Cui prodest l'attacco USA in Siria? Queste foto lo dimostrano

Cui prodest l'attacco USA in Siria? Queste foto lo dimostrano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Proprio questa mattina, senza avere particolari dettagli sull'attacco degli USA, il primo dell'era Joe Biden, siamo stati facili profeti, in merito proprio al luogo dove è avvenuto il bombardamento, ovvero la Siria nord orientale, al confine con l'Iraq, dove, guarda caso, l'ISIS è ancora attivo.

L'agenzia Sputnik in lingua araba, la quale ha un inviato sul posto giusto per precisarlo a chi storce il naso sulla fonte, ha intervistato un generale siriano ed ha mostrato in anteprima le foto con i danni dei bombardamenti statunitensi, facendo luce sull'accaduto.

Il Generale siriano Nizal al Khader ha spiegato che è stato preso di mira "il passaggio utilizzato dalle forze alleate dell'Esercito arabo siriano, che combattono i gruppi terroristici nella zona di confine desertica tra Siria e Iraq, guidati dall'organizzazione terroristica ISIS".

 

 

Traete voi le conclusioni.

Khader, comandante della 17a Divisione dell'esercito siriano ha aggiunto che "l'aggressione americana ha provocato il martirio di un membro delle Forze di mobilitazione popolare irachena, con danni materiali al sito, che è considerato un palese attacco alle norme e alle leggi internazionali".

 

 

Il generale, inoltre,  ha negato che ci sono state vittime tra l'esercito arabo siriano a seguito dell'aggressione, e ha anche smentito i rapporti che riportano grandi perdite nei ranghi delle forze di mobilitazione popolare irachena, secondo quanto riportato da alcuni media occidentali.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine di Marinella Mondaini 9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore” di Giuseppe Masala In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti