/ I caccia F-35 sono da museo: saranno una fregatura anche i caccia...

I caccia F-35 sono da museo: saranno una fregatura anche i caccia di sesta generazione europei come Tempest e FCAS?

 
 

Da quando le armi sono rimaste in silenzio nel 1945, l'Europa è sempre stata al terzo posto nella corsa agli armamenti globale.

 

Nazioni come Gran Bretagna, Francia e Svezia potrebbero escogitare armi dal design intelligente e innovativo. Ma quando si è trattato della tecnologia delle armi, l'innovazione è arrivata dagli Stati Uniti e dall'Unione Sovietica / Russia, che erano disposti a spendere enormi quantità di tesori per la ricerca e lo sviluppo militare.

 

Ma sta arrivando una nuova generazione di armi che metterà l'Europa alla pari con l'America e la Russia?

 

All'Air Show di Parigi, in estate, un modello del Future Air Combat System ha attirato curiosità. Un caccia di sesta generazione di genitori franco-tedeschi-spagnoli (anche se di origine in gran parte francese), potrebbe essere la controparte dell'Europa a qualunque jet con equipaggio - o droni - succederà ai caccia stealth statunitensi di quinta generazione F-22 e F-35 degli Stati Uniti, o Su-57 della Russia.



 

FCAS è costruito attorno a concetti futuristici: configurazione stealth, missili a lungo raggio e - soprattutto - squadra presidiata senza equipaggio. Come una regina invisibile, il caccia avrà un seguito di droni che farà gran parte del lavoro sporco di combattimento, scouting e presa del peso del fuoco nemico. Gli Stati Uniti stanno lavorando allo stesso concetto con il suo programma Loyal Wingman e il drone XQ-58, un sosia mini-F-35 che funzionerà con aerei con equipaggio come un branco di cani da caccia e il loro padrone.

 

Per non essere superato dai suoi cugini continentali da cui si sta separando, la Gran Bretagna sta sviluppando il suo caccia di sesta generazione. Si prevede che Tempest armato di laser entrerà in servizio intorno al 2035.

 

Questi caccia possono avere alcune armi avanzate. La società di difesa europea MBDA ha svelato alcuni concept relativi ai missili. Sciami di alianti lanciati da velivoli che possono sopraffare un bersaglio a cinquanta miglia di distanza, mentre il velivolo con equipaggio si distingue in modo sicuro dalla mischia. Missili furtivi a bassa quota che colpirebbero bunker nemici. Un missile supersonico che può far fuori velivoli, navi e difese aeree nemiche.

 

Ma, come la giornalista di Defense News Christina Mackenzie ha descritto un modello della FCAS in mostra al Paris Air Show, “nessuna funzionalità è stata inclusa nella struttura stilizzata diversa dalla forma generale di un aereo militare, apparentemente più grande e più piatta nell'aspetto rispetto caccia attuali. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che non c'è molto accordo su come apparirà un'arma aerea nel 2040".

 

Il che arriva al problema di un rinascimento militare europeo. Vi sono state numerose armi che sono il frutto della cooperazione europea, come il jet Tornado britannico-tedesco-italiano o il missile anticarro HOT franco-tedesco. Eppure Gran Bretagna, Germania, Italia e Francia hanno i loro principali carri armati. L'ultimo jet della Gran Bretagna è l'F-35 progettato in nordamerica. Come osserva Mckenzie, i dirigenti della MBDA si preoccupano della prospettiva di dover progettare diverse munizioni per i caccia rivali europei e britannici di prossima generazione.

 

E con l'invecchiamento della popolazione che richiede più servizi sociali e nessuna minaccia sovietica per unificarli (anche se la Russia di Putin sta facendo del suo meglio), i finanziamenti saranno lì per sostenere lo sviluppo di un caccia enormemente costoso come il FCAS fino al 2040? Ha senso quando ci sarà inevitabilmente un concorrente statunitense al programma? Anche se il caccia di sesta generazione degli Stati Uniti risulterà essere una grande fregatura come l'F-35, almeno gran parte del costo sarà stato sostenuto dai contribuenti americani piuttosto che europei.

Fonte: The National Interest
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa