Il Regno Unito aumenta i voli spia e l'invio di caccia Typhoon vicino al confine russo per trovare le "vulnerabilità" di Mosca

Il Regno Unito aumenta i voli spia e l'invio di caccia Typhoon vicino al confine russo per trovare le "vulnerabilità" di Mosca

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le provocazioni ai confini della Russia sono aumentate. Quasi quotidianamente vengono intercettati aerei spia in avvicinamento allo spazio aereo di Mosca, con i caccia in forza alla Russia costretti ad alzarsi in volo per allontanare i velivoli ostili. 

 

Sergei Rudskoy, capo della Direzione operativa principale dello Stato maggiore russo, ha affermato che nel 2020 il numero di voli di ricognizione stranieri nella regione del Mar Nero è aumentato del 40% rispetto allo scorso anno.

 

Il motivo di tale attività è presto detto.

 

Il Times ha citato una fonte di intelligence senior anonima affermando che le informazioni ottenute dalle pattuglie dei caccia della RAF e delle navi da guerra della Royal Navy vicino ai confini della Russia aiuterebbero gli esperti del ministero della Difesa del Regno Unito a identificare le vulnerabilità di Mosca e "cercare di sfruttarle".

 

Il quotidiano ha fatto riferimento a 28 aerei da guerra britannici, compresi i caccia Typhoon, che sono stati inviati "ai confini della Russia sul Mar Nero e al largo della costa della penisola di Kola nell'Artico dall'ultima settimana di agosto", in quello che The Times ha descritto come " un'operazione senza precedenti per mettere sulla difensiva i militari di Mosca”.

 

Il segretario alla Difesa Ben Wallace è stato citato dall'agenzia di stampa dicendo che l'obiettivo delle pattuglie artiche era quello di preservare la "libertà di navigazione" e che il Regno Unito aveva "la responsabilità di sostenere i nostri alleati artici come la Norvegia per preservare la sicurezza e la stabilità del regione".

 

“La RAF dispone di un'ampia varietà di funzionalità all'avanguardia per ottenere informazioni vitali in tutto il mondo. Non commentiamo le speculazioni su tali operazioni”, ha aggiunto Wallace.

 

Il ministero della Difesa russo ha ripetutamente avvertito che la frequenza dei voli di sorveglianza straniera rappresenta un rischio di escalation accidentale, mentre i funzionari statunitensi hanno accusato i piloti di caccia russi di impegnarsi in intercettazioni "non sicure e poco professionali". L'esercito russo sottolinea che tutti i suoi voli vengono effettuati in conformità con il diritto internazionale.

 

Le provocazioni non arrivano solo dal cielo. Il 5 settembre, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha sottolineato che per la prima volta dalla Guerra Fredda, una flottiglia di navi da guerra della NATO era stata dispiegata nel Mare di Barents. Shoigu ha detto che Mosca è preoccupata per la spinta della NATO a mostrare forza aumentando le attività di intelligence dell'alleanza vicino ai confini della Russia.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti