Eduardo Galeano: L'esercito israeliano "uccide per orrore"

Eduardo Galeano: L'esercito israeliano "uccide per orrore"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Eduardo Galeano nel 2012 scrisse questo articolo sulla questione palestinese. Sono passati 9 anni, alla luce degli ultimi eventi sanguinosi nella Striscia di Gaza, il punto e il luogo della domanda dallo scrittore uruguaiano resta sempre tremendamente attuale: "Da dove viene l'impunità con cui Israele sta compiendo il massacro a Gaza?"

Di seguito l'articolo, pubblicato su Contradictions

Per giustificarsi, il terrorismo di stato produce terroristi: semina odio e raccoglie alibi. Tutto indica che questo massacro a Gaza, che secondo i suoi autori vuole porre fine ai terroristi, li moltiplicherà. 

Dal 1948 i palestinesi vivono condannati all'umiliazione perpetua. 

Non possono nemmeno respirare senza permesso. Hanno perso la loro patria, le loro terre, la loro acqua, la loro libertà, il loro tutto. Non hanno nemmeno il diritto di scegliere i propri governanti. 

Quando votano per chi non dovrebbero votare, vengono puniti. Gaza viene punita. È diventata una trappola per topi senza uscita, da quando Hamas ha vinto le elezioni nel 2006.

Qualcosa di simile era accaduto nel 1932, quando il Partito Comunista trionfò alle elezioni in El Salvador. In un bagno di sangue, i salvadoregni hanno espiato per la loro cattiva condotta e da allora hanno vissuto sotto dittature militari. La democrazia è un lusso che non tutti meritano.

I figli dell'impotenza sono i razzi fatti in casa che i militanti di Hamas, messi all'angolo a Gaza, sparano con mira spudorata sulle terre che erano state palestinesi e che l'occupazione israeliana ha usurpato. E la disperazione, sull'orlo della follia suicida, è la madre della spavalderia che nega il diritto di Israele di esistere, urla senza alcuna efficacia, mentre la guerra di sterminio molto efficace ha negato, per anni, il diritto all'esistenza della Palestina. 

La piccola Palestina è rimasta. Passo dopo passo, Israele la sta cancellando dalla mappa.

I coloni invadono e dietro di loro i soldati stanno correggendo il confine. I proiettili santificano i diseredati, in legittima difesa. Non esiste guerra aggressiva che non pretenda di essere una guerra difensiva. Hitler invase la Polonia per impedire alla Polonia di invadere la Germania. 

Bush ha invaso l'Iraq per impedire che l'Iraq invadesse il mondo.

In ciascuna delle sue guerre difensive, Israele ha inghiottito un altro pezzo di Palestina e i pranzi continuano. La devozione è giustificata dai titoli di proprietà concessi dalla Bibbia, dai duemila anni di persecuzione subiti dal popolo ebraico e dal panico generato dai palestinesi in agguato.

Israele è il paese che non si attiene mai alle raccomandazioni o risoluzioni delle Nazioni Unite, quello che non si attiene mai alle sentenze dei tribunali internazionali, quello che infrange le leggi internazionali, ed è anche l'unico paese che ha legalizzato la

tortura di prigionieri. 

Chi ti ha dato il diritto di negare tutti i diritti? Da dove viene l'impunità con cui Israele sta compiendo il massacro a Gaza? Il governo spagnolo non avrebbe potuto bombardare impunemente i Paesi Baschi per porre fine all'ETA, né il governo britannico avrebbe potuto rasa al suolo l'Irlanda per liquidare l'IRA. La tragedia dell'Olocausto implica una politica di eterna impunità? O quel semaforo verde viene dalla massima potenza che ha il più incondizionato dei suoi vassalli in Israele?

L'esercito israeliano, il più moderno e sofisticato del mondo, sa chi sta uccidendo. Non uccide per errore. Uccide per orrore. Le vittime civili sono chiamate danni collaterali, secondo il dizionario di altre guerre imperiali. 

A Gaza, su dieci danni collaterali, tre sono bambini. E ci sono migliaia di vittime mutilate della tecnologia dello smembramento umano, che l'industria militare sta testando con successo in questa operazione di pulizia etnica.

E come sempre, sempre la stessa: a Gaza, cento a uno. Per ogni 100 palestinesi uccisi, un israeliano.

Gente pericolosa, avverte l'altro bombardamento, compiuto dai mass media di manipolazione, che invita a credere che una vita israeliana valga quanto cento vite palestinesi. E questi media ci invitano anche a credere che le duecento bombe atomiche di Israele siano umanitarie e che una potenza nucleare chiamata Iran sia stata quella che ha annientato Hiroshima e Nagasaki.

La cosiddetta comunità internazionale, esiste?

È più di un club di mercanti, banchieri e guerrieri? È qualcosa di più del nome d'arte che gli Stati Uniti usano quando fanno teatro?

Di fronte alla tragedia di Gaza, l'ipocrisia globale si mostra ancora una volta. Come sempre, l'indifferenza, i discorsi vuoti, le dichiarazioni vuote, le declamazioni altisonanti, le posizioni ambigue, rendono omaggio alla sacra impunità.

Di fronte alla tragedia di Gaza, i paesi arabi si lavano le mani. Come sempre. E come sempre, i paesi europei si sfregano le mani.

La vecchia Europa, così capace di bellezza e perversità, versa occasionalmente lacrime mentre celebra segretamente questa mossa magistrale. Perché la caccia agli ebrei è sempre stata un'usanza europea, ma per mezzo secolo quel debito storico è stato riscosso dai palestinesi, che sono anche semiti e che non sono mai stati, né lo sono, antisemiti.

Stanno pagando, con sangue costante, un conto degli altri.

 

Potrebbe anche interessarti

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni? di Paolo Desogus Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice di Giorgio Cremaschi Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Mascherine all'aperto. La Caporetto della "Scienza" di Francesco Santoianni Mascherine all'aperto. La Caporetto della "Scienza"

Mascherine all'aperto. La Caporetto della "Scienza"

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie... di Giuseppe Masala L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition  di  Leo Essen Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti