In Ucraina, solo l'egemonia degli Stati Uniti ha interesse per la guerra

In Ucraina, solo l'egemonia degli Stati Uniti ha interesse per la guerra

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Articolo in lingua originale da 'Le Grand Soir'

I Media con la loro disinformazione possono ripeterlo fino alla nausea, ma tutti sanno che la Russia non invaderà l'Ucraina. Come mai? Semplicemente perché non vuole la guerra e intende ottenere che si soddisfino le sue richieste con altri mezzi.

Cosa vuole la Russia?

Principalmente due cose.

In primo luogo, vuole un trattato internazionale che garantisca la non partecipazione dell'Ucraina alla NATO. Questo accordo in buona e debita forma porrebbe fine alla politica di accerchiamento orchestrata da Washington dalla caduta dell'URSS e offrirebbe alla Russia reali garanzie di sicurezza. 

Dopo l'ininterrotta espansione dell'alleanza militare occidentale, tale limitazione delle sue ambizioni avrebbe l'effetto di instaurare un clima di fiducia rassicurando Mosca sulle future relazioni con il mondo occidentale. Dissiperebbe anche le fantasie degli ultras a Kiev che immaginano di riconquistare la Crimea quando il 96% della sua popolazione ha già scelto la Russia.

In secondo luogo, la Russia vuole l'applicazione degli accordi di Minsk e in particolare la federalizzazione dell'Ucraina, che permetterebbe di conciliare gli interessi delle due parti coinvolte: l'effettiva concessione dell'autonomia che era stata promessa garantirebbe i diritti dei russi minoranza di lingua parlante nel Donbass preservando l'integrità territoriale ucraina, come giustamente richiede il governo di Kiev.

È ovvio che per raggiungere questo duplice obiettivo Mosca soprattutto non vuole un'escalation militare che, al contrario, ne comprometta il raggiungimento.

Perché solo un processo politico può gestire una via d'uscita dalla crisi che rispetti i desideri di tutti. Guerra o pace, devi scegliere. Chiedendo alla NATO di non espandersi ulteriormente, la Russia ha scelto la pace attraverso il negoziato, e non un confronto militare che giustificherebbe, appunto, l'istituzione di uno scudo occidentale destinato a sostenere l'Ucraina.

Ma il problema è che gli obiettivi di Washington non sono affatto della stessa natura, ed è per questo che la crisi sta assumendo proporzioni allarmanti.

Cosa vogliono gli Stati Uniti?

L'abbiamo capito fin dall'inizio: la loro propaganda fabbrica da zero una guerra immaginaria che svolge il ruolo di profezia che si possa avverare. Annunciano un'imminente conflagrazione facendo passare questa finzione per realtà, e questo inganno funziona: basta circolare sul Web per rendersi conto che una parte dell'opinione occidentale crede che la Russia abbia già attaccato l'Ucraina.

Se il metodo utilizzato da questa propaganda è grezzo, l'obiettivo perseguito da Washington è perfettamente trasparente. 

Si tratta di giustificare nuove sanzioni contro Mosca, sabotare l'attuazione del North Stream 2 e riunire l'Europa attorno alla NATO sotto la guida egemonica degli Stati Uniti. 

In questo scenario cucito con un filo bianco, l'Ucraina funge da esca e anello debole: colonizzandola, Washington esercita lì un'influenza deleteria che minaccia la sicurezza della Russia ai propri confini, mostrandosi in soccorso di un povero piccola nazione che rischia di essere divorata dall'orso russo.

In questa congiuntura, solo l'egemonia degli Stati Uniti ha interesse per la guerra. 

Se mai scoppiasse un conflitto su vasta scala nella regione, nessun soldato dell'esercito degli Stati Uniti sarebbe coinvolto. Coloro che erano presenti in Ucraina sono già stati evacuati. Certo, Mosca verrebbe immediatamente designata come l'aggressore stesso, cosa totalmente falsa: l'attribuzione ad altri delle guerre americane è un classico delle relazioni internazionali da due secoli. 

Infine, il beneficio economico di un simile conflitto, per Washington, sarebbe notevole: la Russia verrebbe punita dall'Unione Europea e il progetto North Stream 2 definitivamente silurato.

Ma i dividendi geopolitici di questa nuova guerra per procura sarebbero molto più ampi del teatro delle operazioni russo-ucraino: il folle aumento del budget militare della NATO, che è già 16 volte quello della Russia, sarebbe giustificato, agli occhi di un'opinione occidentale manipolata da l'abominevole "minaccia russa". 

Ciliegina sulla torta, l'implacabilità nei confronti della Russia indebolirebbe il principale alleato della Cina, considerata dagli Stati Uniti, secondo la dottrina Pompeo confermata da Biden, come “il nemico numero uno del popolo americano”.

Che gli Stati Uniti abbiano interesse nella realizzazione di uno scenario del genere, fortunatamente, non significa che vedrà la luce. È più che probabile che non scoppi una grande guerra, e per un motivo molto semplice: affinché abbia luogo, entrambe le parti devono essere determinate a partecipare. Ma la Russia non lo vuole, e gli Stati Uniti lo vogliono solo se è fatto da altri.

 Washington lo sopporterebbe molto bene, ma l'Ucraina è pronta a pagarne il prezzo? È vero che è probabile che il conflitto a bassa intensità che colpisce il Donbass si intensifichi, e questo è già il caso. Ma quando Donetsk e Lugansk hanno evacuato le popolazioni civili per proteggerle dal fuoco incalzante dei bombardamenti ucraini, chi è l'aggressore e chi è l'attaccato? Chi rifiuta l'applicazione degli accordi di Minsk e l'istituzione di un sistema federale come soluzione politica?

Corrotti da Washington e Bruxelles, alcuni leader ucraini possono immaginare che approfitteranno della situazione per regolare i conti con i combattenti della resistenza del Donbass. 

Commetteranno la follia di un massiccio attacco a entrambe le repubbliche? Se si verificasse questa catastrofe, l'invasione militare ucraina non potrebbe essere mascherata a lungo da legittima risposta a una “provocazione separatista”, come ripete oggi la propaganda occidentale. 

Basterà vedere dove sono i carri armati e la fanteria ucraini. L'aggressione debitamente rilevata, la Russia si assumerà le proprie responsabilità e reagirà in modo proporzionato per difendere le popolazioni di lingua russa. Auguriamo buon divertimento agli ultras di Kiev impegnati in questa rischiosa operazione. Salvati da Mosca, i combattenti del Donbass combatteranno per la loro libertà, mentre i soldati di Kiev combatteranno per la NATO. Basterà allora far riferimento alla storia: Washington tradisce sempre i suoi alleati. Mosca non abbandona mai la sua gente.

Bruno Guigue

Bruno Guigue

Ex funzionario del Ministero degli Interni francese, analista politico, cronista di politica internazionale; Docente di Relazioni internazionali e Filosofia. Fra le sue pubblicazioni, segnaliamo: Aux origines du conflit israélo-arabe: l'invisible remords de l'Occident, 1999; Faut-il brûler Lénine ?, 2001; Économie solidaire: alternative ou palliatif ?, 2002; Les raisons de l'esclavage, 2002; Proche-Orient: la guerre des mots, 2003; Chroniques de l'impérialisme, 2017. Philosophie politique, 2021, un percorso critico, in 354 pagine, della filosofia politica occidentale, da Platone a Badiou passando per gli immancabili Machiavelli, Spinoza, Rousseau, Hegel e Marx. Il suo ultimo libro si intitola Communisme, Editions Delga. 

 

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Haaretz conferma l'aiuto di Israele all'Ucraina di Marinella Mondaini Haaretz conferma l'aiuto di Israele all'Ucraina

Haaretz conferma l'aiuto di Israele all'Ucraina

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti