"Il nostro mare chiede giustizia": proteste contro Repsol in Perù

"Il nostro mare chiede giustizia": proteste contro Repsol in Perù

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In Perù riprende la protesta popolare contro la compagnia Repsol. Un gruppo di pescatori artigianali e commercianti, colpiti dalla fuoriuscita di petrolio della Repsol avvenuta nel 2022 in Perù, ha infatti protestato questo mercoledì nel centro di Lima per sollecitare il governo a chiedere alla compagnia di rimediare ai danni arrecati.

"Chiediamo un risarcimento a partire dal 2023 perché noi pescatori sappiamo dove sono le aree contaminate, i fondali marini", ha dichiarato Marco Poma, leader del Sindacato dei Pescatori del Porto di Chancay.

Intervistato dal media locale Wayka, Poma ha assicurato che se si stanno mobilitando a Lima è perché "lo Stato peruviano ci ha abbandonato" dopo il più grande disastro ambientale della storia del Perù.

Il 15 gennaio scorso, 12.000 barili di petrolio sono fuoriusciti da una stazione della raffineria La Pampilla, gestita dalla compagnia spagnola, nel mare al largo del distretto di Ventanilla.

Più di 400 persone hanno attraversato la capitale in direzione del Congresso della Repubblica con innumerevoli striscioni, tra cui "il P.C.M. (Presidenza del Consiglio dei Ministri) sostenga il pescatore" o "il nostro mare chiede giustizia".

Il 10 agosto, l'Organismo de Evaluación y Fiscalización Ambiental (OEFA) ha concluso che ci sono in totale 19 zone impattate, poiché la presenza di idrocarburi è ancora confermata.

Durante la manifestazione, la portavoce delle vittime della fuoriuscita di petrolio a Chancay, Olga Noé Miñope, ha criticato duramente la recente incorporazione di Repsol tra gli sponsor ufficiali della nazionale di calcio peruviana.

"Saremo nelle mani del nemico? Siamo colpiti, dobbiamo avere uno Stato che ci difenda", ha detto Miñope. "Non possiamo andare a lavorare a causa di questa contaminazione", ha aggiunto.

In questo senso, Poma ha insistito sul fatto che hanno bisogno del sostegno dello Stato perché "stiamo affrontando una grande azienda, un'azienda potente".

Miñope ha dichiarato al quotidiano La República che i sette distretti colpiti dalla fuoriuscita di Repsol si sono uniti per "rivendicare i nostri diritti".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti