Hedebouw, deputato comunista belga: Perché continuare a sottomettersi agli Usa?

Hedebouw, deputato comunista belga: Perché continuare a sottomettersi agli Usa?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nei vari parlamenti europei sono sempre meno i deputati, ancor più quelli comunisti, che denunciano la sottomissione dei vari paesi dell'Unione Europea alle politiche imperialiste degli Usa. Denunciando l'impunità degli Usa e il loro doppio standard, il deputato comunista belga del PTB Raoul Hedebouw ha denunciato: "Per un quarto della metà di quello che farebbero le altre potenze del mondo, chiederemmo sanzioni, sembra scandaloso". In un emiciclo quasi vuoto, il 30 giugno scorso, il parlamentare comunista - il cui intervento è stato su YouTube il 6 luglio scorso- ha categoricamente respinto quella che ha definito "la nuova guerra fredda che Joe Biden vuole condurre contro la Cina". Ha poi interrogato i suoi colleghi sull'interesse e la rilevanza di un allineamento sistematico dei paesi europei con Washington.

 

“Il bilancio militare degli Stati Uniti è maggiore di quello dei dieci Paesi messi insieme che lo seguono nella classifica, ovvero Cina, India, Russia, Arabia Saudita, Francia, Germania, Regno Unito, Giappone, Corea del Sud e Brasile”, ha ricordato anche il deputato belga, prima di porre la domanda: "Chi è un pericolo per la pace nel mondo?"

 

“Vi ricordo, cari colleghi, che l'intervento militare in Iraq e l'embargo sono costati la vita a 1,5 milioni di iracheni. Come possiamo ancora avere una partnership strategica con una potenza responsabile della morte di 1,5 milioni di lavoratori e bambini iracheni ” ha proseguito il deputato comunista. "Per un quarto della metà di quello che farebbero le altre potenze del mondo, chiederemmo sanzioni, sembra scandaloso e qui stiamo zitti perché sono gli Stati Uniti d'America", ha lamentato, tra l'altro, Raoul Hedebouw. “Quali sono i nostri valori comuni? È Guantanamo?” ha aggiunto ironicamente il deputato comunista.

Ha poi ricordato tutte le convenzioni e gli accordi internazionali che gli Stati Uniti si sono rifiutati di firmare, sottolineando la mancanza di multilateralismo da parte di questo partner.

Tra questi testi non firmati dagli Stati Uniti, ricorda Raoul Hedebouw, troviamo: lo Statuto di Roma della Corte penale internazionale (ICC), la Convenzione sul diritto del mare, la Convenzione contro il lavoro forzato, la Convenzione sulla libertà di associazione, il Protocollo di Kyoto, il Trattato sul divieto di test nucleari, il Trattato sul divieto di armi nucleari, la Convenzione sui lavoratori migranti e la Convenzione contro la discriminazione nell'istruzione e nell'occupazione. Dov'è il multilateralismo degli Stati Uniti? ha chiesto all'assemblea.

 "Per i nostri popoli, e per i popoli del Terzo mondo, non abbiamo alcun interesse in questo partenariato strategico", ha affermato. “Mi è stato detto che abbiamo standard e valori comuni. Quali sono i nostri valori comuni? È Guantanamo? La tortura è ufficializzata negli standard comuni?", ha denunciato Hedebouw con riferimento al centro di detenzione situato nell'isola di Cuba. I documenti pubblicati da WikiLeaks nel 2008 avevano dimostrato l'attuazione di un meccanismo di tortura di cui quasi 800 prigionieri, di età compresa tra 14 e 89 anni, sarebbero stati umiliati, torturati e abusati dalle forze americane che li sospettavano di terrorismo.

Kattrin Jadin, membro del Movimento di Riforma (partito liberale, di centrodestra) ha ribattuto al suo collega: “Non c'è solo un lato della medaglia, non c'è solo un aspetto della cooperazione, ma ce ne sono diversi. Così come facciamo altrove con altri Paesi, condanniamo la violazione dei diritti fondamentali, lo diciamo anche noi. È caratteristico della diplomazia”. Ha così risposto il deputato del PTB: "Posso chiederle allora, se ha tante critiche agli Stati Uniti, perché non abbiamo mai comminato una sanzione contro gli Stati Uniti?" Silenzio in assemblea. "Per coloro che guardano il video, le mosche volano nell'assemblea", ha concluso, ironicamente, Raoul Hedebouw.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

In difesa di Alessandro Barbero In difesa di Alessandro Barbero

In difesa di Alessandro Barbero

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti