Il governo israeliano finanziò la creazione della sezione locale di Amnesty International

Il governo israeliano finanziò la creazione della sezione locale di Amnesty International

Il governo israeliano finanziò la creazione della sezione locale di Amnesty International negli anni sessanta e settanta per renderlo un docile strumento della sua immagine internazionale, secondo i documenti ufficiali rivelate dal quotidiano Haaretz.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


I documenti, secondo il quotidiano israeliano 'Haaretz, sono stati ottenuti dall'Istituto di Ricerca sul conflitto israelo-palestinese 'Akevot' e non lasciano dubbi sul fatto che, almeno in quegli anni, Amnesty International era uno strumento al servizio del sionismo.


 
Il giornalista che ha firmato l'articolo sostiene che in ogni situazione di guerra, Amnesty International prende sempre la parte degli oppressori. Israele ha pagato ai membri di AI centinaia di sterline sui biglietti aerei sui voli d'oltremare, con biglietti omaggio, le indennità e le spese di viaggio, spese di registrazione e la manutenzione della sede.
 
Come se non bastasse, il Mossad infiltrò uno dei suoi agenti nella gestione delle ONG, nonostante che i sionisti accusano l'organizzazione di "antisemitismo".
 
Tra il 1974 e il 1976 Yoram Dinstein, che ha guidato la sezione israeliana di Amnesty International, ha mantenuto un rapporto molto stretto con il governo. Dinstein, che era professore di diritto internazionale all'Università di Tel Aviv, provenica dal Ministero degli Affari Esteri, dopo esere stato console israeliano a New York.
 
Uno dei suoi compiti a capo di Amnesty International è stato quello di informare il Ministero sui tempi di ciascuna delle attività effettuata dell'organizzazione, ed i suoi contatti.
 
Seppure la sezione israeliana fu creata nel 1964, la sua attività è aumentata dopo un rapporto, pubblicato nel 1969,  sulla situazione dei detenuti palestinesi nelle carceri israeliane, l'anno successivo il ministro di polizia, Shlomo Hillel, conferì in Parlamento , dove sostenne governo di Israele "non si fidava della buona volontà di Amnesty International e delle sue correzioni."
 
Un rapporto interno del ministero sostenne che a capo della sezione israeliana delle ONG c'era una donna, Bella Ravdin, che era vissuta ad Haifa e con la quale era in contatto. Radvin prendeva soldi dal governo, che ha anche pagato il suo viaggio e le ha dato istruzioni su cosa fare e dire nei congressi internazionali. Anche il Ministero raccomandava di espandere e rafforzare la sezione locale di Amnesty International perché il lavoro che era stato fatto era  importante per mostrare la faccia pulita dello Stato di Israele all'estero.

 
Di per sé, il compito del ministero non era sufficiente; Avevano bisogno di una ONG, e per di più "non governativa". Per questo Dinstein cercò di creare un istituto di diritti umani all'interno dell'Università di Tel Aviv, finanziato dal Ministero. Tuttavia, essi non hanno accettato il denaro richiesto, 100.000 sterline, così il piano si rivelò infruttuoso.
 
In seguito il Ministero riorganizzò Amnesty International, con quattro avvocati per dirigerla, ma non era abbastanza e nel 1974 Dinstein ha dovuto farsi carico del personale per prendere le redini. Nel corso della riunione in cui fu eletto, era presente il funzionario del ministero responsabile per il lavoro di collegamento con l'ONG. Era il vice direttore aggiunto Sinai Rome.
 
Dinstein si occupò della redazione degli statuti legali di Amnesty International e iniziò a chiedere i soldi senza sosta per pagare i costi di gestione dell'organizzazione, che finì per essere un portavoce sionista sotto copertura. Ognuno dei passaggi, compreso il contenuto della corrispondenza, è stato consultato con il Ministero israeliano.
 
Quando il giornalista di 'Haaretz' si è messo in contatto con Dinstein per chiedere dei contatti con il Ministero israeliano, indegni per un organizzazione che si presenta come "non governativo", inizialmente mente, fino a che gli si presentano le prove. A quel punto sostiene di non ricordare...
 

Potrebbe anche interessarti

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica