Erdogan snobba Bolton. Lo statunitense sbatte la porta e lascia la Turchia

Erdogan snobba Bolton. Lo statunitense sbatte la porta e lascia la Turchia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Piccole Note
 

Recep Erdogan si è rifiutato di incontrare John Bolton, giunto in Turchia per riannodare fili disconessi, stante che da tempo il sultano gioca la sua partita a tutto campo, con l’ambiguità del caso e a prescindere dall’antico alleato d’oltreoceano.


A quanto pare Bolton non è riuscito, dato che non solo Erdogan non l’ha incontrato, ma ha pure definito un “grave errore” la dichiarazione da lui rilasciata nel corso della pregressa visita in Israele.


Nella foga di stoppare il ritiro americano dalla Siria ordinato da Trump, Bolton aveva affermato che non sarebbe avvenuto senza garanzie sulla sicurezza dei curdi che occupano l’area di Siria controllata dall’Us Army .


In realtà, Bolton aveva usato parole più crude: gli Usa non possono lasciar “massacrare i curdi” dai turchi. Dichiarazione “inaccettabile” per Ankara.


La Turchia, ha detto Erdogan, è amica del popolo curdo. È solo determinata a Pkk e Pyd.


Le sue parole sono state accompagnate da quelle di  Omer Celik, portavoce dell’Akp (il partito del Presidente): “La Turchia è l’unico Paese amico dei curdi” E del portavoce del presidente, Ibrahim Kalin, il quale ha affermato che Ankara è garante della “sicurezza dei curdi in Siria“. Insomma, una levata di scudi in piena regola.


Haaretz riferisce che Erdogan non ha solo snobbato Bolton, ne ha anche messo in dubbio l’autorità, rivelando che Trump, in privato lo chiama “Mike Bolton” (in realtà, sembra più una concessione ulteriore da parte del presidente, il quale, chiamandolo col nome del Segretario di Stato, di fatto sembra accreditarlo come il vero ministro degli Esteri Usa…).


Il quotidiano israeliano ha poi ricordato la telefonata tra il presidente americano ed Erdogan, quando Trump avrebbe chiesto al suo omologo se Ankara fosse in grado di eliminare l’Isis dall’area attualmente occupata dagli americani. E, alla risposta positiva del suo interlocutore, aveva dato via libera al ritiro e luce verde a un’offensiva turca in zona.


Insomma, l’America non è stata ai patti. Da qui la furia di Erdogan, che aveva visto finalmente coronati i suoi sogni espansionistici, dato che con la scusa di combattere i terroristi curdi immaginava di conquistare parte della Siria.


Un piano per ora vanificato dall’iniziativa dei curdi di offrire il controllo della città di Mambij a Damasco, le cui truppe si sono così frapposte tra i due litiganti, giovandosi della indispensabile copertura russa.


Ed è questo il vero motivo della rabbia di Erdogan, che sa bene di non poter forzare la mano in Siria senza il supporto americano.


Le parole di Bolton sui pericoli incombenti sui curdi a causa di un’eventuale campagna turca, da questo punto di vista, potrebbero allontanare ancora di più tale prospettiva.


Al di là delle polemiche incrociate Erdogan-Bolton (che a sua volta ha criticato il sultano turco), resta l’incertezza sulla realizzazione effettiva del ritiro americano e sui tanti sviluppi possibili, non ultimo un attacco turco che potrebbe mandare fuori controllo la situazione.


Il problema sta anche nell’ambiguità che da tempo contraddistingue i curdi, divisi e infiltrati: se alcuni dei loro comandanti hanno dichiarato “inevitabile” un accordo con Damasco, altri sperano ancora in una prosecuzione della missione americana.


Intanto l’Isis ha ripreso la sua macelleria: oggi ha ucciso 32 combattenti curdi. Al di là del funesto destino dei poveri morti ammazzati, è un segnale importante. Trump aveva dichiarato che, avendo sconfitto l’Isis, l’Us Army aveva compiuto la sua missione e poteva finalmente uscire dai confini siriani.


L’Isis ha voluto far sapere che non è stato affatto sconfitto, Un modo per far restare le truppe Usa nell’area.


Fini strateghi, i sacerdoti del Terrore temono l’arrivo delle truppe di Damasco e dei russi, che sono riuscite a debellare la mala pianta nel restante territorio siriano.


Il caos è il brodo di coltura ideale per il Terrore. Ed è da capire se l’attuale diatriba tra Erdogan e Bolton lo alimenterà o meno.

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti