Cpi e Israele: l'ordine internazionale "basato sulle regole" (Usa) viene giù

Cpi e Israele: l'ordine internazionale "basato sulle regole" (Usa) viene giù

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Giacomo Gabellini

 

Nei giorni scorsi, l’emittente israeliana «Channel 13» ha riferito che il Consiglio di Sicurezza Nazionale si era riunito in diverse occasioni per dialogare «in previsione della possibilità che nei prossimi giorni vengano emessi mandati di arresto internazionali contro alti funzionari in Israele», ritenuti responsabili di diversi crimini di guerra perpetrati nell’ambito dell’Operazione Iron Swords contro la popolazione residente all’interno della Striscia di Gaza. I principali indiziati erano il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il ministro della Difesa Yoav Gallant e il Capo di Stato Maggiore Hertzi Halevi. Nel corso degli incontri, sarebbero state approvate misure volte ad anticipare la potenziale iniziativa, compreso «il lancio di una campagna politica» a livello internazionale contro la Corte Penale Internazionale (Cpi), a cui Israele non aderisce. Il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz ha dichiarato a «Channel 12» che l’emissione del mandato avrebbe rappresentato «un’ipocrisia assoluta», e annunciato che, «se necessario, eviteremo di lasciare il Paese» come forma di tutela. Il 26 aprile, Netanyahu ha invece pubblicato un post sul suo profilo Twitter/X in cui si legge che: «sotto la mia guida, Israele non accetterà mai alcun tentativo della Corte Penale dell’Aja di minare il suo diritto fondamentale di difendersi». Secondo il quotidiano «Maariv», il premier appariva «spaventato e insolitamente stressato» dal probabile pronunciamento della Cpi, e stava esercitando, sostiene la testata israeliana «Walla», una «incessante pressione telefonica» intesa a prevenirlo.

La campagna di “sensibilizzazione” portata avanti da Netanyahu era diretta soprattutto a mobilitare gli Stati Uniti, che pur non aderendo alla Cpi si sono rivelati particolarmente ricettivi alle sollecitazioni di Tel Aviv.

Interpellata sul punto, la Casa Bianca ha rifiutato di fornire chiarimenti in merito al contenuto dei colloqui telefonici avuti dal presidente Joe Biden con Netanyahu, ma ha tenuto a sottolineare che «la Corte Penale Internazionale non ha giurisdizione in questa situazione e non supportiamo la sua indagine». I membri del Congresso di affiliazione sia democratica che repubblicana si sono spinti oltre, avvertendo la Cpi che eventuali mandati di arresto nei confronti di politici, funzionari e militari israeliani avrebbero scatenato ritorsioni immediate da parte degli Stati Uniti. Stando a quanto rivelato dal sempre ben informato «Axios», i congressisti statunitensi sarebbero già impegnati nella stesura di un disegno di legge concepito dai senatori repubblicani Tom Cotton, Ted Cruz e Marco Rubio per consentire il sanzionamento dei funzionari della Cpi coinvolti nelle indagini sugli Stati Uniti e i loro alleati. Come spiega Cotton, «la Cpi non ha giurisdizione legittima sugli Stati Uniti o su qualsiasi Paese che non ne riconosca l’autorità. Questa legislazione respinge l’appeasement dell’amministrazione Biden nei confronti della Corte Penale Internazionale. Protegge anche i nostri militari, funzionari e alleati dagli attacchi politicamente motivati della Corte, come già accaduto nei confronti delle forze statunitensi in Afghanistan e degli sforzi sostenuti da Israele per difendersi dall’aggressione terroristica». Il provvedimento sconta il pieno appoggio dello speaker della Camera Mike Johnson (repubblicano), secondo cui l’ipotetica emissione di mandati di cattura – definiti «vergognosi e illegali» – contro personale israeliano configuravano un pericolo precedente. «Se non sfidata dall’amministrazione Biden, la Cpi potrebbe assumere un potere senza precedenti, sufficiente a spiccare mandati di arresto contro politici, diplomatici e militari statunitensi», ha evidenziato Johnson. Il quale ha aggiunto che «invece di prendere di mira Israele ingiustamente, la Corte Penale Internazionale dovrebbe portare avanti le accuse contro l’Iran e i suoi alleati sostenitori del terrorismo, incluso Hamas, per aver commesso orribili crimini di guerra», ed esortato il governo a «chiedere immediatamente e inequivocabilmente che la Cpi faccia un passo indietro, e ad impiegare qualsiasi strumento disponibile per prevenire un tale abominio».

La reazione dell’amministrazione Biden e del congresso alle sollecitazioni di Netanyahu consacra l’enorme capacità di condizionamento che Israele è in grado di esercitare sugli Stati Uniti, e palesa la tradizionale propensione di Washington a legittimare l’operato degli organismi internazionali soltanto nel caso in cui i loro pronunciamenti risultino confacenti agli interessi Usa. Qualora quanto deliberato venga ritenuto lesivo o non allineato agli obiettivi Usa, viceversa, istituzioni come le Nazioni Unite o la stessa Corte Penale Internazionale di cui gli Stati Uniti si sono serviti per fornire legittimazione morale alla propria egemonia planetaria diventano oggetto di pesanti attacchi da parte di Washington. È questa, in fine dei conti, l’essenza profonda del cosiddetto “ordine basato su regole” (rules based order) tirato incessantemente in ballo da politici e funzionari statunitensi.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti