Gli USA negano di sostenere gli attacchi ucraini in Russia, per l'ambasciatore Antonov le dichiarazioni non "valgono un soldo bucato"

Gli USA negano di sostenere gli attacchi ucraini in Russia, per l'ambasciatore Antonov le dichiarazioni non "valgono un soldo bucato"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Washington sta dimostrando indifferenza nei confronti dei crimini del regime di Kiev stanziando un altro pacchetto di assistenza militare per un ammontare di 300 milioni di dollari USA e le sue dichiarazioni sul presunto non sostegno agli attacchi dell'esercito ucraino all'interno della Russia "non valgono un soldo bucato”, ha dichiarato l'ambasciatore russo, commentando l'assistenza di sicurezza degli Stati Uniti all'Ucraina annunciata il 31 maggio.

"Abbiamo notato la persistenza dell'amministrazione nell'escalation della crisi ucraina. Le autorità parlano ancora una volta con orgoglio di fornire assistenza finanziaria e un'altra partita di materiale ai loro folli fantocci di Kiev. Allo stesso tempo, stanno incitando i satelliti europei a limitare lo sviluppo tecnologico della Russia con ulteriori barriere commerciali", ha dichiarato sul canale Telegram dell'ambasciata russa, come riporta l’agenzia Tass.

"E questo avviene subito dopo una serie di attacchi terroristici da parte di protetti statunitensi a Mosca e nella regione di Mosca. Invece di chiamare in causa il regime di Zelensky, Washington sta dimostrando indifferenza per i crimini dei banderisti. Le dichiarazioni pubbliche della Casa Bianca, che affermano di non sostenere gli attacchi delle Forze armate ucraine nel cuore della nostra Madrepatria, non valgono un soldo bucato”, ha sottolineato.

"Il nuovo "pacchetto sicurezza" degli Stati Uniti, per un totale di 300 milioni di dollari, alimenta di fatto il regime marcio di Kiev", ha osservato. "Nulla ferma l'amministrazione. Né la crisi dell'economia, né gli appelli degli Stati dell'America Latina, dell'Africa e dell'Asia a fornire assistenza per lo sviluppo socio-economico".

"Numerose domande rimangono senza risposta sul perché Washington sia impreparata ad affrontare le acute questioni migratorie ai confini meridionali degli Stati Uniti. Il problema della misera esistenza dei migranti potrebbe essere risolto semplicemente reindirizzando almeno una parte degli aiuti militari che bruciano nella fornace del conflitto in Ucraina verso obiettivi nobili", ha dichiarato Antonov. "Tuttavia, le autorità statunitensi non vogliono vedere la realtà. Sembra che siano ‘zombificate’ dal desiderio di infliggere una sconfitta strategica alla Russia, cercando di logorare la nostra economia. Allo stesso tempo, continuano a incoraggiare le azioni sconsiderate dei loro "clienti", fornendo loro armi sempre più letali. Sembra che le lezioni che le Forze Armate russe impartiscono ai neonazisti nella zona di operazioni militari speciali non siano sufficienti per i patroni di Kiev".

Martedì mattina i droni ucraini hanno attaccato Mosca e la regione di Mosca. Secondo il Ministero della Difesa russo, l'attacco ha coinvolto otto droni, cinque dei quali sono stati abbattuti e altri tre disattivati con mezzi di guerra elettronica. Due persone a Mosca si sono rivolte ai medici per ricevere assistenza. Nessuna delle due ha richiesto il ricovero in ospedale. Alcuni edifici hanno subito danni minori.

Washington ha annunciato ieri che fornirà all'Ucraina un nuovo pacchetto di aiuti militari del valore di 300 milioni di dollari, che comprenderà sistemi antiaerei Stinger, sistemi di difesa aerea Avenger, munizioni aggiuntive per i sistemi di difesa aerea Patriot e per gli HIMARS (High Mobility Artillery Rocket Systems).

L'addetto stampa della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, ha dichiarato martedì in un regolare briefing che la parte statunitense non sostiene gli attacchi ucraini al territorio russo con l'uso di armi di fabbricazione statunitense. Secondo l'addetto stampa, Washington lo comunica pubblicamente e privatamente a Kiev. Jean-Pierre ha anche sottolineato che gli Stati Uniti starebbero raccogliendo informazioni sull'incidente.

Anche il coordinatore del Consiglio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti per le comunicazioni strategiche, John Kirby, ha dichiarato nella giornata di ieri che gli Stati Uniti non sostengono attacchi all'interno della Russia.

Da Mosca il presidente Putin ha definito l’attacco alla capitale russa come un tentativo ucraino di intimidire i suoi residenti. Ha detto che le difese aeree di Mosca hanno funzionato come previsto, ma ha ammesso che proteggere una città enorme è un compito arduo. "È chiaro che occorre rafforzare le difese aeree e lo faremo", ha dichiarato il leader russo.

Alcuni osservatori del Cremlino hanno notato che la reazione calma di Putin, in contrasto con le dichiarazioni di altri alti dirigenti russi. "Putin ha parlato ripetutamente della notevole pazienza e tenacia del popolo russo", ha commentato Tatiana Stanovaya del Carnegie Endowment. "Non importa quanto sia provocatorio un altro attacco ucraino, Putin non pensa che possa provocare malcontento nell'opinione pubblica nei confronti del governo”, riporta Al Jazeera. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti