Gaza. Social media e censura

Gaza. Social media e censura

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il coro dei governi, soprattutto occidentali, rappresentato dai suoi organi di informazione mostrano all’opinione pubblica un mondo che non rispecchia la realtà. La stessa opinione pubblica, ormai, non è più disponibile a sorbirsi le menzogne del maistream. La guerra a Gaza, la ferocia criminale di Israele sta producendo un’ondata mondiale di solidarietà per la Palestina e la sua lotta di liberazione. La criminalizzazione della Resistenza palestinese non serve.

Allo stesso tempo come ha sottolineato il portale CovertAction, “le proteste in tutto il mondo in solidarietà con la Palestina stanno costruendo un movimento di sostegno alla resistenza e alla causa palestinese, mostrando ai leader che persone dagli Stati Uniti al Regno Unito, allo Yemen e alla Giordania e oltre, stanno dalla parte del popolo palestinese nella sua lotta contro gli israeliani sostenuti dagli Stati Uniti. occupazione. Queste proteste stanno cambiando la forma della copertura mediatica e influenzando l'opinione popolare e il dibattito sulla questione.”

Proprio per questa ragione “le società di social media come Twitter e Meta hanno tentato di censurare i contenuti filopalestinesi. Un video che elenca gli ospedali bombardati da Israele è stato rimosso da Instagram dopo aver ottenuto 12 milioni di visualizzazioni. L'account Twitter di Palestine Action US non è stato più seguibile per molti giorni. Ma le informazioni continuano a diffondersi rapidamente, mantenendo vivo il movimento di solidarietà.”

La censura senza vergogna è servita.

Le guerre non si sono mai fatte solo con le armi tradizionali, ci sono anche quelle mediatiche

Come ha evidenziato il giornalista di Mintpress Alan Macleod, per Israele  è “importante quasi quanto la sua campagna militare la sua battaglia per controllare la sua immagine pubblica. Anche se uccide migliaia di persone a Gaza, la piccola nazione del Medio Oriente sta spendendo milioni di dollari in una guerra di propaganda, acquistando pubblicità su YouTube, Facebook, Instagram e altre app online. Allo stesso tempo, un esercito di troll filoisraeliani ha invaso la funzione Community Notes su X/Twitter, tentando di influenzare il dibattito online sulla crisi in corso.”

Il target di Israele, secondo Macleod sono “prevalentemente sulle ricche nazioni occidentali, e i suoi obiettivi principali sono stati Francia, Germania, Regno Unito, Belgio e Stati Uniti. Solo in Francia il ministero ha speso 3,8 milioni di dollari. Senza dubbio anche altri rami del governo israeliano hanno speso soldi in pubblicità. Il messaggio schiacciante della campagna era che Hamas è un terrorista legato all’Isis e che Israele – una democrazia moderna e laica – si sta difendendo dall’aggressione straniera.

Gran parte dei contenuti violavano palesemente i termini di servizio di YouTube, inclusi una serie di annunci con inquadrature cruente di cadaveri. Un altro annuncio che ha attirato l'attenzione del pubblico è stato riprodotto prima dei video rivolti ai bambini. In mezzo a una scena di arcobaleni rosa e musica rilassante, appare il testo che recita:

Sappiamo che tuo figlio non può leggerlo. Abbiamo un messaggio importante da dirvi come genitori. 40 bambini sono stati assassinati in Israele dai terroristi di Hamas (ISIS). Proprio come faresti di tutto per tuo figlio, noi faremo di tutto per proteggere il nostro. Ora abbraccia il tuo bambino e stai con noi”.

Inoltre, il reporter precisa che “la campagna YouTube di Israele è stata accompagnata da estesi tentativi di controllare il dibattito pubblico su altre piattaforme di social media. In appena una settimana, il Ministero degli Affari Esteri ha pubblicato 30 annunci visualizzati su Twitter più di 4 milioni di volte. Come con YouTube, i dati analitici mostrano che prendevano di mira in modo eccessivo gli adulti nell'Europa occidentale.”

A tal proposito cita un esempio: “Un annuncio conteneva le parole “ISIS” e “Hamas”, mostrando immagini inquietanti che gradualmente si acceleravano fino a quando i nomi dei due gruppi si fondevano in uno solo. Nel caso in cui il messaggio non fosse abbastanza chiaro, terminava con il messaggio: “Il mondo ha sconfitto l’ISIS. Il mondo sconfiggerà Hamas”.

 Community Notes su Twitter e il tentativo di combattere le false informazioni

Riportiamo, per completezza di informazione, il testo di Macload in merito a Community Notes

La funzione Community Notes su Twitter è un tentativo di combattere le false informazioni. I contributori che si iscrivono alla funzione possono lasciare note su qualsiasi post, aggiungendo contesto ad affermazioni potenzialmente fuorvianti. La comunità poi vota queste note e, se un numero sufficiente di persone la considera utile, viene presentata sotto il tweet originale.

Sebbene abbia i suoi vantaggi, il sistema è maturo per abusi e infiltrazioni. Dal 7 ottobre, un esercito di troll filoisraeliani ha organizzato la funzione e sta tentando di indebolire e attaccare quanti più post possibile che mostrano Israele in una luce negativa o la Palestina in una luce positiva. Ciò è stato spesso fatto nel tentativo di nascondere i crimini di guerra israeliani.

“Se non sei un collaboratore di Community Notes, allora potresti non essere a conoscenza del fatto che qualsiasi tweet su Gaza che pone un inconveniente agli interessi dell’informazione israeliana viene assalito da apologeti israeliani che lavorano per manipolare la narrazione, anche sui tweet che esprimono semplicemente un’opinione.” ha scritto la giornalista Caitlin Johnstone.

Un esempio calzante è l’attacco all’ospedale Al-Ahli a Gaza. Sotto un tweet del giornalista Dan Cohen in cui si sottolineava che Hananya Naftali (un assistente del primo ministro Benjamin Netanyahu) si era vantato dell'attacco compiuto da Israele prima di cancellare il suo messaggio, Community Notes ha scritto che "Naftali ha apertamente ritrattato la sua dichiarazione, poiché da allora sono emerse prove conclusive". dimostrato che l’esplosione è stata provocata da un razzo lanciato male da Gaza”. La “prova conclusiva” offerta era una dichiarazione del Pentagono e un tweet di un ex comandante della squadra dell’aeronautica israeliana.

Nel frattempo, un tweet della commentatrice politica libanese Sara Abdallah che dava la notizia che Israele aveva appena bombardato la chiesa di San Porfirio a Gaza è stato segnalato da Community Notes. Ciò significava che tutti gli utenti vedevano una nota aggiunta con la scritta "Falso. La Chiesa ortodossa di San Porfirio a Gaza ha dichiarato che è intatta e operativa dal 9 ottobre 2023”. Il problema era che si trattava di notizie dell'ultima ora relative al 19 ottobre; quindi, qualsiasi dichiarazione prima di quel momento non aveva senso nel valutare la notizia. A indebolire ulteriormente la nota comunitaria è stato il fatto che Israele ha accettato quasi immediatamente la responsabilità della distruzione.

Anche i troll filoisraeliani non sono stati al di sopra delle palesi calunnie. In un mio post popolare in cui ho condiviso una foto di Joe Biden e Benjamin Netanyahu abbracciati con le parole: "In futuro, questa immagine sarà considerata uno dei momenti più vergognosi della storia", Community Notes ha aggiunto il messaggio: “Alan MacLeod è uno scrittore senior presso MintPress News. MintPress è rinomata per la pubblicazione di disinformazione di estrema sinistra e teorie del complotto antisemita. Anche altri membri dello staff di MintPress, come Lowkey e Mnar Adley, sono stati costantemente presi di mira con calunnie e argomenti mascherati da chiarimenti.

Vedere cosa si attacca

Nella nebbia della guerra, la rete mediorientale Al-Jazeera è stata una fonte costante di reportage in tempo reale. La rete, ben finanziata, dispone di una ampia squadra di reporter in Palestina e nella regione più ampia e ha una lunga storia nella copertura del conflitto.

Pertanto, quando Al-Jazeera ha pubblicato un'indagine che non ha trovato prove a sostegno dell'affermazione di Israele secondo cui il mancato lancio di un razzo palestinese era responsabile del danno all'ospedale Al-Ahli, la storia è diventata virale.

Questo è stato un duro colpo per Israele e i suoi apologeti, che non volevano che il sangue di centinaia di medici e pazienti innocenti cadesse sulle loro mani. E così, gli utenti filoisraeliani hanno tentato di inserire note della comunità in tutta la storia di Al-Jazeera, comprese quelle che dicevano:

“Questo è falso. La cupola di ferro non può intercettare i razzi durante la fase ascendente. Intercetta i razzi durante la discesa quando la loro traiettoria è più prevedibile. Il cratere non è compatibile con un attacco aereo”. 

“Al Jazeera è una testata di proprietà statale del Qatar, la cui indipendenza giornalistica è stata messa in dubbio dal governo degli Stati Uniti, e il Qatar ospita l’ufficio politico di Hamas, uno dei combattenti. Inoltre, l’intelligence statunitense indica che l’esplosione è stata effettivamente un razzo guasto”. 

Il video di Al Jazeera ha manipolato digitalmente il momento dell'esplosione dell'ospedale e l'immagine IR mostrata nel video non può essere utilizzata per giudicare i detriti del razzo. Altre fonti hanno già dimostrato che l’esplosione nel cortile dell’ospedale è compatibile con i detriti di un razzo e non con un attacco aereo”.

“Se guardi il video Gaza ha le luci accese nel filmato del missile intercettato dalla cupola di ferro mentre nel loro filmato Gaza è buia. Suggerendo che i video siano di tempi diversi.

“[Gli apologeti di Israele] stanno semplicemente facendo tutto il possibile per far sì che qualcosa attecchisca, unicamente perché è virale e scomodo”, ha scritto Johnstone.

 

Guerre Wiki

Questa non è la prima volta che Israele e i suoi sostenitori tentano di dirottare e manipolare le autostrade pubbliche dell’informazione. Per oltre un decennio, gruppi israeliani ben organizzati e ben finanziati si sono infiltrati in Wikipedia e hanno tentato di riscrivere l’enciclopedia per difendere le azioni israeliane e demonizzare le voci che si pronunciano contro di loro.

Uno dei più noti è il Consiglio Yesha, che già nel 2010 affermava di avere 12.000 membri attivi. I membri di Yesha sorvegliano scrupolosamente Wikipedia, rimuovendo fatti problematici e inquadrando gli articoli in un modo più favorevole a Israele.

Coloro che Yesha considera i “migliori redattori sionisti” ricevono ricompense, tra cui voli gratuiti in mongolfiera. Tra il 2010 e il 2012, questo progetto è stato supervisionato e coordinato personalmente dal futuro primo ministro Naftali Bennett.

Yesha e altri gruppi filoisraeliani hanno incessantemente preso di mira la pagina Wikipedia di MintPress, riempiendola di falsità dimostrabili e disinformazione. Wikipedia è consapevole di questo problema ma si è rifiutata di affrontarlo adeguatamente, forse in parte a causa della partigianeria sfacciatamente filo-israeliana del suo co-fondatore Jimmy Wales.

Un altro gruppo organizzato filoisraeliano è Act.IL, un’app sponsorizzata dal governo israeliano. Gli utenti dell’app (che, secondo quanto riferito, una volta aveva un budget di oltre 1 milione di dollari all’anno) sono incoraggiati a segnalare in massa i post, lasciare risposte nelle sezioni commenti dei siti web o promuovere e condividere messaggi pro-Israele online. Il punto è creare un’ondata di sostegno artificiale a Israele nei forum cruciali al fine di influenzare l’opinione pubblica.

Spie tra noi

Uno dei motivi per cui le società di social media non hanno represso le false attività filoisraeliane potrebbe essere che gli ex funzionari governativi e militari israeliani ricoprono posizioni di vertice in un gran numero delle piattaforme più importanti del mondo.

Emi Palmor, ad esempio, è una delle 22 persone che fanno parte dell’Oversight Board di Facebook . Palmor è stato in passato direttore generale del Ministero della Giustizia israeliano. In questo ruolo, ha supervisionato direttamente la rimozione dei diritti dei palestinesi. Ha creato una cosiddetta “Internet Referral Unit”, che spingerebbe Facebook a cancellare i contenuti palestinesi a cui il governo israeliano si opponeva. Nel suo nuovo ruolo presso l'Osservatorio, scrive effettivamente le regole di Facebook, decidendo quali contenuti promuovere ai 3 miliardi di utenti della piattaforma e cosa censurare, eliminare o sopprimere.

Palmor è anche un veterano dell'Unità 8200, forse l'unità più controversa dell'esercito israeliano. Descritta come la “NSA israeliana”, l'Unità 8200 è il fulcro del settore della sorveglianza ad alta tecnologia del paese. L’Unità 8200 spia la popolazione palestinese, compilando vasti dossier su milioni di persone, inclusa la loro storia medica, vita sessuale e storie di ricerca, da utilizzare in seguito per estorsioni. Gli individui scoperti a tradire il proprio coniuge o coinvolti in attività omosessuali vengono spesso distorti dai militari e trasformati in informatori. Un veterano ha ammesso che, come parte della sua formazione, gli è stato assegnato il compito di memorizzare diverse parole arabe per “gay” per ascoltarle durante le conversazioni.

I diplomati dell'Unità 8200 hanno continuato a produrre gran parte degli strumenti di spionaggio più controversi del mondo, che hanno venduto ai governi repressivi di tutto il mondo.

Un'indagine di MintPress News ha portato alla luce una rete di centinaia di veterani dell'Unità 8200 che lavorano in posizioni influenti presso alcune delle più importanti società tecnologiche e di social media del pianeta, tra cui Google, Amazon e Meta (Facebook).

Ad esempio, il responsabile della strategia e delle operazioni per la ricerca di Google, Gavriel Goidel, era in precedenza un funzionario senior dell'Unità 8200, per poi diventare responsabile dell'apprendimento. Il capo della scienza dei dati di Facebook Messenger, Eyal Klein, ha prestato servizio per sei anni nell'Unità 8200, raggiungendo il grado di capitano. E dopo aver prestato servizio nella controversa unità, Ayelet Steinitz è diventata responsabile delle alleanze strategiche globali di Microsoft.

Mentre Israele è militarmente dominante sui suoi vicini e sulla sua popolazione prigioniera, sta perdendo la battaglia per conquistare l’opinione pubblica in Occidente. Praticamente ogni grande città d’Europa e del Nord America ha visto gigantesche proteste che chiedevano una Palestina libera. Nel frattempo, nonostante il sostegno quasi totale da parte dei massimi politici e dei media aziendali, le manifestazioni filo-israeliane hanno ricevuto scarsa partecipazione.

I governi si schierano con Israele. Ma il popolo sta dalla parte della Palestina. E così, mentre Israele è perfettamente in grado di livellare Gaza, non importa quanto spende, quanta propaganda produce e quanti sporchi trucchi mediatici gioca, sembra che non riesca a convincere il mondo a sostenere le sue azioni. Ma questo non gli impedisce di provarci.

Traduzione de l'AntiDiplomatico

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti