Global Times - Il Forum Xiangshan di Pechino fornisce una piattaforma di comunicazione per il mondo in turbolenza

Global Times - Il Forum Xiangshan di Pechino fornisce una piattaforma di comunicazione per il mondo in turbolenza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Yang Sheng, Liu Xuanzun, Leng Shumei e Li Aixin - Global Times


La decima edizione del Beijing Xiangshan Forum, durata tre giorni, si è conclusa martedì e ha fatto sì che l'evento internazionale per la diplomazia militare e gli affari di sicurezza, ospitato dalla Cina, sia probabilmente l'unica piattaforma attualmente in grado di accogliere partecipanti da Russia, Ucraina, Israele e Iran, soprattutto dopo lo scoppio della crisi ucraina e dell'ultimo conflitto tra Palestina e Israele. Il Global Times ha intervistato i delegati di tutti questi Paesi per ascoltare le loro voci sulle crisi in corso.

I delegati dei Paesi che soffrono di conflitti militari hanno tutti ringraziato la Cina per aver ospitato questo evento, che ha permesso loro di comunicare con altri Paesi, perché nei forum o nelle conferenze ospitate da altri Paesi, alcune nazioni vengono escluse e isolate, non avendo così la possibilità di comunicare con più persone e di scambiare apertamente le proprie opinioni. 


Questo mondo turbolento ha un disperato bisogno di canali di comunicazione e, ospitando il Forum Xiangshan di Pechino, la Cina ha fornito una piattaforma unica, non parziale, equa e neutrale per tutti, compresi coloro che sono coinvolti in conflitti o tensioni, in modo da poter essere illuminati dalla saggezza degli altri e ricevere informazioni preziose per risolvere meglio le crisi e i problemi di vecchia data, hanno detto alcuni partecipanti, tra cui delegati militari e studiosi.


Il viceministro degli Esteri cinese Nong Rong, in un discorso tenuto martedì al forum, ha dichiarato che la Cina terrà conferenze di alto livello sull'Iniziativa di Sicurezza Globale (ISG) al momento opportuno. Gli esperti e molti delegati raggiunti dal Global Times durante il forum hanno affermato che il cosiddetto ordine internazionale basato sulle regole ha già causato almeno due grandi crisi geopolitiche in Europa e in Medio Oriente, quindi è giunto il momento per il mondo di formare un nuovo ordine che possa realizzare la "sicurezza comune" e la "pace duratura", che sono i temi del forum. Il GSI proposto dalla Cina è un importante contributo a questa richiesta globale.


Purtroppo, durante i tre giorni del forum, i partecipanti delle forze armate statunitensi sono stati riluttanti a esprimere apertamente le loro opinioni, nonostante l'organizzatore abbia dato loro la possibilità di parlare; secondo gli osservatori, i delegati statunitensi non volevano essere troppo in vista e mostrare un sostegno eccessivo a un forum sugli affari di sicurezza ospitato dalla Cina. Hanno voluto partecipare a conferenze a porte chiuse, dimostrando che Washington era curiosa di partecipare al forum, ma non abbastanza sicura di sé da condividere i propri pensieri con la comunità internazionale, soprattutto con i Paesi che sono in disaccordo o che hanno tensioni con gli Stati Uniti, o che vengono colpiti e vessati dagli Stati Uniti.

Dare voce a più parti  

Il colonnello Zhao Xiaozhuo, vicedirettore del Segretariato del Forum Xiangshan di Pechino, ha dichiarato al Global Times che la Cina ha compiuto e continua a compiere sforzi per mediare i conflitti in tutto il mondo e il caso della riconciliazione tra Arabia Saudita e Iran ne è una prova significativa. Il forum è una parte importante degli sforzi di mediazione della Cina. 

"Abbiamo invitato le parti in conflitto, così come le parti interessate, a parlare insieme della questione", ha detto Zhao, aggiungendo che in una tavola rotonda sugli affari del Medio Oriente, lunedì, i delegati di Israele e Iran hanno avuto discussioni dirette. In altri forum internazionali, è raro che gli israeliani possano incontrare i delegati dei Paesi musulmani, soprattutto dell'Iran.

"La comunicazione è il primo passo verso la ricerca di soluzioni. In futuro la Cina avrà un ruolo maggiore in Medio Oriente", ha dichiarato Zhao. 

Carice Witte, fondatrice e direttrice esecutiva di SIGNAL (Sino-Israel Global Network & Academic Leadership), un'organizzazione politica israeliana specializzata nelle relazioni Cina-Israele, ha dichiarato al Global Times che "sono una vecchia amica di questo forum. Il forum di Pechino Xiangshan è uno dei migliori al mondo, perché riunisce persone provenienti da tutto il mondo e qualcuno come me da Israele, che non ha la possibilità di incontrare molte persone provenienti da Paesi musulmani. È un'eccellente opportunità di comunicazione e dialogo".

La Witte ha detto di aver discusso a lungo con i partecipanti provenienti dall'Afghanistan e dal Pakistan, aggiungendo che possono costruire amicizie come fanno le persone normali, e possono ascoltarsi e capirsi a vicenda. "Questo ci fa ben sperare per quello che i nostri governi potrebbero fare in futuro", ha detto la Witte.

Ha affermato che l'interlocutore pakistano, in generale, è stato "duro" nei confronti di Israele e "tendente ai palestinesi", ma c'è stata molta apertura nell'ascoltare la sua esperienza personale e le difficoltà che la sua famiglia ha sofferto a causa degli attacchi di Hamas.

Per quanto riguarda il collega afghano, Witte ha detto che "mi ha dato una serie di pensieri e idee" basati sulla sua esperienza in Afghanistan su come affrontare le sfide simili sui problemi etnici e settari, e questo è utile per lei. Le porterà con sé in Israele e le aiuterà a trattare meglio con i palestinesi in futuro.

Seyed Hamzeh Safavi, direttore dell'Istituto per gli studi sul futuro del mondo islamico in Iran, ha rilasciato molte interviste ai media durante il forum, a riprova dell'importanza delle voci provenienti dall'Iran. Safavi è lo studioso iraniano che ha parlato con Witte in una tavola rotonda lunedì. 

Safavi ha elogiato il valore del Beijing Xiangshan Forum. Ha dichiarato al Global Times che "non ho mai visto una grande conferenza come questa", con così tanti delegati, tra cui alti funzionari, comandanti e ufficiali militari di alto livello, intellettuali e ricercatori provenienti da così tanti Paesi, che possono parlare liberamente tra loro, quindi "è stato molto utile".

Safavi ha osservato che la Cina sta svolgendo un ruolo significativo in Medio Oriente. "La mediazione della Cina tra Iran e Arabia Saudita è stata un ottimo esempio. Il Medio Oriente soffre sempre dell'intervento di una terza parte. Ma nella storia, credo che questo sia stato il primo passo e il primo esempio di una potenza straniera che ha svolto un ottimo ruolo tra Iran e Arabia Saudita. Grazie all'impegno cinese per questo". 

Tuttavia, è importante sottolineare che Teheran e Riyadh volevano stringersi la mano prima della mediazione cinese, ha detto Safavi. I due Paesi avevano raggiunto l'idea che "non possiamo continuare con i nostri contrasti. È meglio porvi fine e stringersi la mano", e poi "sono arrivati a questa maturità".

"Purtroppo, oggi non vedo questa maturità da parte israeliana".

Alla ricerca di un ordine equo  

Un altro conflitto in corso che preoccupa la comunità internazionale è la crisi ucraina e sia la Russia che l'Ucraina hanno inviato delegati al Forum Xiangshan di Pechino. Si tratta probabilmente dell'unico evento internazionale di questo tipo che può accogliere partecipanti da entrambi i Paesi.

Un membro della delegazione ucraina, che ha chiesto l'anonimato, ha dichiarato che la Cina è un Paese potente con un'enorme influenza internazionale, tanto quanto gli Stati Uniti, e se la Cina vuole svolgere un ruolo per aiutare a risolvere la crisi ucraina, può apportare un cambiamento significativo alla situazione attuale.

Evgeny Buzhinsky, tenente generale in pensione e presidente del PIR Center, un'importante ONG russa specializzata nello studio della non proliferazione nucleare, del disarmo e delle questioni di sicurezza globale, ha dichiarato al Global Times che i negoziati con l'Ucraina in questo momento sono improbabili perché le due parti non riescono ad accordarsi sulle condizioni per i colloqui di pace.  

L'anonimo delegato ucraino ha espresso un atteggiamento simile nei confronti della Russia.  

Le guerre in Ucraina e in Medio Oriente dimostrano che l'ordine internazionale dominato dall'Occidente guidato dagli Stati Uniti è inaffidabile, instabile e sta crollando, e questo è il motivo per cui si sono verificate sempre più crisi geopolitiche, hanno detto gli esperti. 

Se gli Stati Uniti avessero mantenuto la loro promessa e non avessero spinto i dispiegamenti militari al confine con la Russia attraverso l'espansione della NATO e non avessero fomentato una rivoluzione colorata anti-russa in Ucraina, forse il conflitto ucraino non si sarebbe verificato in primo luogo, e per quanto riguarda la questione Palestina-Israele, se la posizione degli Stati Uniti sulla soluzione dei due Stati fosse rimasta coerente e non avesse tollerato le provocazioni e i danni di Israele contro i palestinesi negli ultimi decenni, l'ultimo conflitto avrebbe potuto essere evitato, hanno osservato gli analisti.    

Zhang Weiwei, direttore dell'Istituto cinese dell'Università di Fudan, ha dichiarato al Global Times che il mondo non può più fare affidamento sull'"ordine basato sulle regole" dominato dagli Stati Uniti, perché i fatti dimostrano che le regole sostenute dagli USA non sono affidabili. 

I tempi sono cambiati e gli Stati Uniti devono comprendere meglio che il diritto allo sviluppo e la preoccupazione per la sicurezza devono essere rispettati. Alcuni di questi Paesi combatteranno quando non saranno trattati in modo equo o subiranno prepotenze, perché non credono più che esista un ordine affidabile in grado di proteggerli, hanno detto gli analisti.  

Le iniziative proposte dalla Cina, tra cui l'Iniziativa per lo Sviluppo Globale, l'Iniziativa per la Sicurezza Globale e l'Iniziativa per la Civilizzazione Globale, così come l'Iniziativa Belt and Road, si basano sull'idea di costruire una comunità di futuro condiviso per l'umanità, ha detto Zhang, osservando che questi valori riflettono il rispetto per ogni Paese. Si tratta di "voi siete tra noi e noi siamo tra voi", ha detto.

L'Iniziativa di sicurezza globale è il contributo della Cina a un nuovo ordine internazionale, hanno affermato alcuni partecipanti stranieri. Buzhinsky ha affermato che il nuovo ordine internazionale sarà basato sulle leggi internazionali, non sulle "regole" stabilite dagli Stati Uniti e dai loro alleati. 

Safavi ha affermato che il nuovo ordine internazionale non dovrebbe essere unilaterale, come nel caso del Medio Oriente, dove gli Stati Uniti sono solo dalla parte di Israele, ma nessuno ha detto che la Cina sostiene Israele o la Palestina, quindi l'ordine deve essere equo e non parziale. In questo senso, le iniziative proposte dalla Cina sono migliori dell'ordine rivendicato dagli Stati Uniti e anche il ruolo che la Cina svolge è migliore di quello degli Stati Uniti.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti