Global Times - Perché Macron potrebbe avere una simpatia per i BRICS

Global Times - Perché Macron potrebbe avere una simpatia per i BRICS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Wang Shuo - Global Times

Notizie recenti hanno suggerito che il Presidente francese Emmanuel Macron avrebbe chiesto al Presidente sudafricano Cyril Ramaphosa di essere invitato al vertice BRICS in programma ad agosto, notizia non ancora confermata né dalle autorità francesi né da quelle sudafricane. Ma ha suscitato un certo scalpore nell'opinione pubblica, poiché è la prima volta che un leader dei Paesi sviluppati del G7 cerca di partecipare a un vertice dei BRICS, soprattutto sullo sfondo del conflitto tra Russia e Ucraina.

Alcuni osservatori, che conoscono bene Macron, tendono a credere che la notizia non sia un grande shock.

Innanzitutto, l'importanza dei BRICS sta aumentando. I cinque Paesi del BRICS coprono il 26% della superficie totale del pianeta e hanno una popolazione combinata di 3,24 miliardi di persone, pari a oltre il 40% del mondo. Inoltre, i cinque BRICS contribuiscono al 31,5% del PIL mondiale, mentre la quota del G7 è scesa al 30%. Prima del prossimo vertice, i BRICS hanno ricevuto offerte di adesione da 19 Paesi, il che riflette la loro importanza in termini di potenziale di crescita, mercato e opportunità.

Allo stesso tempo, anche il ruolo del Sud globale sta diventando sempre più importante. Durante il conflitto tra Russia e Ucraina, l'Occidente, compresa la Francia, ha imposto sempre più sanzioni alla Russia. Tuttavia, hanno scoperto che molti Paesi in via di sviluppo non si sono schierati dalla loro parte come speravano, ma sono rimasti neutrali e hanno chiesto una rapida fine del conflitto e un cessate il fuoco. La 59a Conferenza sulla sicurezza di Monaco, tenutasi all'inizio di quest'anno, si è concentrata sul dare voce ai Paesi del Sud globale. Ciò indica che l'Occidente avverte un senso di crisi ed è preoccupato di perdere il suo dominio globale. La Francia sta affrontando molteplici sfide sia in patria che all'estero. Detto questo, per Macron, stabilire connessioni con i BRICS potrebbe equivalere a dissotterrare lingotti d'oro per la Francia.

Inoltre, è chiaro che l'influenza globale di Washington è in declino. Che si tratti dell'intenzione di Macron di mostrarsi indipendente dagli Stati Uniti o del suo possibile interesse per una maggiore cooperazione con i Paesi BRICS, tutto indica che gli Stati Uniti non sono più quelli di una volta. Macron ha sottolineato che l'egemonia occidentale potrebbe essere in via di estinzione a causa dei passi falsi dell'Occidente stesso. Macron avrebbe fatto pressioni su Donald Trump affinché riconsiderasse la sua decisione di ritirare gli Stati Uniti dall'Accordo sul clima di Parigi. E alla fine del 2022 ha criticato la legge statunitense sulla riduzione dell'inflazione. Ma il risultato è lo stesso: gli Stati Uniti non ascoltano. Peggio ancora, con gli Stati Uniti che traggono profitto dalla crisi ucraina e ne scaricano l'onere sull'Europa, in quanto grande potenza europea, è impossibile che la Francia non si lamenti. Pertanto, la mossa di Macron può essere vista come un'espressione di insoddisfazione nei confronti degli Stati Uniti, il cui ruolo di leader dell'Occidente sta diventando sempre più inaffidabile.

I BRICS, in quanto meccanismo e piattaforma che sostiene il multilateralismo e la cooperazione, stanno attirando l'attenzione di un numero crescente di Paesi, tra cui la Francia. Si tratta di una progressione naturale. Dopo tutto, la cooperazione con i Paesi in via di sviluppo può portare risultati positivi in un mondo turbolento.

L'autore è professore presso la Scuola di Relazioni Internazionali dell'Università di Studi Esteri di Pechino.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti