In 2 ore i Tu-22M3 russi potrebbero distruggere la flotta NATO nel Mediterraneo

In 2 ore i Tu-22M3 russi potrebbero distruggere la flotta NATO nel Mediterraneo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il recente schieramento di bombardieri russi Tu-22M3 in Siria ha permesso all'esercito russo di simulare un attacco contro le forze della NATO guidata dagli Stati Uniti nel Mar Mediterraneo, secondo quanto riportato oggi dal portale Avia.pro.

Come si è scoperto, per raggiungere i loro obiettivi, i bombardieri russi a lungo raggio avranno bisogno solo di circa due ore per attaccare con successo le navi della NATO nel Mar Mediterraneo , mentre gli attacchi stessi possono essere lanciati anche dallo spazio aereo di distruzione delle forze nemiche, precisa il portale.

Al momento, l'Alleanza Atlantica sta cercando di dimostrare alla Russia la sua superiorità in queste acque, tuttavia, come hanno dimostrato le recenti spedizioni di Tu-22M3 russi in Siria, in caso di conflitto, i bombardieri russi, che vengono chiamati "assassin Carriers" , possono attaccare con successo le navi della NATO nel più breve tempo possibile.

Il Túpolev Tu-22M3, uno degli incubi della NATO durante la Guerra Fredda, è un aeromodello a lungo raggio in grado di svolgere missioni nucleari, convenzionali, antinave e di ricognizione. È un aereo d'attacco versatile, inizialmente progettato per operazioni in Europa e in Asia, ma in grado di svolgere missioni intercontinentali contro gli Stati Uniti, se necessario.

A maggio, la Russia ha schierato per la prima volta tre bombardieri strategici Tu-22m3 nella sua base aerea di Hmeimim per operazioni antiterrorismo, situata nella provincia siriana di Latakia (ovest) annunciando che dopo aver completato le loro missioni, gli aerei sarebbero tornati alle loro basi permanenti sul territorio russo.

In precedenza,  Mosca ha anche utilizzato i suoi bombardieri strategici, tra cui Tu-160, Tu-95MS e Tu-22M3 in operazioni antiterrorismo  condotte su richiesta del governo siriano in Siria dal 2015.

Dallo stesso aeroporto di Hmeimim situato nel Mediterraneo orientale, Mosca ha fatto decollare a più riprese aerei per intercettare caccia spia statunitensi e droni che cercavano di raccogliere dati sulla presenza militare russa in Siria.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO