/ Gli USA non daranno "un dollaro" per la ricostruzione della Siria...

Gli USA non daranno "un dollaro" per la ricostruzione della Siria fino a quando le forze iraniane non saranno fuori

 

Gli Stati Uniti non spenderanno denaro per la ricostruzione della Siria devastata dalla guerra se le truppe iraniane resteranno nel paese arabo, ha dichiarato il segretario di Stato Mike Pompeo.


Intervenendo ad un convegno promosso da un Istituto pro israeliano, il Segretario di Stato USA, Mike Pompeo ha dichiarato che Damasco dovrebbe cacciare via gli iraniani, che tra l'altro hanno aiutato i siriani a recuperare territorio contro ISIS e altri gruppi terroristici appoggiati anche da Washington, se vuole ricevere assistenza per la ricostruzione in futuro.
 
"Se la Siria non garantisce il ritiro totale delle truppe sostenute dall'Iran, non riceverà un dollaro dagli Stati Uniti per la ricostruzione". 
Pompeo ha osservato che Washington ritiene Damasco responsabile della partenza delle forze iraniane, affermando che "l'onere di espullere dell'Iran dal paese ricade sul governo siriano". 
 
Mentre gli Stati Uniti chiedono da tempo che le forze iraniane, che sono in Siria su invito di Damasco, lascino le loro posizioni, per la prima volta Washington ha collegato l'assistenza umanitaria al completo ritiro dell'Iran.
Solo lo scorso agosto, l'Iran e la Siria hanno firmato un accordo di difesa che mirava a ricostruire le forze armate gravemente impoverite della Siria e la sua industria militare. 
 
Il ritiro delle truppe iraniane dalla Siria è stata una delle richieste chiave incluse in un piano in 12 punti che Pompeo ha fatto per Teheran lo scorso maggio, minacciando di colpire la Repubblica Islamica con le "sanzioni più forti della storia" se non avesse rispettato le richieste.

Allo stesso tempo, gli stessi Stati Uniti non hanno fretta di ridurre il loro coinvolgimento militare in Siria.
 
Il nuovo impegno a tempo indeterminato per il ritiro delle truppe USA è un'inversione a U rispetto all'approccio precedente indicato da Trump. A marzo, il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato che le forze americane avrebbero lasciato  il campo di battaglia siriano "molto presto".
 
Tuttavia, mentre le truppe siriane sostenute dalla Russia e e i gruppi filo-iraniani hanno riguadagnato la maggior parte del territorio dai terroristi, Washington ha cambiato la sua retorica. 
 
Il rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Siria, James Jeffrey, ha affermato a settembre che Washington sarebbe rimasta fino alla "duratura sconfitta" dell'ISIS, chiarendo che gli Stati Uniti "non avevano fretta di ritirarsi".
 
John Bolton, il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, ha apparentemente messo le cose in chiaro in proposito quando ha dichiarato alla fine di settembre che le forze americane non "se ne andranno fintanto che le truppe iraniane si troveranno al di fuori dei confini iraniani, inclusi i consiglieri e le milizie iraniane “.
 
 
Fonte: France24
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa