Guinea. Denunciato tentativo di colpo di Stato

Guinea. Denunciato tentativo di colpo di Stato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dalle 8:00 circa (ora locale) di questa domenica nei dintorni del palazzo presidenziale nella capitale della Guinea, Conakry, si è registarta un'intensa sparatoria che, secondo le informazioni della rivista Jeune Afrique, fa parte di un tentativo di colpo di stato orchestrato dalle forze speciali del Paese.

Fonti dei media indicano che il presidente Alpha Condé è già stato arrestato dai ribelli. In una delle registrazioni che circolano sui social, Condé appare su un divano nel suo palazzo presidenziale e rimane in silenzio quando uno dei soldati gli chiede se è stato ferito. Tuttavia, il ministero della Difesa ha dichiarato che l'attacco alle strutture presidenziali è stato respinto.

Il gruppo di forze speciali in questione è un'unità d'élite dell'esercito guidata dal tenente colonnello Mamady Doumbouya, che è ben addestrato ed equipaggiato. 

Doumbouya era noto per il suo desiderio che le forze speciali fossero autonome dal Ministero della Difesa.

A mezzogiorno (ora locale) è stata rilasciata una dichiarazione di Doumbouya, in cui l'ex legionario dell'esercito francese ha annunciato l'abolizione della Costituzione, lo scioglimento del governo e delle istituzioni, nonché la chiusura dei confini nazionali.

Il militare ha dichiarato che il potere è ora nelle mani del "Comitato nazionale per la riunificazione e lo sviluppo" e che l'esercito repubblicano è stato costretto ad "assumersi responsabilità nei confronti del popolo guineano".

Doumbouya ha spiegato che quanto accaduto questo giorno è dovuto "alla situazione socio-politica ed economica del Paese, al malfunzionamento delle istituzioni repubblicane, alla strumentalizzazione della giustizia, ai diritti dei cittadini calpestati e alla cattiva gestione finanziaria".

Nelle strade della capitale guineana si osserva una grande presenza militare nei pressi del palazzo presidenziale. Testimoni degli eventi citati da AP riferiscono che i militari hanno già bloccato l'accesso all'area, bloccando l'unico ponte che porta al distretto di Kaloum. Dal canto loro, tre testimoni, citati dalla Reuters, hanno visto due civili feriti da colpi di arma da fuoco .

Condé, 83 anni, è salito al potere nel 2010 ed è stato rieletto nel 2020 per un terzo mandato dopo una controversa revisione della Costituzione. Sebbene all'inizio molti considerassero la sua presidenza come un nuovo inizio per il paese dopo decenni di corruzione e autoritarismo, in seguito il presidente è stato criticato per non essere riuscito a migliorare la vita dei guineani, la maggior parte dei quali vive in povertà in un paese ricco di preziose risorse naturali.

Non è la prima volta che il presidente affronta un tentativo di colpo di stato. Nel 2011, la sua casa ha subito un assalto, ma questa volta la situazione è ben diversa a causa della preparazione militare dei golpisti, dicono fonti di Jeune Afrique.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti