Gli Usa non lasceranno Iraq e Siria nonostante il ritiro dall'Afghanistan

Gli Usa non lasceranno Iraq e Siria nonostante il ritiro dall'Afghanistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nonostante il completo ritiro dall'Afghanistan, le truppe statunitensi rimarranno in Iraq e in Siria, afferma un diplomatico statunitense.

"La missione delle truppe statunitensi è stata completata in Afghanistan", mentre "la presenza militare degli Stati Uniti in Iraq e nel nord della Siria continua" , ha ribadito, ieri, il vice segretario americano incaricato dell'Asia occidentale, Joey Hood, in un'intervista con il canale americano in lingua araba Al-Hurra.

In risposta a una domanda sulla possibilità di una replica dello scenario afgano in Siria e Iraq, l'alto funzionario ha affermato che l'Afghanistan era totalmente diverso con questi paesi arabi, sottolineando che Washington "ha molti interessi nell'Asia occidentale" e non vuole perderli.

"Gli Stati Uniti non abbandoneranno l'Iraq o la Siria nel prossimo futuro", ha sottolineato il diplomatico a questo proposito.

In questo senso, Hood ha fatto eco alle dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che a suo tempo ha sottolineato la necessità del proseguimento della presenza militare sia in Iraq che in Siria.

Nel caso dell'Iraq, Biden e il primo ministro iracheno Mustafa al-Kazemi hanno firmato un patto alla fine di luglio per porre fine alla missione di combattimento di Washington in Iraq prima della fine del 2021, sebbene le truppe rimarranno nel paese arabo con il pretesto di consigliare e addestrare l'esercito iracheno, come concordato.

Dal canto loro, i gruppi iracheni sottolineano che il 31 dicembre sarà il periodo massimo in cui le forze statunitensi dovranno lasciare l'Iraq, oppure arriverà l'opzione militare per espellerle.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli