Global Times - Biden e Macron prendono di mira la Cina

Global Times - Biden e Macron prendono di mira la Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Ma Jingjing e Fan Anqi - Global Times

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il suo omologo francese Emmanuel Macron hanno preso di mira la Cina durante la visita di Biden in Francia: Biden ha invocato la “libera navigazione” nell'Indo-Pacifico, mentre Macron ha chiesto un'azione “coordinata” contro la cosiddetta “sovraccapacità” in Cina. Secondo gli osservatori cinesi, gli Stati Uniti mirano a portare i propri alleati nella regione indo-pacifica per sostenere la propria strategia ed espandere la propria presenza, mentre la solida cooperazione economica e commerciale tra Cina e Unione Europea subirebbe un impatto se l'UE imponesse dazi sulle merci cinesi.

La visita di Biden avviene mentre gli Stati Uniti stanno cercando di mantenere la loro alleanza in Europa, mentre emergono crescenti spaccature per il conflitto in Medio Oriente e le preoccupazioni per il ritorno di Trump al numero 1600 di Pennsylvania Avenue. 

Secondo una trascrizione pubblicata sabato dal sito web della Casa Bianca, Biden ha detto a Macron durante la sua visita: “Nell'Indo-Pacifico siamo uniti per la libertà di navigazione, per governi trasparenti e per pratiche economiche eque”, con un sottile riferimento alla “crescente influenza” della Cina nella regione. Tuttavia, Macron non ha fatto osservazioni di questo tipo. 

"Gli Stati Uniti hanno la ferma intenzione di portare i propri alleati nella regione indo-pacifica per sostenere la propria strategia ed espandere la propria presenza. Pertanto, le osservazioni di Biden sono state un tentativo di coinvolgere l'alleato europeo nel suo progetto", ha dichiarato domenica al Global Times Li Haidong, professore dell'Università cinese degli Affari Esteri.

"La Francia, tuttavia, la vede da un punto di vista diverso. Ritengono che svolgere un ruolo nella regione indo-pacifica sia un palcoscenico importante per mostrare lo status della Francia come grande potenza e un simbolo significativo. A differenza degli Stati Uniti, che mirano a radunare alleati per competere con la Cina, la Francia cerca di dimostrare il suo status di grande potenza attraverso l'interazione con i paesi della regione", ha affermato Li.

Con queste osservazioni, Biden mira da un lato a rafforzare le proprie prospettive elettorali e dall'altro a garantire che le future politiche indo-pacifiche di un'eventuale amministrazione Trump non si discostino dall'attuale traiettoria. "Si tratta di un'azione significativa per limitare le azioni future di Trump. Riflette un approccio altamente opportunistico e guidato dal potere", ha aggiunto Li.

L'obiettivo principale di Biden è quello di impedire a Trump di sconvolgere l'attuale struttura delle alleanze chiave degli Stati Uniti, indebolendo così il quadro strategico globale che ha creato per contrastare la Cina, hanno detto gli esperti. 

Durante la visita di Biden, Macron ha anche sollevato le preoccupazioni per la cosiddetta sovraccapacità. "Sul fronte economico, siamo entrambi preoccupati per le pratiche commerciali sleali della Cina, che causano una sovraccapacità. Questo aspetto è talmente importante per l'economia globale che dobbiamo agire in modo coordinato", ha dichiarato Macron ai giornalisti, secondo la trascrizione. 

Mentre Macron ha chiesto un'azione “coordinata” contro le cosiddette pratiche commerciali sleali della Cina, le ultime notizie diffuse dai media occidentali suggeriscono che la Commissione europea ha sospeso la sua decisione sui veicoli elettrici cinesi ancora per qualche giorno, sottolineando le potenziali conseguenze indesiderate di un eventuale aumento delle tariffe.

Anche se Macron non ha menzionato direttamente l'industria cinese dei veicoli elettrici, secondo gli analisti il suo obiettivo principale potrebbe essere il settore dei veicoli elettrici cinesi, vista la recente minaccia di dazi europei sui veicoli elettrici cinesi.
Le osservazioni di Macron riflettono il duplice atteggiamento della Francia nei confronti della cooperazione economica e commerciale con la Cina, ha dichiarato domenica al Global Times Sun Yanhong, ricercatrice senior presso l'Istituto di Studi Europei dell'Accademia Cinese delle Scienze Sociali.

Da un lato, la Francia vuole incrementare gli scambi commerciali con la Cina per esportare più aerei e prodotti agricoli in Cina, ma dall'altro ha anche dato prova di protezionismo, ha detto, notando che la Francia è stata uno dei principali sostenitori delle indagini antisovvenzioni dell'UE sui veicoli elettrici cinesi nell'ottobre 2023.

Le affermazioni dei politici e dei media occidentali secondo cui il settore cinese dei veicoli elettrici avrebbe una “sovraccapacità” sono prive di fondamento, ha affermato Sun. "Le importazioni europee di veicoli elettrici dalla Cina sono un'attività puramente commerciale, che non dipende dalla domanda reale. Inoltre, l'UE mira a porre fine alla vendita di nuove auto a benzina e diesel a partire dal 2035, ma deve ancora affrontare il problema dell'insufficiente capacità produttiva di veicoli elettrici. A questo proposito, i produttori cinesi di veicoli elettrici possono dare un contributo positivo", ha aggiunto.

Seguire il passo degli Stati Uniti nell'imporre ulteriori tariffe sui prodotti cinesi per le nuove energie non solo causerà gravi perdite economiche all'Europa, ma danneggerà seriamente l'attuale fiducia politica reciproca tra Cina ed Europa e la cooperazione reciprocamente vantaggiosa in diversi campi, ha affermato Sun.

I funzionari cinesi hanno anche invitato l'UE a perseguire il dialogo e la negoziazione per affrontare le controversie commerciali, invece di azioni protezionistiche unilaterali, in modo da evitare di minare la più ampia cooperazione Cina-UE.

Durante una tavola rotonda con le imprese cinesi a Lisbona, in Portogallo, il 4 giugno, il ministro del Commercio cinese Wang Wentao ha dichiarato: “La Cina accoglie con favore una sana concorrenza e si oppone a qualsiasi forma di concorrenza viziosa volta a soffocare la crescita”.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti