore conflitto".

Nuovo governo, nuovi problemi?

Tuttavia, questi interessi stanno ora affrontando una sfida e la principale è un nuovo governo in Israele. 

A giugno, l'allora capo dell'opposizione israeliana Yair Lapid ha informato il presidente del Paese che era in grado di formare una coalizione.

Il nuovo governo sotto la guida del presidente del partito Yamina Naftali Bennett ha prestato giuramento a metà giugno, ponendo effettivamente fine al mandato del primo ministro Benjamin Netanyahu, noto per i suoi legami con Mosca. 

Bennett, d'altra parte, è percepito come qualcuno che sarà più vicino agli Stati Uniti e, secondo Lerman,  non sarà di gradimento a Mosca.

"Il nuovo governo di Israele deve ancora stabilire relazioni calde ed efficaci che sono state lentamente e meticolosamente costruite da Netanyahu. A Mosca c'è la percezione che questo governo sia più vicino a Washington e che influenza i toni delle dichiarazioni russe".

"Tuttavia, Lapid e Bennett potrebbero usare questa cooperazione per costruire un dialogo con Mosca, e ci sono persone nell'attuale governo israeliano, che sono state attive nello stabilire quel coordinamento con la Russia, e contribuiranno ad espandere quei legami in futuro", ha concluso.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica