"Far calare il M5S del 5%". L'oscena campagna mediatica contro la Raggi ha un obiettivo preciso...

"Far calare il M5S del 5%". L'oscena campagna mediatica contro la Raggi ha un obiettivo preciso...

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Francesco Erspamer*

Il referendum è tutt'altro che deciso. Perché il fronte del no potrebbe improvvisamente perdere dei pezzi. Infatti ne fanno parte molti piddini (alcuni dichiarati, altri che vorrebbero non esserlo ma siccome tutti gli altri sono fascisti non hanno scelta, in coscienza) che in questo momento tendono al no solo perché temono che poi le elezioni le potrebbe vincere il M5S e dunque governare con la maggioranza assoluta che Renzi aveva pensato per sé stesso. Ma se venissero rassicurati su questo punto, tornerebbero istantaneamente all'ovile. 

Da qui l'oscena campagna mediatica contro Virginia Raggi: Roma c'entra poco (se non per la grande mangiatoia delle Olimpiadi); il vero obiettivo è il referendum. Far calare nei sondaggi il M5S di un 4-5% e dunque riproporre il Pd come il sicuro vincitore delle successive elezioni politiche e dunque come il beneficiario della legge truffa e dello stravolgimento della Costituzione. Che allora diventerebbe accettabile.



Bisogna capirli, i piddini: hanno un'idea totalitaria della democrazia, fondata sull'assoluta convinzione che nessun altro sia democratico se non loro e che dunque l'unico modo per mantenere la democrazia in Italia sia andare al potere e restarci, loro, a qualunque costo. L'idea che la democrazia comporti alternanze, rischi, cambiamenti anche continui e in direzioni non gradite, li terrorizza: piuttosto, meglio restare aggrappati a chi sta sfasciando lo statuto dei lavoratori, privatizzando scuola e sanità, svendendo l'economia italiana alle multinazionali. Ma almeno si sa chi è.

*Professore all'Harvard University. Post Facebook del 8 settembre 2016

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO