"Gilet Gialli". La giovane che perso un occhio per la violenza della Polizia: "La nostra società è molto ingiusta, non dobbiamo tollerarlo"

"Gilet Gialli". La giovane che perso un occhio per la violenza della Polizia: "La nostra società è molto ingiusta, non dobbiamo tollerarlo"

"Mi sembra che la nostra società sia molto ingiusta, penso che non dovremmo tollerarla", ha detto Fiorina Jacob Lignier, una studentessa di 20 anni che, a causa della violenza della polizia, le dovrà essere tolto l'occhio sinistro.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Ieri, in tutta la Francia, migliaia di persone sono scese in piazza per protestare contro le riforme economiche del governo del presidente Emmanuel Macron e l'attuale situazione nel paese.


 
È il 14° sabato consecutivo delle mobilitazioni dei "gilet gialli", e durante la giornata non sono mancati casi di uso di gas lacrimogeni da parte della polizia. Questo è il motivo per cui ogni protesta aumenta il numero di denunce di violenza della polizia.
 
Fiorina Jacob Lignier, una studentessa di filosofia, è stata attaccata dalla polizia quando ha marciato l'8 dicembre a Parigi. Durante l'attacco ha ricevuto un colpo all'occhio sinistro che la causato anche la rottura del naso. La giovane donna ha dichiarato a RT che la ferita ancora le "fa male" e per il suo occhio dovrà sottoporsi a un'operazione per rimuoverlo.
 

 
Lignier ha viaggiato dalla città di Amiens con il suo fidanzato, Jacob Maxime, per marciare sugli Champs Elysees e protestare contro le tasse sul carburante in aumento. "Mi sembra che la nostra società sia molto ingiusta, penso che non dovremmo tollerarla, proprio per questo ero venuta a Parigi", spiega la giovane donna.
 
"Eravamo sugli Champs Elysees. Era tranquillo, i 'gilet gialli' erano molto tranquilli. Dall'altra parte della strada noi, i rivoltosi hanno cominciato a colpire i negozi e dargli fuoco. La polizia ha iniziato a sparare per diperderli e sono andata dai pompieri, e questa era l'ultima cosa che ricordo, perché poi sono caduta, una granata mi ha colpito la testa", ha raccontato.
 
"Se ci ricordiamo di come tutto è successo, i rivoltosi erano a destra e sinistra. Mi spieghi perché la polizia ha sparato laggiù? Non è normale", ha lamentato Lignier. Ha aggiunto che capisce che la polizia è stanca, "ma la stanchezza non è una scusa per privare la gente dei propri occhi".
 
"In Francia, uno dei paesi più antichi e democratici del mondo, non è normale che questo accada. Ci siamo abituati a vedere nei paesi che tendiamo a criticare e accade in Francia, è semplicemente inaccettabile. Ho 20 anni e non riconosco il mio paese, questi non sono i valori che mi sono stati insegnati a scuola", ha affermato.
 
Le proteste dei "gilet gialli" erano originariamente motivate dal previsto aumento della tassa sul carburante. Tuttavia, nonostante il fatto che il governo del presidente Emmanuel Macron abbia annullato questo aumento delle tasse, le proteste sono diventate un movimento più ampio diretto contro le politiche ufficiali e le riforme economiche.
 
In termini generali, i manifestanti si lamentano delle tasse esorbitanti, bassi salari e l'incapacità di trovare un posto di lavoro retribuito, accusando le autorità allontanarsi dalla gente e lavorare per il bene delle persone più ricche del paese.
 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe