Il governo Biden appoggia la politica estera saudita di Trump

Il governo Biden appoggia la politica estera saudita di Trump

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di By As`ad AbuKhalil* - Consortium News

La Casa Bianca si sta impegnando per la sopravvivenza e la longevità di uno dei regimi più totalitari della regione e del mondo.

Come tutti i presidenti che lo hanno preceduto, Joe Biden ha deciso di intensificare le relazioni tra gli Stati Uniti e i sauditi. Ora sta finalizzando un accordo di sicurezza potenzialmente storico. 

Se concluso, gli Stati Uniti si impegneranno non per la sicurezza del regno saudita e del suo popolo, ma per la sopravvivenza e la longevità di uno dei regimi più totalitari della regione e del mondo.  

Gli accordi di Abraham, avviati dall'amministrazione Trump, si basano sul riconoscimento che il popolo arabo non è in alcun modo desideroso o interessato a fare pace con Israele.  

La lobby sionista è giunta da tempo a questa conclusione e ha agito di conseguenza. 

Dal presidente Jimmy Carter in poi, le amministrazioni statunitensi che si sono succedute hanno calcolato che la migliore garanzia di pace con Israele nella regione è quella di sostenere regimi autoritari in grado di imporre la pace con Israele al loro popolo e di proteggere la preziosa ambasciata israeliana in questo Paese.  

Abbiamo visto che una volta tolta la pesante mano dell'oppressione in Egitto nel 2011, uno dei primi atti degli egiziani liberi è stato quello di prendere d'assalto l'ambasciata israeliana e darle fuoco. Solo dopo che il governo americano ha minacciato l'esercito egiziano di bloccare gli aiuti statunitensi, l'esercito ha agito contro la volontà della popolazione, proteggendo l'ambasciata e portando le sue spie e i suoi sabotatori fuori dal Paese.

L'amministrazione Biden ha appoggiato senza riserve la politica estera di Trump-Kushner nella regione mediorientale.  Su tutti i punti chiave, si è attenuta al percorso della precedente amministrazione nel trattare il Medio Oriente e il conflitto arabo-israeliano: 

N. 1) Si è rifiutata di rilanciare l'accordo sul nucleare iraniano, nonostante le promesse contrarie fatte durante la campagna di Biden.  Si è impegnato in negoziati indiretti con l'Iran, ma ha insistito per aggiungere altre concessioni da parte dell'Iran che facevano parte delle obiezioni che i repubblicani avevano sollevato nel 2015. 

2) Ha rifiutato di riaprire l'ufficio dell'OLP a Washington, nonostante l'OLP sia diventata (dall'amministrazione Clinton) un mero strumento degli Stati Uniti e agisca al servizio dell'esercito di occupazione israeliano.  L'OLP ha persino modificato il suo statuto secondo le specifiche istruzioni dell'amministrazione Clinton e di Israele.  Oggi l'OLP si oppone ai veri rappresentanti del popolo palestinese.

N. 3) L'amministrazione statunitense non ha riportato l'ambasciata americana da Gerusalemme a Tel Aviv, aderendo così alla richiesta della destra cristiana e dell'ambasciata israeliana.  Gli Stati Uniti si sono impegnati a riconoscere la sovranità israeliana su Gerusalemme.

N. 4) Il governo statunitense non ha dichiarato che gli insediamenti israeliani in Cisgiordania sono in contraddizione con il diritto internazionale (che era la classica caratterizzazione delle amministrazioni statunitensi dal 1967 fino all'amministrazione di George W. Bush). 

No. 5) Il governo statunitense non ha invertito la politica di Trump di accettare la sovranità israeliana sulle alture occupate del Golan. 

No. 6) L'amministrazione Biden si è attenuta al modello del genero di Donald Trump, Jared Kushner, di ignorare completamente il problema palestinese e di cercare invece trattati di pace bilaterali separati tra i despoti israeliani e quelli del Golfo. 

L'idea degli accordi bilaterali con Israele è in linea con l'opinione di Jake Sullivan, poco prima del 7 ottobre (in un articolo su Foreign Affairs), secondo cui il Medio Oriente è "più tranquillo oggi di quanto non lo sia stato in due decenni".  Ha detto questo solo perché presumeva che la pace con i despoti del Golfo avrebbe ucciso la ricerca palestinese di indipendenza e statualità.

L'impegno per la punizione

È ormai nota la storia di come Biden, durante la campagna elettorale per il 2020, si sia impegnato a punire il regime saudita che ha definito un paria. Ha dichiarato di non riuscire a trovare una sola qualità di redenzione in Muhammad Bin Salman, l'attuale sovrano colpevole non solo dell'omicidio e dello smembramento dell'editorialista del Washington Post Jamal Khashoggi, ma anche di gravi violazioni dei diritti umani in tutta la regione. (Lo Yemen è stato fino al 7 ottobre 2023 la più grande crisi umanitaria del mondo, di cui l'amministrazione statunitense è stata complice fin dai tempi dell'amministrazione Obama).  

Dopo il 7 ottobre, gli alleati occidentali di Israele si sono resi conto che il problema palestinese è più che mai centrale per la politica della regione e per la stabilità del mondo. È quindi piuttosto inspiegabile che l'amministrazione Biden continui a perseguire la strada screditata degli Accordi di Abramo. 

Anche quando Israele continua la sua guerra di genocidio, l'amministrazione Biden ha costantemente portato avanti i colloqui con l'Arabia Saudita, non su una soluzione al problema palestinese, ma sui metodi migliori per raggiungere la pace tra Arabia Saudita e Israele.

La premessa errata della lobby israeliana

La premessa della lobby israeliana su questo potenziale accordo è errata. Presuppone che il regime saudita parli davvero a nome del popolo arabo e musulmano e che il governo saudita possa "consegnare", per così dire, il popolo palestinese.  

Gli eventi degli ultimi mesi hanno dimostrato che il regime saudita non ha alcuna influenza sul popolo palestinese e che l'Iran ha più credibilità tra i leader e le fazioni palestinesi a Gaza rispetto al regime saudita.  

Il governo saudita ha influenza su Mahmoud Abbas, presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese, e sui suoi corrotti compari a Ramallah; essi sono percepiti dal loro popolo come semplici spie e collaboratori che servono l'agenda dell'occupazione. 

Il governo saudita può consegnare Abbas ma non può consegnare Yahya Sinwar, leader di Hamas e leader indiscusso dei palestinesi (se non del popolo arabo in generale).

L'accordo di sicurezza che gli Stati Uniti stanno negoziando è stato modificato per tenere conto di un fatto importante: Israele non è disposto ad accettare, nemmeno in linea di principio, uno Stato palestinese in cambio di una piena normalizzazione con l'Arabia Saudita.  

Tutte le fazioni israeliane sono unite nel respingere l'iniziativa di pace araba che è stata architettata dall'Arabia Saudita nel 2002.  Persino Yitzhak Rabin, che è lodato in Occidente come un vero campione della pace nonostante i suoi precedenti di criminale di guerra, non ha mai pronunciato le parole "Stato palestinese". 

Israele vuole la pace con i regimi dispotici arabi in cambio di nulla e, grazie alle pressioni degli Stati Uniti, ci è riuscito. Nessun governo arabo ha ricevuto benefici dalla pace con Israele, a meno che non si considerino i lauti finanziamenti statunitensi all'apparato militare e di sicurezza e alla cricca dispotica al potere come risultati.  

Gli sviluppi a Rafah hanno dimostrato che nemmeno l'accordo di Camp David è stato preso sul serio da Israele, che di recente ha spostato carri armati e blindati in un'area da cui è vietato, secondo l'accordo con l'Egitto. 

L'amministrazione Biden dovrà ora accontentarsi di un accordo di sicurezza bilaterale tra Stati Uniti e Arabia Saudita che accontenterà il Congresso ma potrebbe indispettire la lobby israeliana, disposta ad accettare un accordo di sicurezza per il regime saudita solo dopo la firma di un trattato di pace con Israele.  

Israele non è nemmeno disposto ad accettare un cessate il fuoco permanente in cambio di un accordo di pace saudita.  

Ma l'amministrazione Biden impegnerà gli Stati Uniti (e le loro forze armate) nella difesa del regime saudita non solo nei confronti di minacce esterne (ad esempio l'Iran) ma anche nei confronti della popolazione dell'Arabia Saudita.  

Questi accordi sono privi di significato: cosa faranno gli Stati Uniti, e cosa possono fare, se una rivolta interna dovesse estromettere il re saudita o la famiglia reale saudita?

L'esempio dello scià dell'Iran è ancora indicativo: un accordo strategico tra lo scià e gli Stati Uniti (che si è protratto per decenni) non ha potuto salvare lo scià e non ha potuto scongiurare i pericoli della popolazione nei confronti del regime. 

L'amministrazione Biden acconsentirà anche all'installazione di un reattore nucleare in Arabia Saudita senza condizioni.  Acconsentirà alla vendita di tecnologia militare avanzata all'Arabia Saudita, che il regime degli Emirati Arabi Uniti aveva chiesto quando aveva accettato gli Accordi di Abraham. 

Questi accordi non avranno alcun effetto sulla vita dei palestinesi e non faranno altro che incoraggiare Israele a commettere ulteriori atrocità e crimini di guerra. 

L'amministrazione Biden è diventata una delle peggiori amministrazioni nella storia della politica estera degli Stati Uniti in Medio Oriente; non solo ha partecipato pienamente alla guerra di genocidio israeliana, ma ha anche dato maggiore sostegno agli Stati Uniti per la perpetuazione dell'ordine dispotico arabo nell'interesse di Israele e della sua lobby a Washington.

Traduzione de l'AntiDiplomatico

*As`ad AbuKhalil libanese-americano, professore di scienze politiche alla California State University, Stanislaus. È autore di Historical Dictionary of Lebanon (1998), Bin Laden, Islam and America's New War on Terrorism (2002) e The Battle for Saudi Arabia (2004). Il suo account Twitter è @asadabukhalil

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti