Global Times - Il viaggio della Yellen in Cina è probabilmente motivato dalla questione del debito USA

Global Times - Il viaggio della Yellen in Cina è probabilmente motivato dalla questione del debito USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Chen Qinhqing e Qi Xijia - Global Times

 

Dopo che la scorsa settimana la visita a Pechino del Segretario di Stato USA Antony Blinken, a lungo rimandata, ha riaperto il canale per gli scambi ad alto livello tra Stati Uniti e Cina, il Segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen starebbe pianificando una visita in Cina a luglio, in quanto gli addetti ai lavori ritengono che l'impegno economico ufficiale sia pronto ad assumere un ruolo centrale in mezzo all'inasprimento dei legami bilaterali, causato principalmente dall'errata percezione di Washington. 

Il viaggio sarà probabilmente motivato dalle questioni legate al tetto del debito degli Stati Uniti, ma alcuni esperti cinesi hanno avvertito che, sebbene ci sia ancora una finestra di opportunità per riparare le relazioni tra Stati Uniti e Cina, essa non rimarrà aperta a lungo, quindi Washington deve fare mosse sincere piuttosto che creare nuovi problemi. 

La Yellen ha in programma una visita a Pechino all'inizio di luglio per i primi colloqui economici di alto livello con il suo nuovo omologo cinese Liu Kun, ha riferito Bloomberg, citando persone che hanno familiarità con la questione. Il capo del Tesoro sarebbe il secondo funzionario statunitense a recarsi a Pechino dopo che le relazioni tra i due Paesi si sono inasprite all'inizio dell'anno.

Nel frattempo, un ordine esecutivo dell'amministrazione Biden che regolamenterebbe e potenzialmente taglierebbe alcuni investimenti statunitensi in Cina è in fase di completamento e, secondo l’articolo, i funzionari mirano a renderlo pronto già a fine luglio. 

In qualità di macroeconomista professionista con un passato nella Federal Reserve statunitense, la Yellen è considerata un funzionario statunitense razionale con una visione meno da falco sulla Cina, in quanto comprende l'importanza della cooperazione bilaterale per l'economia statunitense, soprattutto perché i persistenti dazi dell'era Trump stanno danneggiando gravemente i consumatori USA e gli Stati Uniti stanno affrontando un'inflazione elevata e crescenti problemi di tetto del debito, hanno affermato gli esperti cinesi. 

La Yellen, che in precedenza aveva espresso la volontà di visitare la Cina, in una recente testimonianza al Congresso ha anche invocato una relazione economica sana con la Cina, affermando che il disaccoppiamento con la Cina sarebbe un grosso errore. Ma in un discorso tenuto ad aprile ha sottolineato che la sicurezza nazionale viene prima di tutto, anche se ha un impatto sulle relazioni economiche con la Cina.

All'ora di stampa di martedì, il Ministero degli Esteri cinese non ha confermato questa visita. Ma Mao Ning, portavoce del ministero, ha dichiarato che "Cina e Stati Uniti sono in contatto per il dialogo e lo scambio a vari livelli".

"La visita della Yellen è probabilmente motivata dalle preoccupazioni per il debito degli Stati Uniti", ha dichiarato martedì al Global Times Gao Lingyun, esperto dell'Accademia cinese delle scienze sociali di Pechino. 

Poiché gli Stati Uniti hanno alzato il tetto del debito, è necessario trovare acquirenti per il debito. Inoltre, potrebbero esserci discussioni sul rimborso del debito dei Paesi in via di sviluppo, che non possono essere risolte senza il coinvolgimento della Cina, ha osservato Gao.

All'inizio di giugno, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato una legge che sospende il limite del debito nazionale, allora pari a 31.400 miliardi di dollari, fino al 1° gennaio 2025. I mercati hanno letto questo fatto come un preludio a una nuova ondata di emissioni obbligazionarie. 

L'eventuale visita della Yellen arriverebbe dopo che Blinken ha concluso il suo viaggio di due giorni a Pechino la scorsa settimana, che è stato seguito con attenzione quando le relazioni bilaterali sono scese al punto più basso degli ultimi decenni. Sebbene alcuni esperti si aspettino che la visita della Yellen possa dare qualche risultato positivo in campo economico, hanno affermato che l'amministrazione Biden non cambierà la sua strategia di contenimento nei confronti della Cina, che ha sempre considerato il Paese come la principale componente strategica. 

Sebbene l'aperta ostilità di Washington nei confronti di Pechino sia in qualche modo diminuita dopo la visita di Blinken, negli ultimi tempi ha continuato a provocare problemi, come la questione del fentanyl, il clamore per la presenza di una base spionistica cinese a Cuba e persino un feroce attacco al leader cinese, gettando delle ombre sui già complessi legami bilaterali.

‘Finestra di opportunità’ 

Dopo il consenso raggiunto dai due capi di Stato a Bali, in Indonesia, nel novembre 2022, i team commerciali delle due parti avrebbero dovuto dare seguito alla fase successiva degli scambi, ma non sono riusciti a farlo a causa delle interferenze dei funzionari diplomatici e della sicurezza nazionale, tra cui l'enfatizzazione dell'incidente del pallone aerostatico, ha dichiarato martedì al Global Times Lü Xiang, ricercatore presso l'Accademia cinese delle scienze sociali. "Dopo la visita di Blinken, le condizioni per il viaggio della Yellen in Cina sono mature", ha dichiarato. 

"Come economista professionista che sa quali sono i problemi degli Stati Uniti e comprende quanto sia importante una relazione stabile tra Stati Uniti e Cina per l'economia del Paese, la Yellen non si comporterebbe come quei funzionari statunitensi responsabili della diplomazia e della sicurezza che capiscono poco o nulla dell'economia cinese. Possiamo percepire l'urgenza della sua visita", ha detto Lü. 

Lunedì, il diplomatico cinese Wang Yi ha incontrato il presidente del Comitato nazionale per le relazioni tra Stati Uniti e Cina, Jacob Lew, ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti, sottolineando che le radici delle difficoltà delle relazioni tra Cina e Stati Uniti risiedono nella grave deviazione della posizione degli Stati Uniti nei confronti della Cina, che ha portato a una serie di misure sbagliate contro la Cina.

Gli Stati Uniti dovrebbero rispettare il legittimo diritto allo sviluppo della Cina e adempiere agli impegni assunti più volte, ha dichiarato Wang.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha annunciato venerdì l'arresto di due persone e la pubblicazione di tre atti d'accusa nei distretti meridionali e orientali di New York che accusano società con sede in Cina e i loro dipendenti di reati legati alla produzione, alla distribuzione e alla vendita di fentanil, derivanti da precursori chimici.

Negli ultimi giorni, inoltre, i legislatori e i media statunitensi hanno dato risalto alla cosiddetta struttura spionistica cinese a Cuba e alcuni membri del Congresso hanno chiesto all'amministrazione Biden di tenere un briefing riservato sulla questione.

"Anche se il canale di comunicazione ufficiale è stato riaperto, non si sa se questo canale possa aiutare a risolvere i problemi tra le due parti, quando gli Stati Uniti insistono nella rivalità e nel confronto con la Cina", ha dichiarato martedì al Global Times Li Haidong, professore dell'Università degli Affari Esteri della Cina. 

La politica cinese nei confronti degli Stati Uniti e il suo riconoscimento delle relazioni Cina-Usa si basano sulla realtà delle relazioni Cina-Usa e sulla gestione delle relazioni Cina-Usa in modo responsabile, ma la politica di Washington nei confronti della Cina si basa su una valutazione arbitraria sbagliata, che aggiunge incertezze per l'impegno futuro, ha detto Li. 

Poiché la visita della Yellen avviene mentre l'amministrazione Biden sta ultimando le nuove limitazioni agli investimenti rivolti alla Cina, alcuni esperti hanno affermato che la nuova restrizione diminuirà la sincerità del governo statunitense nell'impegnarsi con la Cina e potrebbe anche essere usata come merce di scambio per i prossimi colloqui ad alto livello tra funzionari cinesi e statunitensi.

Non è ancora il momento di dire "ora o mai più", perché i due Paesi si trovano ancora in una finestra di opportunità per migliorare le relazioni. Ma questa opportunità non durerà a lungo e gli Stati Uniti dovrebbero esserne consapevoli", ha dichiarato Lü.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti