ALBA LATINA/Il presidente del Brasile Bolsonaro ritiene il coronavirus un «ra...

Il presidente del Brasile Bolsonaro ritiene il coronavirus un «raffreddore» mentre i narcotrafficanti impongono la quarantena nelle favelas

 
 

Un primo caso di coronavirus è stato diagnosticato questo sabato nella favela di Ciudad de Dios a Rio de Janeiro, dove ci sono altri 19 casi sospetti. In totale ci sono 61 residenti di favelas che presentano sintomi e sono sotto osservazione, solo nella città di Rio de Janeiro.

 

 

 

Le favelas sono le aree urbane più vulnerabili in Brasile che affrontano il rischio di diffusione del coronavirus. Si stima che in tutto il paese vi siano circa 12 milioni di persone che vivono in favelas, con condizioni di sovraffollamento, con scarsità d'acqua, senza la garanzia di un sistema igienico-sanitario di base o un sistema di raccolta dei rifiuti e con un servizio sanitario ridotto. A Belén, una delle più grandi città dell'Amazzonia, metà della popolazione vive in disordinate occupazioni urbane, a Salvador de Bahia un terzo e a Rio de Janeiro un quarto del totale, secondo l'Istituto brasiliano di geografia e statistica (IBGE).

 

 

 

La densità di popolazione della favela Rocinha, la più grande del Brasile, è di 49.000 abitanti per chilometro quadrato, quasi nove volte superiore a quella del resto della meravigliosa città. Mentre questi fattori aumentano il rischio di contagio, il governo non ha ancora annunciato alcuna azione politica. Il presidente Jair Bolsonaro non solo ignora il rischio che questo virus rappresenta per le favelas, ma in un discorso tenuto martedì 24, ha chiesto a tutta la popolazione di tornare alla normalità, "senza panico e senza isteria". Ha esortato le autorità municipali a cancellare le misure di confinamento, chiusura dei negozi e riduzione del trasporto pubblico. "Credo in Dio, che formerà scienziati e ricercatori in Brasile e nel mondo per trovare una cura per questa malattia", ha detto il presidente, che ha sottolineato l'importanza di continuare le attività economiche e ha comparato i sintomi del coronavirus con un "influenza“ o “raffreddore" che “passerà velocemente”, secondo le sue parole.

 

 

 

Nel frattempo, alcuni narcotrafficanti con base nelle favelas hanno preso l'iniziativa di dettare le proprie regole di confinamento e hanno decretato un coprifuoco giornaliero a partire dalle 20:00. CV (Comando Vermelho) comunica: Restate a casa. La cosa sta diventando serio e ci sono persone che lo prendono per uno scherzo. (...) Ora rimarrai a casa con lo buone o le cattive. Coprifuoco tutti i giorni dopo le 20:00, Chiunque incontreremo per strada imparerà a rispettare gli altri", afferma delle più grandi fazioni criminali in Brasile, che ha inviato tramite WhatsApp un messaggio ai residenti della favela Rocinha a Rio de Janeiro, la più popolosa della paese. "Vogliamo il meglio per la popolazione. Se il governo non ha la capacità di intervenire, il crimine organizzato risolve il problema”, concludono. Questo è l'ordine in varie favelas in tutta la città e viene trasmesso dai social network, porta a porta, con il sistema di diffusione sonora o con gli altoparlanti delle auto.

 

 

 

I paramilitari della milizia che controllano anche alcuni quartieri delle città brasiliane hanno aderito all'iniziativa e hanno pubblicato annunci simili decretando un coprifuoco, ad eccezione dei servizi di farmacia, anche alle otto di sera a Río das Pedras, Muzema e Tijuquinha, barrios dalla zona occidentale di Rio de Janeiro.

 

Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa