Guerra alla Siria. 20 fatti per demolire 10 anni di menzogne

Guerra alla Siria. 20 fatti per demolire 10 anni di menzogne

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri, è stato ricordato il decimo anniversario della Guerra alla Siria. I media mainstream hanno ripetuto il solito mantra menzognero della “rivoluzione pacifica” repressa dal “dittatore Assad”. La minuziosa analisi di Markus Gelau corredata da moltissime fonti e una vasta bibliografia, in 20 fatti e testimonianze, demolisce 10 anni di menzogne che hanno contribuito a distruggere un paese.

Si ringrazia per il prezioso lavoro di traduzione dal tedesco Nora Hoppe e Tariq Marzbaan

di Markus Gelau*

"Le bugie possono iniziare le guerre, ma le verità possono fermare interi eserciti." - una citazione (probabilmente errata) attribuita al cancelliere tedesco Otto von Bismarck.

Nel caso del (cosiddetto) "conflitto in Siria", che non è altro che uno dei più grandi crimini contro l'umanità del nostro tempo, verità inconfutabili non hanno potuto fermare gli autocratici, arroganti, dolosi "regime changers" e i criminali umanitari dell'élite neoliberale transatlantica, anche dopo 10 anni.

"Una bugia fa in tempo a viaggiare per mezzo mondo mentre la verità si sta ancora mettendo le scarpe", ha scritto una volta il grande Mark Twain.

Esattamente 10 anni fa, nel marzo 2011, è iniziato il progetto di "regime change" nello stato sovrano della Siria. E’ iniziato (come spesso) con una bugia. Il piano geopolitico ideato dalle élite occidentali - con il sostegno e il finanziamento dei despoti arabi - per eliminare il legittimo governo siriano secondo i modelli comuni di Iraq, Ucraina e Libia e sostituirlo con un governo fantoccio compiacente, è fallito. Questo grazie all'intervento della Russia, dell'Iran, ma soprattutto alla volontà indomabile del popolo siriano.

Quando all'ex Segretario di Stato americano Madeleine Albright fu chiesto in un'intervista del 1996 se si potesse giustificare la morte di oltre 500.000 bambini iracheni come risultato diretto delle sanzioni statunitensi, rispose: "Noi pensiamo che questo prezzo valga la pena".

Fino ad oggi, nulla è cambiato nelle azioni nefaste e nella comprensione morale dei burattini politici delle corporazioni transatlantiche e del capitale che agisce a livello globale, che si definiscono "rappresentanti del popolo" e che sono sostenuti nella cieca obbedienza dai loro appendici & presstitute [giornalisti corrotti – gioco di parole con prostitute e "press" /stampa NDT] dei media occidentali.

Il prezzo delle loro azioni in Siria fino ad oggi è di centinaia di migliaia di morti, milioni di sfollati, sradicati e un paese un tempo prospero e progressista sull'orlo del baratro.

Esattamente 10 anni fa, nel marzo 2011, le eminenze grigie dietro il nostro ordine mondiale efferato, attraverso i servizi segreti occidentali e i media mainstream, hanno lanciato il via libera al progetto di "regime change in Siria".

Un'occasione urgente per documentare alcuni fatti su questo crimine del secolo. Perché: Quando la verità è troppo debole per difendersi, bisogna andare all'attacco.

  1. La favola della "rivoluzione siriana"

Non c'è stata nessuna "rivoluzione" in Siria e in più: non ci sono "ribelli" in Siria. Il governo democraticamente eletto e legittimo della Siria non ha mai fatto "guerra al suo stesso popolo". Questo è assurdo. La maggioranza assoluta del popolo siriano è dietro il suo presidente Assad. Oggi più che mai.

  1. Il paese laico e progressista della Siria.

La Siria è l'unico paese laico del Medio Oriente. La religione e lo stato sono strettamente separati. Più recentemente, nel 2010, la Siria ha vietato, tra l'altro, il "niqab" (velo sul viso) in tutte le università del paese. Già nel 1998, la percentuale di donne che studiava nelle università siriane era del 40%. Già nel 1998, le donne rappresentavano il 40% degli studenti delle università siriane. Nel 1993, la percentuale di donne lavoratrici sul totale della popolazione siriana era del 6%. Nel 2001, il 26% di tutte le donne siriane erano già occupate - unico nel mondo arabo. Questa emancipazione è continuata fino all'inizio della guerra siriana. In Turchia, nemmeno un quarto di tutte le donne sono attualmente occupate (fonte: APA). La Siria è l'unico paese arabo in cui le donne hanno il diritto di voto e di essere elette dal 1949. Né nel sistema autoritario del Qatar, né nella monarchia medievale dell'Arabia Saudita (entrambi finanziatori elementari dei terroristi in Siria) c'è una rappresentanza eletta del popolo. In contrasto con la Siria, che viene diffamata come una "dittatura", questi ultimi sono alleati strategici dell'Occidente "illuminato e umanista".

  1. Misura della società: sul ruolo delle donne in Siria.

Le donne in Siria hanno sempre potuto lavorare, guidare, viaggiare, votare, studiare e vivere una vita autodeterminata. Le donne fanno servizio militare volontario, sono forti negli affari e nella politica. A differenza della Germania, le donne in Siria ricevono lo stesso salario degli uomini. Nel XX secolo, uno dei primi movimenti di donne nel mondo arabo è emerso in Siria. Le donne istruite si sono battute per i diritti delle donne e hanno lottato per l'uguaglianza dei diritti. Già nel 1928, per esempio, la femminista libanese-siriana Nazira Zain al-Din, una delle prime persone a interpretare criticamente il Corano da una prospettiva femminista, pubblicò un libro in cui condannava la pratica del velo e sosteneva che l'Islam richiede che le donne siano trattate allo stesso modo degli uomini. Il presidente del parlamento siriano democraticamente eletto era, fino a poco tempo fa, una donna (Hadiya Abbas). Per inciso, dal 2017, questa carica è tenuta da Hammouda Sabbagh, un cristiano ortodosso eletto democraticamente. Il vicepresidente della Siria (cioè la persona più potente della repubblica dopo il presidente Assad) - è una donna (Naja al Attar). La prima donna a ricoprire una posizione simile in tutto il mondo arabo. Un generale di brigata noto e di successo dell'esercito siriano è: una donna (Nibal Madhat Badr). Il più importante consigliere del presidente siriano Bashar al Assad è: una donna (Buthaina Shaaban). Già nel 2016, il 13% del parlamento siriano era composto da donne. Allo stesso tempo, la percentuale di donne nel parlamento turco era del 9%.

  1. Lo Stato della Siria: un patchwork etnico-religioso funzionante.

Per decenni, una grande varietà di etnie e religioni ha vissuto insieme pacificamente in Siria, unita da uno stato forte. Nel luglio 2009, nientemeno che l'Università di Heidelberg ha invitato a un colloquio internazionale, dove la Siria è stata presentata come un modello esemplare e unico di coesistenza pacifica di diverse confessioni. L'evento è stato organizzato dal Prof. Dr. Werner Arnold, titolare della cattedra di studi semitici di Heidelberg, e dalla fondazione Fritz-Thyssen-Stiftung.

  1. La propaganda della "guerra civile.

Non c'è e non c'è mai stata una "guerra civile" in Siria. Dopo quasi 10 anni di guerra per procura ininterrotta sul suolo siriano, il popolo siriano, con il sostegno russo e iraniano, è riuscito a sconfiggere non solo l'IS, ma anche centinaia di migliaia di mercenari del terrore. Che sono stati portati nel paese da potenze straniere. Attualmente, le aree nel nord della Siria sono ancora occupate da una forza di invasione turca in violazione del diritto internazionale. La regione di Idlib (anche nel nord della Siria) è controllata al 100% dal gruppo terroristico islamista *Jabhat Fath Ash-Acham* il cui nome precedente era: Al Nusra. Il cui nome precedente era: Al Qaeda. Circa 30.000 mercenari provenienti da oltre 100 paesi sono attualmente in grado di mantenersi a Idlib solo grazie al massiccio sostegno turco. Inoltre, il governo tedesco ha trasferito UFFICIALMENTE oltre 100 milioni di euro di denaro dei contribuenti a Idlib negli ultimi 24 mesi.

  1. Il "dittatore" Assad.

Il presidente della Siria, Bashar al-Assad, è stato eletto democraticamente. Tutti i paesi della NATO (compresa la Germania) hanno vietato ai rifugiati siriani di votare alle ultime elezioni democratiche del 2020 nelle rispettive ambasciate siriane dei loro paesi di rifugio. Proprio così: il governo tedesco HA VIETATO ai rifugiati siriani di esercitare il loro diritto democratico di voto nelle ultime elezioni siriane. Nessuno dei paesi che avevano precedentemente vietato ai rifugiati siriani di partecipare alle elezioni li ha riconosciuti in seguito. Le elezioni stesse sono state descritte come "libere, trasparenti, eque e democratiche" da osservatori elettorali indipendenti di diversi paesi.

  1. A proposito di "ribelli moderati" e barbari medievali.

Le cosiddette milizie "ribelli" sono e sono sempre state composte quasi esclusivamente da stranieri. Secondo uno studio del Firil Center for Studies (FCFS, Berlino), islamisti e terroristi di 93 paesi stanno combattendo contro il legittimo governo siriano e l'esercito siriano. Anche il "Dipartimento di Stato americano" comunica apertamente che combattenti di "oltre 100 paesi" sono attivi in Siria. (Fonte: Wikipedia). Le orde islamiste sono composte principalmente da decine di migliaia di mercenari terroristi, stranieri e trascinati nel paese da NATO, Israele, Arabia Saudita e Turchia.

  1. ISIS, IS, FSA: l'etichettatura propagandistica dei mercenari terroristi.

Non esiste una cosa del genere come un "FSA" (Free Syrian Army - Esercito Siriano Libero), né è esistito: in nessun momento. Il puro strumento di propaganda della bandiera verde-bianco-nera, con cui anche i politici locali del Partito Die Grünen sprovveduti in Germania amano manifestare per la presunta democrazia in Siria (per lo più fianco a fianco con *rifugiati* completamente velati da Idlib), è ora usato solo dai mercenari del terrore turchi nel nord della Siria. Una gran parte di queste morse barbariche è dimostrabilmente composta da ex combattenti dell'IS che sono stati messi in nuove uniformi dalla Turchia.

  1. La menzogna della "guerra di religione.

I sunniti sono in grande maggioranza nell'esercito siriano. Combattono insieme a decine di migliaia di volontari e coscritti sciiti, alawiti, drusi, curdi o cristiani ortodossi e atei - indipendentemente dalla loro fede per il loro paese. Per le loro famiglie. Non c'è e non c'è mai stata una guerra di religione in Siria. La costituzione della Siria garantisce la libertà di religione e di cultura e definisce la Siria come laica. Come concessione all'oltre 80% di musulmani nel paese, solo il presidente come capo di stato deve essere musulmano.

  1. Diritto internazionale, intervento straniero e guerra per procura.

Gli USA, la Francia e la Turchia (così come tutte le altre potenze occidentali) sono invasori della Siria in violazione del diritto internazionale. Nel frattempo, anche i soldati belgi e australiani operavano in Siria in violazione del diritto internazionale. Lo Stato di Israele bombarda il paese della Siria quasi settimanalmente dall'inizio della guerra siriana. Senza alcuna conseguenza, senza alcuna condanna internazionale. In Medio Oriente, Israele viene a lungo chiamato la "forza aerea di Al Qaeda", poiché l'esercito israeliano ha coordinato per anni le azioni con i gruppi terroristici islamici. Inoltre, dall'inizio della guerra siriana, i gruppi terroristici sono stati dimostrabilmente equipaggiati da Israele, e i jihadisti feriti sono stati ufficialmente trattati negli ospedali israeliani (e turchi).

  1. Tutti hanno un turno?! La guerra mondiale sul suolo della Siria.

A volte sono stati 11 paesi insieme a bombardare la Siria (tra cui Belgio e Australia). Eppure, gli UNICI paesi a cui il governo siriano ha chiesto aiuto secondo il diritto internazionale e che lo stanno fornendo sono la Russia e l'Iran.

  1. Assad - tiranno o presidente?

La stragrande maggioranza dei siriani sta fermamente dietro al loro governo intorno ad Assad. Questo era già il caso all'inizio della guerra secondo gli studi occidentali - ed è molto più il caso nel 2020 secondo gli studi dell'intelligence americana. Inoltre, circa 100.000 persone stanno attualmente combattendo volontariamente per Assad nel SAA (Syrian Arab Army) e nel NDF (National Defence Force) - per difendere il loro paese, le loro famiglie e il loro governo. Un presidente che non fosse sostenuto dalla maggioranza di queste persone non avrebbe potuto durare un mese in questo conflitto. Inoltre, Assad non è un dittatore - ma un presidente democraticamente eletto.

  1. È iniziato con una bugia.

Le "proteste" che hanno iniziato la crisi nel 2011 NON erano pacifiche, contrariamente a quanto viene ancora riportato in Germania. Le forze di sicurezza sono state sparate per escalation, seguendo modelli comuni (Maidan, Kiev). La storia dei presunti "graffiti anti-Assad" che causano disordini a Daraa e quindi portano alla "guerra civile" - sono sempre stati: una bugia. Questo è stato anche confermato ancora una volta qualche tempo fa dal falso scandalo intorno al giornalista-mercenario dello Spiegel Claas Relotius (che, tra l'altro, ha contribuito a diffondere questa storia nel mondo di lingua tedesca con il reportage di fantasia "Der Junge, mit dem der Syrienkrieg begann" ("Il ragazzo con cui ha iniziato la guerra siriana")). All'inizio della "crisi", i "dimostranti" erano dimostrabilmente dotati di armi contrabbandate in Siria dalla CIA attraverso l'Iraq. Nel frattempo, questo ha raggiunto anche il mainstream (per esempio Lüders[1]).

  1. Il pezzo della torta - ovvero: Gli interessi delle multinazionali.

Le Alture del Golan sono siriane e sono state occupate da Israele per 40 anni in violazione del diritto internazionale. Questo fatto è confermato anche da regolari risoluzioni dell'ONU. Indipendentemente dal diritto internazionale, gli Stati Uniti hanno unilateralmente avallato ufficialmente l'assurda rivendicazione israeliana del 2019 sulle colline e montagne siriane. Qui stanno già trivellando delle corporazioni israelo-americane per il petrolio SIRIANO e le risorse minerarie SIRIANE.

  1. Al Qaeda in ambulanza - la saga costruita dei salvatori bianchi.

I "Caschi Bianchi" sono dimostrabilmente uno strumento di propaganda degli islamisti di Al Nusra, apertamente finanziato dall'Occidente, inventato da un ex ufficiale dei servizi segreti britannici. Quest'ultimo, James le Mesurier, ha lavorato per i servizi segreti occidentali e arabi per 20 anni e, secondo la sua stessa dichiarazione, ha addestrato ufficialmente la maggior parte dei "Caschi Bianchi" siriani. Innumerevoli documenti pittorici hanno dimostrato per molti anni che i *White Helmets* erano in gran parte reclutati da mercenari del terrore islamico coinvolti in innumerevoli crimini contro i diritti umani. Quando il progetto di *regime change siriano* doveva essere considerato più o meno un fallimento, il fondatore dei *White Helmets* James le Mesurier è stato assassinato a Istanbul alla fine del 2019 come un pericoloso cospiratore. La VERA protezione civile siriana e i primi soccorritori di tutti i paesi sono organizzati nella "INTERNATIONAL CIVIL DEFENCE ORGANISATION (ICDO)" uno dei suoi fondatori (!) era un siriano. La VERA protezione civile siriana (compresa la Mezzaluna Rossa Siriana) è così professionale e rispettata a livello internazionale che ha addestrato molti partner di altri paesi in passato. Le organizzazioni di soccorso siriane organizzate a livello mondiale sono la Croce Rossa siriana e la Mezzaluna Rossa siriana. Entrambi hanno fatto cose sovrumane per anni con il massimo sacrificio. Complimenti a questi VERI eroi siriani. Più di 11.000 volontari stanno salvando vite nella barbara guerra per procura siriana: Donne, uomini, sunniti, sciiti, cristiani, alawiti, ebrei. Non pochi sono stati assassinati negli ultimi anni. Disarmato, mentre salva le persone. Molti di loro da Al Nusra / Al Qaeda / i Caschi Bianchi. Più recentemente, il governo tedesco ha accettato di accogliere il capo dei criminali e ora defunti Caschi Bianchi, Al-Saleh, in Germania nel dicembre 2020.

  1. Una guerra senza prospettive.

Se l'Occidente, Israele, la Turchia, gli Stati del Golfo e LA GERMANIA smettessero di finanziare le bande del terrore in Siria (intorno a Idlib) domani, finirebbe la guerra dopodomani.

  1. Professionisti al lavoro: false flag, attori dilettanti e gas velenosi.

Il governo siriano ha dimostrato di aver consegnato tutte le sue rimanenti armi chimiche sotto controllo internazionale anni fa. Gli stessi Stati Uniti ne avevano il controllo generale, e la maggior parte delle armi furono distrutte dalla GERMANIA. L'esercito siriano non ha mai usato armi chimiche nella guerra siriana. James Mattis - l'ex segretario alla difesa degli Stati Uniti in persona - ha ammesso pubblicamente di non avere prove che l'esercito siriano abbia MAI usato gas velenosi. Le favole dei presunti attacchi con gas velenoso di Ghuta e Chan Shaykhun sono state smentite da tempo: Sfatando le fughe di notizie, in cui le distorsioni dell'OPCW inquirente sono state provate da Wikileaks, da perizie indipendenti, da centinaia di dichiarazioni di testimoni e, non da ultimo, da alcune confessioni di molti degli attori dilettanti coinvolti nelle messe in scena stesse.

  1. Sul vero ruolo degli umanisti tedeschi.

La Germania ha sostenuto sia apertamente sia segretamente i terroristi in Siria dall'inizio della guerra. Il progetto per un regime change in Siria è stato geopoliticamente pianificato e sostenuto dalla Germania (Piano Perthes-Feltman). Già nel 2012, una nave spia tedesca ha ufficialmente fornito ai terroristi al largo della costa siriana dati di intelligence sull'esercito siriano. Già nel 2011, il governo tedesco ha finanziato incontri strategici di gruppi terroristici siriani a Berlino. Secondo la sua stessa dichiarazione, il governo tedesco ha trasferito più di 10 milioni di euro di denaro dei contribuenti ai "Caschi Bianchi", cioè Al-Qaeda. Una domanda del Partito della Sinistra al governo tedesco ha anche rivelato che la Germania ha apertamente trasferito oltre 60 milioni di euro di denaro dei contribuenti ai terroristi islamici di Idlib negli ultimi 12 mesi.

  1. La sofferenza infinita dei siriani.

Dal 2011, l'UE sotto la guida della Germania ha imposto le "sanzioni più dure dalla seconda guerra mondiale" (secondo l'ONU) contro il paese sovrano della Siria. Queste sanzioni sono state solo recentemente estese di nuovo per decisione personale di Angela Merkel. Con le attuali "sanzioni di Cesare", la più dura repressione immaginabile è stata appesa contro il paese della Siria e il suo popolo: sotto la leadership della GERMANIA. Perfidamente, le "sanzioni Cesare" sono state imposte nel 2020… in un momento in cui la sofferenza in Siria dovuta alla vittoria del popolo siriano e del suo esercito contro lo Stato Islamico e contro i mercenari islamisti finanziati dalla NATO ha reso possibile una vaga prospettiva di pace e speranza.

  1. La menzogna dell'aiuto umanitario.

Il sangue di ogni bambino che non può essere rifornito di medicine in Siria (sanzionato!) o non riceve abbastanza acqua (pezzi di ricambio per le pompe: sanzionato!) non è sulle mani del legittimo presidente siriano Assad, che sta salvando il suo paese. Ma sulle mani del governo federale TEDESCO. L'intero paese della Siria sta soffrendo (con l'eccezione di Idlib occupata dagli islamisti) da 10 anni sotto sanzioni mortali che colpiscono estremamente OGNI FAMIGLIA in Siria. I medicinali non possono essere prodotti per anni nella Siria, un tempo avanzata, a causa delle sanzioni. Poiché la criminale UE, guidata dalla Germania, ha anche congelato tutti i fondi nella Banca Centrale indipendente siriana, è IMPOSSIBILE per lo stato della Siria acquistare gli aiuti medici tanto necessari. Un bel po' di persone stanno morendo in Siria. Da anni. A causa delle sanzioni dell'UE. Gli unici "aiuti" che fluiscono dalla Germania alla Siria finiscono a Idlib controllata dagli islamisti. In nessun momento gli aiuti o i soldi della Germania e dei contribuenti tedeschi sono finiti nel paese della Siria stessa.

All'inizio del 2020, avevo chiesto personalmente al Ministero degli Esteri tedesco quali somme di denaro dei contribuenti tedeschi sono e sono state trasferite dove esattamente e, soprattutto, a chi in Siria. Il Ministero degli Esteri mi ha risposto qualche settimana dopo via e-mail, confermando le enormi somme che sono fluite dalla Germania alla Siria "nord-occidentale" controllata da Al-Qaeda / Daesh al-Fatah, ma tacendo su quali "organizzazioni" sono i destinatari di molti milioni di euro dei contribuenti tedeschi.

 

Egregio signor Gelau,

 Grazie per la sua richiesta del 05.02.20.

Dal 2012, il governo federale sostiene misure di aiuto umanitario in Siria e nei paesi circostanti. Per le parti nord-occidentali della Siria, il governo federale ha stanziato circa 53 milioni di euro nel 2019 e nell'anno già circa 50 milioni di euro di fondi per misure di aiuto.

 Purtroppo, i luoghi esatti delle organizzazioni partner che attuano i rispettivi progetti non possono essere pubblicati per motivi di sicurezza.

 Con cordiali saluti

Cordiali saluti, Linda Luo

Ufficio degli affari esteri della Repubblica Federale di Germania

E ora?

Ora arriva il momento della breve disillusione. Cosa facciamo con questa nuova consapevolezza acquistata [con queste informazioni]? Che (per completezza, va detto) naturalmente dà solo un'occhiata superficiale alla storia del conflitto siriano e sicuramente tralascia anche tanti altri punti.

Cambierà la nostra consapevolezza il corso degli eventi? Non siamo ora completamente impotenti di fronte ad un élite globale che svolge le sue  attività criminali nella Siria (e anche altrove)?

Cosa posso fare? Si chiedono MILIONI di persone...

Sta a noi porre fine alla sofferenza dei siriani. Non vogliamo lasciare il futuro del nostro mondo a coloro che vogliono stabilire un ordine di sfruttamento della violenza sotto la loro guida e condurre il mondo nell'abisso. L'informazione è la nostra arma!

Perché il più grande nemico dell'élite transatlantica e neoliberale è un pubblico illuminato.

Soprattutto (e credo che questa sia la cosa più importante):

"La solidarietà è la tenerezza dei popoli".

La gente in Siria non vive in caverne arcaiche, anche se la propaganda occidentale ama suggerire che sia così. Come noi, fanno parte della famiglia umana, non sono irraggiungibili per noi. Al contrario. Mai prima d'ora nella storia di questo mondo ci sono state offerte possibilità così efficaci, semplici e veloci per entrare in contatto con persone di tutto il mondo. Può sorprendere gli uni o gli altri, ma il fatto è che migliaia di persone a Damasco, Aleppo o Homs possono essere raggiunte tramite Facebook e altri social media. Ho incontrato persone meravigliose in Siria negli ultimi anni: Una giovane donna a metà dei suoi studi di ingegneria a Latakia, una signora anziana di Damasco (che lavorava per il Goethe-Institut tedesco). Per me, tutti hanno dato un volto alla sofferenza dei siriani. Ma anche il coraggio, la forza indomabile e la cultura della gente di questo paese storico, la cui capitale Damasco aveva l'illuminazione stradale e le fognature quando i miei antenati vivevano ancora in capanne di paglia.

Quando le cose acquistano un volto, non puoi più chiuderti ad esse. Non possono più essere ignorati. L'establishment ha interesse a non lasciare che la sua naturale empatia si metta in mezzo. Ecco perché segue gli stessi principi della propaganda di guerra: non solo demonizza il "nemico", ma soprattutto taglia ogni legame (umano). Ora, però, viviamo in un'epoca in cui non siamo del tutto impotenti. In cui la matrice non è senza lacune. Sfruttiamo le lacune e costruiamo le nostre reti!

Nel 2016, ho incontrato un giovane e simpatico studente di Aleppo. Naaman (il suo nome) si è imbattuto in alcuni dei miei post su Facebook sul tema della Siria, mi ha inviato una richiesta di amicizia, e: Mi ha ringraziato.

Naaman, uno studente di medicina cristiano-ortodosso, che con tutta la sua famiglia ha sopportato anni terribili di guerra e di assedio nella città di Aleppo sotto assedio - confrontandosi quotidianamente con la morte e l'orrore - mi ha ringraziato per aver condiviso la sua vita, la sofferenza della sua famiglia, della sua città natale, del suo paese. E lo ha espresso pubblicamente.

Dopo un breve momento di emozione, ho provato io soprattutto: vergogna. Mi vergognavo. Un po' di me stesso. E mi vergognavo della maggior parte dei miei disinteressati simili, la cui passività, il cui silenzio assordante, il cui disinteresse, e il cui proprio piccolo, gestibile, ma teneramente nutrito orticello stretto condannava il destino di Naaman e quello di milioni di altre persone alla sofferenza e al dolore.

Mostriamo al popolo della Siria che non è solo. Che condividiamo le loro vite. Trasmettiamo loro che i nostri "rappresentanti del popolo" fanno tutt'altro che "rappresentarci". Che sappiamo di chi sono realmente i fili che pendono. Che la nostra "superiore civiltà occidentale" non è fatta solo di ignoranti, compiacenti, non istruiti, disinteressati, egoisti e opportunisti narcisisti che sprecano il prezioso tempo della vita dato loro con il consumo rampante e la procrastinazione perpetua su Netflix, Instagram e TikTok.

Educatevi. Collegatevi. Indignatevi. Impegnatevi. Per la rivolta della Coscienza!

"Se tremi per l'indignazione davanti alle ingiustizie, allora sei mio compagno!"(Che)

 

*Studioso autodidatta, autore di focus sulla politica e la storia, oltre ad essere un artista, musicista, creatore di brand, organizzatore di eventi e designer grafico. La sua occupazione principale è quella di professionista della comunicazione, nella sua agenzia di marketing . Come tale, non solo è stato consulente di innumerevoli aziende, media e personaggi pubblici in quasi 20 anni, ha creato diversi marchi e plasmato la loro percezione esterna, ha lavorato per Bundestag (Parlamento della Germania). Come ghostwriter e consulente lavora per personalità e personaggi che valgono la pena sostenere nella politica, nella cultura e nella società. Grazie alle sue attività e la sua competenza ha acquisito conoscenze sul funzionamento della propaganda e sulla psicologica di massa.

 

Riferimenti, fonti e consigli di lettura

[1] [Consulente politico ed economico, giornalista e specialista del Medio Oriente a Berlino]

 

 

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

In difesa di Alessandro Barbero In difesa di Alessandro Barbero

In difesa di Alessandro Barbero

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti