Dai Cinque Stelle alla Lega: il caso al Senato che inchioda e ridicolizza i finti (tonti) pacifisti

Dai Cinque Stelle alla Lega: il caso al Senato che inchioda e ridicolizza i finti (tonti) pacifisti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nella giornata di domani la Giunta per il Regolamento del Senato si riunirà per rendere operativo qualcosa che non era mai stato fatto prima e dare l’ennesima spallata alle morenti istituzioni democratiche italiane: la dissoluzione di una Commissione permanente del Parlamento. E’ così, infatti, che si vuole punire politicamente chi ha avuto il coraggio dal primo momento di fare quello che oggi (A PAROLE!) sostengono anche ipocriti mestieranti della politica, i quali (goffamente) preparano il ritorno alle prossime piazze elettorali.

Quando il 31 marzo il Senato decideva di approvare in seconda lettura il decreto del governo che garantiva armi (senza nessuna specifica su quantità e qualità) al governo di Kiev, tutti i partiti (fatta eccezione di qualche componente del Misto tra cui Alternativa) decidevano per l’obbedienza fedele a Draghi (Nato).

Solo un senatore del Movimento 5 Stelle votò contro: Vito Petrocelli, presidente della Commissione esteri del Senato.

Da allora il partito del fu Grillo ha annunciato la sua cacciata ed è iniziata la crociata al “filo Putin” al “filo russo”… la storia che conoscete bene insomma.

Fa sorridere letteralmente leggere oggi i comunicati di esponenti Cinque Stelle, le dichiarazioni goffamente ipocrite di Salvini e Conte, se si pensa che il ministro degli esteri grillino Di Maio ha co-firmato con il guerrafondaio collega piddino alla Difesa il 22 aprile un nuovo decreto che presuppone l’invio di nuove armi (Secretate!). Il tutto per arrivare con gli ordini di Washington rispettati al famoso incontro nella base tedesca di Ramstein il 26 aprile scorso.

Decreto, è bene che lo sappiate, che non necessita nemmeno di un dibattito parlamentare o mediatico per la delega in bianco data da quel voto di TUTTI i partiti (Cinque Stelle compreso tranne appunto Vito Petrocelli).

Che credibilità mai potrà avere una dichiarazione di Conte se il ministro cinque stelle ha firmato quel decreto senza nessun dibattito parlamentare? Che credibilità potranno mai avere Cinque Stelle e Lega senza staccare la spina al governo bellico di Draghi?

Zero. Nel frattempo domani, giorno in cui Draghi prenderà gli ultimi ordini per colonia Italia da Washington, si consumerà la vendetta politica contro Petrocelli e nel farlo i membri della Commissione esteri e quelli della Giunta per il Regolamento hanno deciso di violentare per l’ennesima volta le istituzioni democratiche del nostro paese.

Il Comitato No alla Guerra ha lanciato venerdì un appello che come l’AntiDiplomatico abbiamo rilanciato e che ha avuto un successo oltre più rosea aspettativa, raggiungendo decine di migliaia di cittadini.

Solo la mobilitazione popolare può frenare una escalation bellica che su ordine della Nato TUTTI i partiti italiani (tranne Alternativa) hanno iniziato! Per mobilitarsi è semplice: scrivere ai senatori responsabili di questo ennesimo scempio una breve email (come spiegato qui di seguito)

 

OGGETTO DA INDICARE NELLA EMAIL: 

 

Protestiamo contro lo scioglimento della Commissione Esteri del Senato!! 

 

TESTO DA INVIARE

 

Senatore/Senatrice,

Nel determinare lo scioglimento della Commissione esteri del Senato, Lei sta agendo contro la Costituzione, contro il volere del popolo italiano e contro le speranze di pace. E' un'onta indelebile che non dimenticheremo mai.

Nome e luogo di residenza

 

ECCO LE EMAIL ALLE QUALI INVIARE IL BREVE TESTO DI CUI SOPRA.. SONO LE EMAIL DEI MEMBRI DELLA GIUNTA PER IL REGOLAMENTO E DEI MEMBRI DELLA COMMISSIONE ESTERI.

maria.alberticasellati@senato.it;luigi.augussori@senato.it;roberto.calderoli@senato.it;loredana.depetris@senato.it;davide.faraone@senato.it;ugo.grassi@senato.it;lucio.malan@senato.it;parrini.dario@gmail.com;gianluca.perilli@senato.it;vincenzo.santangelo@senato.it;segreteriapresidenteschifani@senato.it;julia.unterberger@senato.it;francesco.zaffini@senato.it;tony.iwobi@senato.it;stefania.craxi@senato.it;manuel.vescovi@senato.it;alessandro.alfieri@senato.it;francesco.giacobbe@senato.it;stefano.lucidi@senato.it;alberto.airola@gmail.com;fabio.dimicco@senato.it;gianluca.ferrara@senato.it;adriano.galliani@senato.it;mario.monti@senato.it;simona.nocerino@senato.it;marinella.pacifico@senato.it;matteo.salvini@senato.it;f_porta@hotmail.com;paola.taverna@senato.it;adolfo.urso@senato.it;luigi.zanda@senato.it;vitorosario.petrocelli@senato.it;laura.garavini@senato.it

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano" di Francesco Santoianni Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

"Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza" di Pasquale Cicalese "Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza"

"Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza"

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO di Gilberto Trombetta DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti