Declan Hayes - Gli ultimi fallimenti dei propagandisti della Nato

Declan Hayes - Gli ultimi fallimenti dei propagandisti della Nato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Declan Hayes - Strategic Culture


Nonostante gli sforzi della NATO per ritrarre la Russia in generale e il presidente Putin in particolare come la fonte di tutti i mali del mondo non si fermino mai, usiamo alcuni esempi recenti per mostrare perché questi sforzi hanno superato la loro data di scadenza.

Innanzitutto, c'è questo reportage di Vatican News sulle commemorazioni in onore dei martiri cattolici dell'Estonia, una causa degna che dovrebbe essere un'occasione per promuovere la pacificazione ma che viene utilizzata per seminare rancore. Nel raccontarci che l'evento ricorda in particolare Eduard Profittlich, un missionario gesuita di origine tedesca, che era responsabile degli affari cattolici in Estonia prima di essere deportato per dieci anni in un gulag siberiano, il Vaticano non riesce a contestualizzare adeguatamente le sofferenze di Profittlich e di altri cattolici tedeschi ed estoni. Questo difetto è aggravato dal dare particolare enfasi al vescovo di Helsinki, Ramón Goyarrola Belda. La Finlandia, inclusi i convertiti finlandesi come Teemu Sippo, è stata irrilevante per gli affari cattolici in Estonia fin dall'inizio della Riforma circa 600 anni fa e, fingere altrimenti, come fa questo articolo, può essere spiegato solo dagli obiettivi di incitamento del suo autore.

Questo non significa negare che cose terribili siano accadute in Estonia durante la guerra e né è una critica alla decisione del prelato lettone Zbig?evs Stankevi?s di permettere questa commemorazione al santuario cattolico nazionale dell'Estonia, ma è per dire che queste commemorazioni di eventi accaduti prima che quasi tutti noi nascessimo dovrebbero essere inclusive. In particolare, in accordo con il desiderio del defunto Papa Giovanni Paolo II che l'Europa respiri con entrambi i suoi polmoni, le chiese ortodosse e cattoliche bielorusse avrebbero dovuto essere invitate congiuntamente a svolgere un ruolo pieno e centrale in questi eventi. Se l'attuale Papa desidera sostenere che la Chiesa ortodossa bielorussa non ha sofferto sotto sia i nazisti che l'Unione Sovietica o che i martiri bielorussi di Nowogródek, le undici suore polacche fucilate dalla Gestapo il 1 agosto 1943, non meritano di essere ricordati insieme ai martiri estoni, farebbe meglio a evitare i cristiani preoccupati di Polonia e Bielorussia, che hanno sofferto più di qualsiasi altro paese, Estonia inclusa, durante la Seconda Guerra Mondiale.

L'Estonia dovrebbe davvero superare se stessa. Le forze russe non attraverseranno il fiume Narva dalla loro fortezza di Ivangorod alla ricerca di prede estoni. E, sebbene la Russia debba preoccuparsi che l'Estonia doni più dell'1% del suo PIL relativamente piccolo a Zelensky, anche questo è insignificante nel complessivo schema di truffa che Zelensky e i suoi complici hanno in corso.

Non che la prima ministra estone Kaja Kallas sia innocente in tutto questo. Non solo la Russia ha emesso un mandato di arresto nei suoi confronti, ma l'Estonia non dovrebbe permettere a questa pedina della NATO piena di scandali di usare il suo ufficio politico per risolvere vendette familiari contro la Russia moderna. E né, naturalmente, la Chiesa cattolica dovrebbe aiutarla a infiammare inutilmente le tensioni con la Bielorussia e con la Russia, che ha i propri problemi da affrontare.

Uno di questi problemi è il continuo fastidio rappresentato dalla BBC, media in mano all'MI6. Un servizio della BBC su una biblioteca russa distopica, che contiene libri di George Orwell della BBC, il bigotto anti-cattolico che famosamente lavorava come spia per l'MI6. Per quanto interessante possa essere questa storia parrocchiale, non serve a nessun altro scopo se non quello di attaccare la Russia e di mostrare quanto la BBC sia un media venale e vendicativo.

Ma è tipico degli standard inesistenti che prevalgono alla BBC e in tutti gli altri media dell'MI6 e della CIA. Prendiamo una recente assurdità del Sunday Times secondo cui l'eurodeputata irlandese Clare Daly, che sta prendendo consulenza legale al riguardo, ha messo in contatto figure dell'IRA con agenti russi in Lituania. I fatti della questione sono che il Sunday Times, rabbiosamente pro-NATO, desidera far tacere Daly e desidera diffamare la Russia e in particolare i vulnerabili parlanti russi nei Baltici, collegandoli ad altri giocatori canaglia, come l'IRA dissidente che sono allo stesso modo nei loro mirini. Come ha mostrato George Galloway quando ha smascherato il falso sceicco, la NATO può contare su un gran numero di falsi giornalisti, che sono poco più che prostitute a noleggio.

Non solo in Irlanda abbiamo l'MI6, la CIA e i servizi di intelligence militari irlandesi che ci respirano sul collo, ma anche la Francia ci mette il becco. Ecco un resoconto dei servizi segreti francesi che avvertono il Dipartimento degli Affari Esteri irlandese che la Russia sta diffondendo disinformazione qui. Se l'articolo deve essere preso alla lettera, i russi sono preoccupati per il freak sessuale che ha rappresentato l'Irlanda all'Eurovision, per le risse di strada a Dublino e per come va la guerra in Ucraina. Per quanto riguarda quest'ultimo punto, ottengo le mie notizie sulla guerra di Gaza seguendo Twitter, così come siti israeliani e arabi e faccio qualcosa di simile riguardo all'Ucraina. Guardo l'Irish Times, se non altro, solo per i risultati sportivi e il meteo e non mi interessa cosa abbiano da dire gli ex padroni francesi dell'Africa su qualsiasi cosa non sia direttamente collegata a vino, donne o canzoni.

E, sebbene io controlli RT più volte al giorno, sembra che lo faccia anche la Clooney Foundation for Justice (CFJ), che minaccia di arrestare i giornalisti russi per aver raccontato la guerra in Ucraina. Mettiamo le cose in chiaro. George Clooney è un teppistello hollywoodiano sposato con Amal Alamuddin, una ragazza libanese di etnia drusa, che recita la parte di un avvocato per i diritti umani. Avendo visto quella schiappa appassire sotto esame incrociato, le sue capacità retoriche mi sono sembrate meno impressionanti delle sue lunghe gambe e dei suoi tacchi alti di Gucci ma, ehi, non sono un agente di casting di Hollywood e non ho nemmeno un divano per il casting.

A parte questo, Clooney farebbe bene a ricordare le parole di Churchill che “ci sono erbe amare in Inghilterra” e che ce ne sono parecchie anche in Russia, che non sempre sopportano volentieri gli sciocchi come lui o la sua imbecille moglie. L'ironia della sorte è che questi due pagliacci hanno convinto Anna Neistat, direttore legale del progetto The Docket della loro fondazione, a spingere l'UE e la Corte penale internazionale (CPI) a reprimere i giornalisti russi per quello che l'ex organo di controllo di Human Rights Watch e Amnesty International ha definito “incitamento al genocidio” in Ucraina, cosa di cui questi gruppi controllati dalla CIA sono già complici in Siria. Anche se Neistat spera che la CIA possa catturare i giornalisti russi quando si trovano all'estero, anche un'idiota come lei dovrebbe notare che l'Iran ha dimostrato più volte che la guerra asimmetrica è una strada a doppio senso e che la prepotenza nei confronti delle potenze nucleari può avere e avrà conseguenze impreviste.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti