/ Erdogan: 'La Turchia schiererÓ le sue truppe nella provincia siri...

Erdogan: 'La Turchia schiererÓ le sue truppe nella provincia siriana di Idlib'

 

La misura fa parte dei negoziati tra Russia, Turchia e Iran per stabilire la quarta zona di riduzione della tensione, stabilita nella provincia di Idlib.

Il presidente turco Tayyip Erdogan, ha dichiarato, nel corso di in un'intervista alla Reuters, che il suo paese dispiegherà le sue truppe nella zona di Idlib, nord della Siria. La misura fa parte dell'offerta negoziata dalla Russia il mese scorso per alleviare la tensione nel paese arabo, ma osteggiata dal governo siriano.
 
Il presidente turco ha affermato che le aree di "distensione" incluse nell'accordo tra la Turchia, la Russia e l'Iran saranno discusse con il presidente russo Vladímir Putin durante la sua visita ad Ankara la prossima settimana. "Secondo l'accordo, i russi mantengono la sicurezza al di fuori di Idlib, mentre la Turchia lo fa all'interno della provincia", ha aggiunto Erdogan.
 
"Il compito non è facile", ha precisato erdogan, aggiungendo che "Putin discuterà ulteriori misure da adottare per sradicare i terroristi una volta per tutte e riportare la pace".
 
Idlib, quarta zona di riduzione della tensione
 
Dall'inizio di maggio sono state create quattro aree di distensione nel paese arabo.
L'accordo su queste aree della Siria è stato firmato a Astana da rappresentanti di Russia, Iran e Turchia.
 
Attualmente, solo tre sono operative: nella Siria sud-occidentale, nella parte del Ghouta orientale, zona rurale di Damasco e nelle vicinanze della città di Homs. La quarta zona comprende la provincia di Idlib e parti delle province vicine di Aleppo, Latakia e Hama.
 
Ieri, la Russia ha presentato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite un progetto di risoluzione sulle zone di riduzione della tensione in Siria.
 
Fonte: Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa