Il capitale internazionale ordina e l'agente del golpismo USA Almagro minaccia il Venezuela

Il capitale internazionale ordina e l'agente del golpismo USA Almagro minaccia il Venezuela

Il segretario dell’Organizzazione degli Stati Americani monta il suo show ad uso e consumo dei media anti-venezuelani a Cucuta in Colombia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde
 

Il capitale internazionale attraverso le colonne del Financial Times ha lanciato l’ordine di attaccare militarmente il Venezuela. Al contempo Luis Almagro, segretario dell’Organizzazione degli Stati Americani, monta il suo show ad uso e consumo dei media anti-venezuelani a Cucuta, sulla frontiera tra Colombia e Venezuela. Quella stessa linea di confine che ha visto negli anni milioni di colombiani fuggire verso il Venezuela e che adesso si è trasformata nell’epicentro dell’attacco contro il Venezuela. 


Leggi anche - Maduro: il Venezuela richiederà un indennizzo alla Colombia per i 5,6 milioni di colombiani che vivono nel paese

 

«In quanto all’intervento militare per rovesciare il regime di Nicolas Maduro, credo che non dobbiamo scartare nessuna opzione», afferma il dirigente uruguaiano che ormai si è trasformato in un agente del golpismo statunitense in America Latina. 

 

Almagro risulta essere molto attento ai diritti umani. Ma ‘distratto’, ad esempio, sui bambini migranti separati dai genitori negli Stati Uniti. 

 

Addirittura in un’intervista rilasciata nello scorso mese di aprile al quotidiano iberico ‘El Pais’ arrivava a definire l’arbitraria detenzione dell’ex presidente brasiliano Lula come «una crescita del sistema democratico». 

 

A questo punto ulteriori commenti sul ruolo palese di destabilizzazione svolto da Almagro risultano inutili. 


Leggi anche - Migrazione forzata, combustibile per l'intervento. Rapporto speciale di Mision Verdad


Da evidenziare invece le parole del presidente boliviano Evo Morales, che attraverso Twitter condanna la condotta del guerrafondaio Almagro: «Condanniamo la richiesta di intervento militare fatta da Almagro contro il nostro fratello Nicolas Maduro. Così conferma di aver smesso di essere il segretario generale dell’OSA per diventare agente del golpismo di Trump. Colpire il Venezuela significa colpire l’America Latina». 

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti