Draghi cita le "file della Caritas" ma non conosce il suo ultimo rapporto

Draghi cita le "file della Caritas" ma non conosce il suo ultimo rapporto

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

«Non esiste progresso o crescita economica senza coesione sociale, se si lasciano indietro i poveri non c'è crescita». E' una delle risposte che il primo ministro italiano ha fornito ai giornalisti nella conferenza stampa di fine anno. Una delle rare occasioni in cui Draghi, perché costretto, si concede a giornalisti tra l'altro reverenti e compiacenti.

In uno dei suoi ultimi passaggi, l'ex presidente della Bce ha addirittura ricordato "le lunghe file alla Caritas durante la prima fase della pandemia", per poi ricordare come "priorità" del suo governo siano state "fin dall'inizio" quelle persone. 

Mente e dimostra di non conoscere l'ultimo rapporto della Caritas (ottobre 2021) però Draghi. E vogliamo ricordargli alcuni passaggi dello stesso, che dimostrano quanto grave sia stato l'impatto di quest'ultimo governo per gli ultimi del nostro paese. Altro che "priorità"!

"Nel 2021 sale la quota di chi vive forme di povertà croniche (27,7%): più di una persona su quattro è accompagnata da lungo tempo e con regolarità dal circuito delle Caritas diocesane e parrocchiali. E preoccupa la situazione dei poveri “intermittenti” (19,2%)". E ancora: "Con il covid aumentano i poveri che si devono affidare, spesso per la prima volta, all’aiuto della rete sociale della Chiesa.

Secondo il rapporto annuale della Caritas sulla povertà, quindi, nei primi otto mesi del 2021 "è aumentato del 7,6% il numero di persone assistite dalla Caritas in Italia rispetto al 2020."

I nuovi poveri  rappresentano il 37% del totale. Tra gli italiani utenti dei centri Caritas l’incidenza dei percettori sale al 30,1%, scende invece al 9,1% tra gli assistiti stranieri. Nelle regioni del Mezzogiorno l’incidenza di chi percepisce la misura è molto più elevata (pari al 48,3%), rispetto alle regioni del Nord (23,4%) e del Centro (8,5%).

Questa è la fotografia di un'Italia che non ha voce e rappresentanza politica.  Di un'Italia che deve subire anche l'umiliazione di essere citati come "priorità" da uno dei suoi principali carnefici. 

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO di Savino Balzano CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti