Hezbollah sfida Usa e Arabia Saudita: un'altra petroliera iraniana arriverà in Libano

Hezbollah sfida Usa e Arabia Saudita: un'altra petroliera iraniana arriverà in Libano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il leader di Hezbollah oltre a considerare gli Stati Uniti responsabili della crisi in Libano ha annunciato la spedizione di una seconda nave da rifornimento iraniana nel suo Paese in pochi giorni.

Il segretario generale del Movimento di resistenza del Libano islamico (Hezbollah), Seyed Hassan Nasrallah, ha dichiarato, ieri, che "chi conduce battaglie contro la resistenza in Libano è l'ambasciata statunitense e gli ambasciatori successivi dal 2005" .

In questo senso, in un discorso pronunciato da Beirut, ha evidenziato che “decine di miliardi di dollari sono stati spesi dal 2005 ad oggi per snaturare la Resistenza”, sottolineando che “tutto quello che è stato fatto all'ambasciata Usa ha fallito, sia attraverso i media sia attraverso i finanziamenti”.

Nasrallah ha indicato che "attaccare la vita e i mezzi di sussistenza delle persone è l'agenda dell'ambasciata degli Stati Uniti in Libano" e ha ricordato che "le ambasciate degli Stati Uniti e dell'Arabia Saudita hanno lavorato negli ultimi anni per iniziare una guerra civile ”e smantellare lo Stato.

Riguardo alla crisi del carburante, il leader del movimento libanese ha rivelato che Hezbollah aveva precedentemente chiesto alle autorità libanesi di acquistare petrolio dall'Iran in sterline libanesi, tuttavia, hanno ricordato che "gli americani ci metteranno nella lista delle sanzioni".

Giorni dopo che lo stesso Nasrallah ha annunciato la partenza di una nave carica di diesel dall'Iran al Libano, ha rivelato ieri che una seconda nave iraniana "partirà tra pochi giorni e altre navi seguiranno".

In questo senso, ha chiarito che "il problema non è una barca o due, e questo è un percorso e lo continueremo finché ce ne sarà bisogno in Libano", poiché "l'obiettivo è aiutare tutti i libanesi e alleviare la loro sofferenza”.

Nasrallah ha sottolineato che gli americani vogliono che il Libano sia sotto il loro controllo in modo che non vi sia alcuna minaccia per Israele .

Inoltre, ha ricordato che l'amministrazione statunitense dovrebbe revocare il suo veto sul fornire sostegno al Libano se è disposta ad aiutare.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta" di Giorgio Cremaschi Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti