Esclusivo Global Times: così è stato prefabbricato il rapporto della BCI sullo Xinjiang

Esclusivo Global Times: così è stato prefabbricato il rapporto della BCI sullo Xinjiang

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Editoriale del Global Times*,

4 agosto 2021

 

La Better Cotton Initiative (BCI), un'organizzazione non governativa con sede in Svizzera, è stata al centro della campagna di diffamazione dell'industria del cotone della regione autonoma dello Xinjiang Uygur, nel nord-ovest della Cina, avviata da alcuni paesi occidentali.

In che modo il quartier generale della BCI è giunto alla conclusione che ci fosse il cosiddetto lavoro forzato nello Xinjiang?

Il Global Times ha appreso in esclusiva dal dipartimento per la sicurezza nazionale i dettagli dell'"indagine" dell'organizzazione avvenuta in collaborazione con “Verite”, un'organizzazione della società civile autoproclamatasi "indipendente e senza scopo di lucro".

L'indagine è stata commissionata a una società di Shenzhen, nel sud della Cina, affiliata a Verite. Non sorprende che nessuno del gruppo responsabile del progetto sia andato nello Xinjiang. Il rapporto presentato alla BCI, che citava affermazioni insostenibili da parte di organizzazioni anti-cinesi e una conclusione colpevole predeterminata, si basava su materiali raccolti online e scritti sotto la guida di Yao Wenjuan, il rappresentante legale della società di Shenzhen.

 

Collusione

 

Secondo l'introduzione sul suo sito Web, Verite è stata fondata nel 1995 e ha "collaborato con centinaia di aziende, governi e ONG per far luce sulle violazioni dei diritti dei lavoratori nelle catene di approvvigionamento".

Nel 2006, la società ha inviato un suo dipendente cinese Yao Wenjuan ad aprire una filiale a Shenzhen, che è stata successivamente registrata come società a nome di Verite e si è occupata delle sue attività in Cina. Ad aprile, il dipartimento della sicurezza nazionale ha condotto un'indagine sulla società e ha scoperto che la società di Shenzhen ha più di 20 dipendenti, con Yao come rappresentante legale.

Il Global Times ha appreso che il quartier generale della BCI ha invitato Verite a partecipare alle indagini sull'utilizzo del "lavoro forzato" nelle industrie legate al cotone nello Xinjiang.

Il rapporto intitolato "Ricerca sul lavoro forzato nella produzione di cotone in Cina con un focus specifico sullo Xinjiang", è stato scritto sotto la direzione di Yao, Quinn e Michael, ed è stato condotto dal personale dall’azienda di Shenzen.

Il budget per il progetto è stato di 88.200 dollari con la sede di Verite che ha preso 51.950 dollari e la società di Shenzhen 18.250, mentre le tasse per l'organizzazione sono state di 18.000 dollari. Secondo una copia di un estratto conto visualizzato dal Global Times, rispettivamente il 15 aprile, 13 maggio, 1 giugno e 11 settembre 2020, la società di Shenzhen ha presentato quattro rendiconti spese per 4.562,5 dollari ciascuno ad Anne Cormier della sede di Verite negli Stati Uniti. Il 13 giugno, il 22 agosto e il 31 ottobre 2020, la sede ha inviato i soldi alla società di Shenzhen tramite il suo conto bancario a Hong Kong.

Non c'è traccia di questo progetto della BCI nei registri dei rimborsi finanziari della società di Shenzhen di qualsiasi dipendente che si rechi nello Xinjiang per condurre un'indagine sul campo.

Zhang Wen (pseudonimo), un dipendente della Shenzhen Verite che ha preso parte al progetto Xinjiang, ha confermato al Global Times che non sono andati nello Xinjiang per sondaggi sul campo durante la stesura della bozza del rapporto, ma si sono affidati a materiali online.

Liu Min (pseudonimo), un altro dipendente di Shenzhen Verite che ha anche preso parte al progetto Xinjiang, ha dichiarato al Global Times che Yao ha assegnato a Zhang e a lei il progetto nel febbraio 2020 e che gli è stato chiesto di "raccogliere" prove sul "lavoro forzato" nello Xinjiang. Il piano del progetto prevedeva cinque parti, tra cui il sistema fondiario nello Xinjiang, la storia della coltivazione del cotone, le politiche di riduzione della povertà e le misure antiterrorismo.

Liu ha detto che "il profilo del rapporto era pieno di tendenziosità". Ogni volta che terminava una parte, la inviava a Yao per la modifica e la bozza veniva modificata in base alle richieste di Yao. Nel frattempo, Yao ha fornito a Liu un gran numero di "materiali" a cui fare riferimento, incluso il rapporto del famigerato "studioso" anti-cinese Adrian Zenz sul "lavoro forzato" nello Xinjiang. Il tutto è stato montato con una serie di rapporti faziosi provenienti dall'estero sui centri di formazione e istruzione professionale dello Xinjiang citate come "fonti".

 

Collage di rumors

 

"Quando Zhang ed io stavamo raccogliendo informazioni, non abbiamo trovato alcuna prova che nello Xinjiang ci fossero lavori forzati", ha detto Liu al Global Times. Ha sottolineato come tutte le informazioni all'estero nella versione cinese del rapporto sono state fornite loro da Yao, che ha anche supervisionato la loro analisi sul "lavoro forzato".

Liu ha affermato che nel maggio 2020 ha consegnato la prima bozza del rapporto a Yao, che "non era soddisfatto" e ha scritto nell'e-mail che riteneva fosse "difficile presentarlo dopo aver confrontato il nostro con il rapporto scritto dai nostri colleghi negli Stati Uniti."

"Il rapporto degli Stati Uniti ha concluso che c'era il lavoro forzato nello Xinjiang, il che era in grande contrasto con il nostro che non ha trovato prove di tali attività", ha detto Liu. "Era quello il problema.''

Ma la seconda versione del rapporto è giunta a una conclusione diversa, con cui Liu non era d'accordo. A cura di Yao, la versione rifinita ha adottato un approccio opposto alla normale ricerca, arrivando prima a una conclusione e poi cercando di trovare punti a sostegno della conclusione.

Con il progredire del rapporto, non sono stati in grado di trovare alcuna prova di "lavoro minorile" nella produzione di cotone. Tuttavia, Yao ha insistito per esaminare la revisione BCI per vedere se potevano trovare "record" di "lavoro minorile" in uso e per metterlo nella loro relazione.

Sebbene non sia stata trovata alcuna prova, Yao ha insistito nel concludere nel rapporto che "è molto bassa la possibilità che gli studenti siano stati organizzati su larga scala per raccogliere il cotone, ma ci sono ancora rischi per i bambini minorenni in una famiglia che si occupa della raccolta del cotone" dopo la scuola o nei fine settimana."

"Quindi possiamo concludere che il 'lavoro minorile' viene utilizzato in ogni famiglia che ha un figlio minorenne perché il loro figlio aiuta con la produzione di cotone?" chiese Liu.

Tuttavia, la bozza è stata presentata a Yao nel giugno 2020. Il 2 agosto 2020, Yao ha condiviso la bozza finale messa insieme dal quartier generale di Verite e rivista dalla BCI.

Zhang ha detto che ci sono molte "presunzioni di colpevolezza" nel rapporto. Ad esempio, la versione fornita al quartier generale dice: "Le ricerche esistenti indicano la possibilità di coercizione da parte dei funzionari del governo locale dei lavoratori poveri delle zone rurali a prendere parte alla raccolta del cotone nell'ambito del programma di riduzione della povertà".

Zhang ha detto al Global Times che il quartier generale della BCI sembrava essere soddisfatto dell'uso delle parole "pressione" e "coercizione" per descrivere il programma di riduzione della povertà. Il 10 luglio 2020, un revisore BCI di nome Damien Sanfilippo lo ha elogiato dicendo: "Grazie, questo è in genere il tipo di analisi che aggiunge valore".

"Questa è la prima volta che vedo un rapporto che avrebbe dovuto essere obiettivo, ma è stato manomesso e distorto. E’ anormale", ha detto Zhang.

"La ricerca per realizzare la bozza è stata molto limitata perché avevamo utilizzato informazioni di seconda mano, rendendo la sua conclusione imperfetta", ha detto Liu al Global Times.

Anche se la stessa Yao diceva che la situazione nello Xinjiang era complicata e non poteva essere interpretata in modo semplice, "le informazioni che abbiamo raccolto erano sia negative che positive, ma il rapporto non ha mai mostrato questa complessità", ha detto Liu. "Abbiamo avuto una parte per dare una recensione positiva e obiettiva sullo Xinjiang, che era il pretesto del rapporto che abbiamo presentato, ma è stato rimosso dall'inizio e incluso come allegato al rapporto finale".

"Chi presta attenzione agli allegati? Quando i lettori iniziano a leggere il rapporto finale, vedranno l'analisi del lavoro forzato nello Xinjiang e poi questa idea è stata piantata nelle loro teste. Le informazioni positive sullo Xinjiang sono difficili da entrare nelle loro teste, " ha detto Liù.

 

Spiegazioni pallide e deboli

 

Il Global Times ha appreso da diversi dipendenti della società di Shenzhen che dopo aver appreso che la società era sotto inchiesta per il rapporto BCI, Yao ha inviato un'e-mail ai dipendenti della società di Shenzhen l'11 aprile per difendersi.

Yao ha affermato nell'e-mail che il progetto sul rapporto BCI è una "ricerca a tavolino" e che le informazioni su di esso avrebbero dovuto essere condivise solo con un numero limitato di persone in Verite e BCI a causa della sua riservatezza, quindi la maggior parte delle persone nell'azienda non sapeva nulla del progetto.

Yao ha spiegato di aver guidato il progetto a causa del suo "affetto per lo Xinjiang". Ha anche affermato di aver preso in considerazione la possibilità di non accettare il progetto poiché ne comprendeva la complessità e la difficoltà a spiegarlo in modo che gli occidentali possano capirlo. "Ma l'affetto per lo Xinjiang mi ha spinto ad aiutare con le mie conoscenze professionali", ha scritto Yao nell'e-mail.

I dipendenti della società di Shenzhen non hanno creduto alle affermazioni di Yao. "Questa è la sua storia unilaterale", ha detto Liu. Se Yao avesse davvero intrapreso il progetto per amore dello Xinjiang, avrebbe dovuto essere sincera e dimostrare che non c'è lavoro forzato nella regione. Invece, ha fatto sfoggio di un rapporto falso, ha osservato Liu.

Agli occhi di Liu, le persistenti richieste di Yao sulla raccolta di informazioni e materiali sui rischi del "lavoro forzato" nello Xinjiang erano fatte per compiacere il cliente e fare più soldi.

"Tra il quartier generale della BCI, il quartier generale di Verite negli Stati Uniti e i dipendenti che hanno preso parte al progetto nell'azienda di Shenzhen, Yao ha avuto un ruolo cruciale, coordinando e guidando il progetto", ha detto Liu, osservando che il rapporto finale mostrava punti di vista e non ha mai sfidato i suoi clienti quando si sbagliavano. "Invece, tutto ciò che faceva era provvedere a loro", ha detto Liu.

Zhang e Liu, in qualità di membri principali per redigere la bozza del rapporto, hanno dichiarato al Global Times che "essere coinvolti nel progetto si sono confusi".

"Amo il mio paese. Non ho mai voluto essere coinvolto in qualcosa che mina la nostra sicurezza nazionale. Questo è un duro colpo per me", ha detto Zhang.

Liu ha detto che sta pensando di citare in giudizio Yao per averli coinvolti nel caso.

 

*Traduzione de l'AntiDiplomatico 

Ma perché oggi, con i vaccini, la situazione è peggiore di un anno fa? di Francesco Santoianni Ma perché oggi, con i vaccini, la situazione è peggiore di un anno fa?

Ma perché oggi, con i vaccini, la situazione è peggiore di un anno fa?

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti