Global Times - Abe è ricordato in Cina come una figura controversa

Global Times - Abe è ricordato in Cina come una figura controversa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Global Times

 

L'ex primo ministro giapponese Shinzo Abe, 67 anni, è morto poche ore dopo essere stato colpito da un uomo armato venerdì 8 luglio a Nara, nella parte occidentale del Giappone, dove stava tenendo un discorso di campagna elettorale per le elezioni della Camera alta del Parlamento che si terranno domenica. 

Gli osservatori cinesi hanno descritto l'assassinio di Abe come il più grande incidente politico nella politica giapponese dalla fine della Seconda Guerra Mondiale e hanno messo in guardia sugli effetti a catena della morte di questa figura controversa, che un tempo ha contribuito alle relazioni tra Cina e Giappone, ma che in seguito ha fatto a pezzi questi risultati. 

Un medico dell'ospedale dell'Università di Medicina di Nara ha dichiarato in una conferenza stampa che Abe è morto alle 17:03, secondo quanto riportato da Kyodo News. 

L'aggressore è stato arrestato e il caso è in corso di indagine. Secondo i media giapponesi, il sospetto è un uomo di 41 anni e il movente dell'attacco rimane poco chiaro. 

Il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian, commentando l'aggressione di Abe e la sua morte, ha dichiarato che la Cina è rimasta scioccata dall'attacco. Abe ha contribuito a migliorare i legami del Giappone con la Cina e noi porgiamo le nostre condoglianze alla sua famiglia, ha dichiarato Zhao. 

Anche l'ambasciata cinese in Giappone ha espresso il proprio cordoglio per la morte di Abe. 

Per l'opinione pubblica cinese, Abe era una figura politica controversa - aveva migliorato le relazioni del Giappone con la Cina, segnate da due viaggi per rompere il ghiaccio durante il suo secondo mandato nel 2013 e nel 2018, ma le sue osservazioni e le sue azioni, tra cui le frequenti visite al famigerato Santuario Yasukuni e la negazione della storia dell'invasione del Giappone, hanno portato alla sua cattiva reputazione tra l'opinione pubblica cinese. 

La prima visita rompighiaccio è stata effettuata dopo la ridicola rivendicazione territoriale del Giappone sulle isole Diaoyu, che ha trascinato le relazioni bilaterali nel baratro. La sua seconda visita rompighiaccio in Cina risale all'ottobre 2018, quando ha partecipato agli eventi per il 40° anniversario della firma del Trattato di pace e amicizia tra Cina e Giappone e a un forum per la promozione della cooperazione infrastrutturale tra le aziende dei due Paesi. Nel 2017, Abe ha espresso pubblicamente la volontà di cooperare con la Cina sulla Belt and Road Initiative e ha detto che non avrebbe escluso l'adesione alla Asian Infrastructure Investment Bank, con sede in Cina.

Tuttavia, il 20 dicembre 21, Abe, che aveva già lasciato la carica di primo ministro, ha falsamente affermato che "un'emergenza Taiwan è un'emergenza giapponese", una grave violazione e provocazione contro il principio di una sola Cina, per non parlare delle sue frequenti visite e omaggi al Santuario Yasukuni. 

Queste parole e azioni sbagliate, dopo le dimissioni di Abe, hanno quasi completamente annullato i risultati raggiunti nel sostenere i legami tra Cina e Giappone. 

Lü Chao, direttore dell'Istituto di studi sugli Stati Uniti e sull'Asia orientale dell'Università di Liaoning, ha descritto Abe come un "attore". 

Abe, quando era in carica, doveva prendere in considerazione i legami con la Cina, in particolare l'aspetto economico, perché ciò avrebbe portato benefici al Giappone. A prescindere dagli scopi che si prefiggeva, i contributi che ha dato ai legami Cina-Giappone sono stati ricordati.

Ma Lü ha sottolineato che Abe non ha riconosciuto i crimini di guerra del Giappone. Per questo motivo Abe ha detto la sua dopo essersi dimesso e ha agito spregiudicatamente sulla questione di Taiwan. 

Al di là dei suoi contributi e degli errori, gli analisti ritengono che Abe sia stato una delle figure più imprescindibili della politica giapponese di questo secolo.

In quanto due volte primo ministro e leader della fazione più numerosa del Partito Liberal Democratico (LDP) al governo del Giappone, la morte di Abe potrebbe avere ripercussioni sulla politica giapponese e sulla comunità internazionale, hanno detto gli esperti. Secondo gli analisti, le forze di destra giapponesi potrebbero utilizzare questo incidente per spingere la tendenza alla trasformazione conservatrice della politica giapponese e i sostenitori di Abe continueranno a promuovere un "Indo-Pacifico libero e aperto" e le sue altre politiche, portando maggiori rischi per la sicurezza dell'Asia nord-orientale.

Non solo un incidente

Xiang Haoyu, ricercatore presso il China Institute of International Studies, ha dichiarato venerdì al Global Times che, dato che l’attentato arriva in un momento delicato in vista delle elezioni per la Camera alta, non si possono escludere motivazioni politiche.

Sebbene Abe sia stato il primo ministro più longevo del Giappone, in Giappone ci sono opinioni contrastanti su di lui e sono sempre esistite opinioni contrarie ad Abe, tra cui l'insoddisfazione per l'aumento del divario tra ricchi e poveri causato dall'Abenomics e il disgusto per la sua rettifica forzata delle politiche militari e di sicurezza, ha detto Xiang. 

Liu Jiangyong, vice preside dell'Istituto di Relazioni Internazionali Moderne dell'Università Tsinghua, ha dichiarato venerdì al Global Times che il Giappone sta affrontando molteplici problemi come il deprezzamento dello yen, l'inflazione, la disoccupazione e il rimbalzo dell'epidemia, che richiedono tutti che il governo giapponese adotti misure efficaci. Invece di rispondere all'ansia e all'insoddisfazione della gente, i politici giapponesi non fanno altro che enfatizzare le minacce dei Paesi vicini, deviando l'attenzione del pubblico e sottolineando la necessità di rafforzare l'esercito.

In qualità di leader della più grande fazione politica giapponese, Abe ha esercitato a lungo una grande influenza sugli affari interni ed esteri del Paese, ha dichiarato Liu, osservando che l'opposizione giapponese è troppo debole per bilanciare le politiche dell'LDP.

Pertanto, non si può escludere che il sospetto criminale fosse fortemente insoddisfatto delle politiche del governo giapponese sotto il "controllo de facto di Abe", poiché non c'è modo di cambiare lo status quo, quindi ha scelto una via estrema, ha detto Liu. 

Stimolo alla destra

Sebbene le tendenze politiche dell'attentatore non siano ancora state confermate ufficialmente, gli esperti cinesi hanno affermato che è quasi certo che la morte di Abe non fermerà la tendenza conservatrice della politica giapponese nel suo complesso, ma potrebbe rafforzarla in qualche misura. 

Abe ha ricoperto il ruolo di primo ministro giapponese per due volte, dal 2006 al 2007 e dalla fine del 2012 al 2020, diventando così il primo ministro più longevo del moderno sistema di governo giapponese. Dopo essersi dimesso per motivi di salute, Abe ha continuato a svolgere un ruolo importante nella politica giapponese come membro della Camera dei rappresentanti.

"La visita di Abe a Nara aveva lo scopo di promuovere il programma di revisione costituzionale dell'LDP", ha dichiarato Lü Yaodong, ricercatore dell'Istituto di studi giapponesi dell'Accademia cinese delle scienze sociali. Ha aggiunto che il futuro successore di Abe potrebbe accelerare il processo di revisione della Costituzione pacifista all'insegna dell'"eredità di Abe".

L'attacco ad Abe scatenerà sicuramente l'estrema destra giapponese, ha detto Lü. 

Da Zhigang, direttore dell'Istituto di studi sull'Asia nordorientale dell'Accademia provinciale di scienze sociali di Heilongjiang, ha dichiarato venerdì al Global Times che, in vista delle elezioni per la Camera alta, la morte di Abe potrebbe servire alle forze conservatrici dell'LDP come "simbolo" per ottenere maggiore simpatia da parte dell'opinione pubblica giapponese. 

Al momento, il Giappone non sembra avere il potenziale per cambiare radicalmente la traiettoria del Paese o le dinamiche regionali, ma la morte di Abe potrebbe stimolare l'estrema destra giapponese a promuovere obiettivi politici populisti, xenofobi e persino estremi, ha dichiarato venerdì al Global Times Lu Hao, ricercatore presso l'Istituto di studi giapponesi dell'Accademia cinese delle scienze sociali. 

Analogamente alla politica interna del Giappone, si prevede che i successori e i sostenitori di Abe continueranno a promuovere la sua politica estera nell'Indo-Pacifico e la sua partecipazione attiva al meccanismo QUAD, accelerando il ritmo dell'ingresso della NATO in Asia e aumentando i rischi per l'Asia nord-orientale, ha dichiarato Lü. 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra