Farsa di Biden sul Clima. Negli Usa aumentano trivellazioni per combustibili fossili

Farsa di Biden sul Clima. Negli Usa aumentano trivellazioni per combustibili fossili

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Dipinto al recente G20 di Napoli come il paladino della difesa del Clima contro i "cattivi" Russia e Cina che con il carbone fanno tutto e non rinunciano alla sua estrazione, si scopre che proprio dall'insediamento del "democratico" Joe Biden alla Casa Bianca, 20 Gennaio 2020, sono stati rilasciati 2100 permessi per le trivellazioni di terreni federali per estrarre combustibili fossili.

Insomma, la solita ipocrisia a stelle e strisce.

Nel dettaglio, secondo un'analisi dell'Associated Press, il Dipartimento dell'Interno ha approvato circa 2.500 permessi per trivellare su terreni pubblici e tribali nei primi sei mesi del 2021, di cui oltre 2.100 sotto l'amministrazione Biden. Se il trend continua, si stima che l'ente potrebbe rilasciare circa 6.000 permessi di perforazione entro la fine dell'anno.

Alcuni esperti ritengono che ciò che sta accadendo sia dovuto al fatto che Biden riprende semplicemente la tendenza guidata dall'ex presidente Donald Trump, che ha ridotto il tempo necessario per esaminare le richieste di perforazione, il che significa che molte aziende si sono assicurate quei diritti prima del cambio di comando.

Mentre il tasso di domande accettate ha rallentato durante le prime settimane di Biden come presidente grazie a un ordine temporaneo, in seguito è rimbalzato a un livello che supera le cifre mensili della maggior parte dell'amministrazione Trump. 

New Mexico e Wyoming sono gli stati con il maggior numero di approvazioni, seguiti da Montana, Colorado e Utah.

In questo senso, Erik Molvar, direttore esecutivo del Western Watersheds Project, ritiene che "sarà difficile" per l'attuale presidente interrompere completamente la perforazione di combustibili fossili nelle terre federali. La stessa ministra degli Interni Deb Haaland ha recentemente assicurato che al momento non hanno un piano per stabilire un divieto permanente, nonostante sia stata fermamente contraria mentre era una deputata.

Questi sono i fatti che saranno completamente ignorati dal mainstream. La colpa sarà sempre di Russia e Cina.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti