Il Venezuela ordina un'azione difensiva congiunta in risposta alla minaccia militare del Regno Unito

Il Venezuela ordina un'azione difensiva congiunta in risposta alla minaccia militare del Regno Unito

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Venezuela reagisce alle provocazioni imperialiste. Il presidente Nicolas Maduro ha ordinato l'attivazione di un'azione difensiva congiunta in risposta all'arrivo della nave HMS Trent, inviata dalla Gran Bretagna verso le coste della Guyana. Il capo dello Stato venezuelano ha affermato che l'invio della nave e la sua accettazione da parte della Guyana "è una violazione degli accordi di Argyle", firmati il 14 dicembre a St. Vincent e Grenadine, ed è "la minaccia del Regno Unito contro un popolo nobile e pacifico, come quello del Venezuela".

L’azione difensiva è stata ordinata dal massimo dirigente venezuelano durante gli auguri di Capodanno alle Forze Armate Nazionali Bolivariane (FANB) dalla sede del Ministero del Potere Popolare della Difesa, situata a Fuerte Tiuna.

"Ho ordinato l'attivazione di un'azione congiunta di tutta la Forza Armata Nazionale Bolivariana sui Caraibi orientali del Venezuela, sulla costa atlantica, un'azione congiunta di natura difensiva in risposta alla provocazione e alla minaccia del Regno Unito contro la pace e la sovranità del nostro Paese". Le esercitazioni militari sono denominate "Azione congiunta Domingo Sifontes", dal nome di un generale venezuelano che nel 1895 scacciò un avamposto britannico che si era stabilito illegalmente in territorio venezuelano.

A seguito dell'ordine, l'ammiraglio Neil Jesús Villamizar Sánchez, comandante generale della Marina venezuelana, ha iniziato le esercitazioni dell'azione congiunta dalla penisola di Paria, nello stato di Sucre, dal pattugliatore oceanico Guaiquerí PO-11, insieme ai comandanti di diverse REDI e ZODI e 5. 682 combattenti, tra cui tre pattugliatori oceanici classe Guaiquerí, due trasporti logistici, tre navi multiuso, tre pattugliatori della Guardia Costiera, sette navi missilistiche, cinque elicotteri, sei caccia K-8w, cinque caccia F-16, dodici caccia Sukhoi Su-30 MK2, otto veicoli anfibi, un'unità di forze speciali URRA (Unità di Reazione Rapida), un'unità della milizia e un'unità di difesa aerea.

Maduro ha affermato che l'invio della nave da parte del Regno Unito, e la sua accettazione da parte della Guyana, "è una violazione degli accordi di Argyle". 

"Abbiamo parlato privatamente con la Guyana affinché non accogliesse la nave, e loro hanno invece ricevuto la nave. Il Venezuela ha rispettato gli accordi di Argyle, ma non se ne starà con le braccia incrociate di fronte a una minaccia, da qualunque parte provenga".

"Stiamo rispondendo in modo proporzionato alle minacce: oggi abbiamo emesso un comunicato e ci riserviamo tutte le azioni" per difendere le zone sovrane del Venezuela, ha dichiarato Maduro.

In precedenza, il ministro degli Esteri venezuelano Yván Gil aveva pubblicato una dichiarazione sui social media, condannado l'arrivo della nave britannica in Guyana.

"Crediamo nella diplomazia, nel dialogo e nella pace, ma nessuno deve minacciare il Venezuela, nessuno deve interferire con il Venezuela. Questa minaccia è inaccettabile per qualsiasi Paese sovrano! La minaccia dell'ex impero decadente e marcio del Regno Unito è inaccettabile! Non la accettiamo!" ha ribadito Maduro in una trasmissione radiotelevisiva nazionale.

"Non ci mettiamo contro nessuno, ma nessuno verrà ad abusare del Venezuela. Né un Regno Unito marcio, né nessun altro verrà a maltrattare un popolo sacro, eroico e benedetto. Tanto meno dopo aver fatto il passo del 14 dicembre, in cui la Celac, la Caricom, tutti noi insieme abbiamo cercato la strada per incanalare i diritti storici del Venezuela".

Il leader bolivariano ha poi spiegato che  proprio il Regno Unito è "responsabile del colonialismo, dell'espropriazione, dei crimini del XVIII, XIX e XX secolo, che ha cercato di impadronirsi dell'Orinoco" quando ha occupato illegalmente le aree a ovest del fiume Esequibo.

Il 24 dicembre, il Regno Unito ha ordinato l'invio di una nave da guerra in Guyana, mentre il Ministero della Difesa britannico ha confermato che la HMS Trent parteciperà a esercitazioni congiunte.

Una condanna delle azioni di Londra è arrivata anche dalla vicepresidente bolivariana Delcy Rodriguez, la quale ha sottolineato che il lodo del 1899 è stato falsificato dal Regno Unito per appropriarsi illegalmente del territorio dell'Essequibo.

L’alta dirigente del governo venezuelano ha ribadito che l'unico proprietario storico è stato e continuerà ad essere il Venezuela.  

"Il Regno Unito ha l'obbligo di rispettare la Dichiarazione di Argyle, che esclude espressamente le minacce esterne che cercano di seminare o inasprire un conflitto tra Venezuela e Guyana. Il suo comportamento minaccioso nei confronti del nostro Paese e della pace della nostra Regione sarà accolto con una risposta tempestiva e legittima da parte del Venezuela. Più di due secoli fa abbiamo deciso per l'indipendenza. Non accetteremo nessun tipo di neocolonialismo", ha scritto la Vicepresidente sul suo account X.

Delcy Rodríguez ha indicato che il Regno Unito deve riconoscere di essere parte dell'Accordo di Ginevra del 1966.

Intanto dalla Guyana il vicepresidente Bharrat Jagdeo cerca di minimizzare la provocazione affermando che il suo paese non ha "intenzione di intraprendere azioni offensive" contro il Venezuela.

"Non si tratta di fare guerre, ma di controllare meglio la nostra zona economica esclusiva, la nostra integrità territoriale e la nostra sovranità", ha dichiarato in una conferenza stampa. 

Riguardo all'arrivo della nave da guerra britannica, il vicepresidente della Guyana ha assicurato che "si tratta di misure di routine", pianificate con largo anticipo. "Non abbiamo intenzione di invadere il Venezuela, il presidente Maduro lo sa (...) Non abbiamo intenzione di intraprendere azioni offensive contro il Venezuela".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti