Inginocchiatevi per il bracciante di Lecce

Inginocchiatevi per il bracciante di Lecce

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La questione razziale non esiste. Insisto su questo punto. Solo un'esigua minoranza di imbecilli e di ignoranti da compatire può credere che esista una razza umana inferiore ad un'altra. 
Esiste invece una enorme questione di classe. Dove i negr* siano essi di pelle nera che di pelle bianca o gialla vengono sfruttati fino al completo sfinimento, fino a rimanerci morti. Questo qui è solo l'ultimo esempio, nei campi di pomodori ci sono morti di fatica bianchi e neri, maschi e femmine. 

Dall'altro lato abbiamo ricchissimi che mistificano e manipolano, facendo concentrare l'opinione pubblica su baracconate assurde. Dove i buana (di carnagione bianca e di carnagione nera, come i tanti calciatori straricchi di etnia africana) si producono in baracconate idiote come questa coglionata dell'inginocchiarsi. Così come le femminare (generalmente donne privilegiate e borghesi, con lavori agevoli) si producono in baracconate cretine e in discorsi imbecilli nella speranza di ottenere avanzamenti di carriera senza merito ma inquantodonne.  E magari sono le prime a vessare (con perfidia femminile) quella che gli lava le scale del condominio. 

Si, i negr* esistono: sono di razza bianca e di razza nera e di entrambi i sessi. Così come esistono i buana, e sono anche essi di razza bianca e nera e di entrambi i sessi.

Io degli inginocchiamenti ipocriti e delle coglionate intersezionali dei buana e delle buanesse me ne batto altamente i coglioni. E mi fanno salire lo stalinismo.

Giuseppe Masala

Giuseppe Masala

Giuseppe  Masala, nasce in Sardegna nel 25 Avanti Google, si laurea in economia e  si specializza in "finanza etica". Coltiva due passioni, il linguaggio  Python e la  Letteratura.  Ha pubblicato il romanzo (che nelle sue ambizioni dovrebbe  essere il primo di una trilogia), "Una semplice formalità" vincitore  della terza edizione del premio letterario "Città di Dolianova" e  pubblicato anche in Francia con il titolo "Une simple formalité" e un  racconto "Therachia, breve storia di una parola infame" pubblicato in  una raccolta da Historica Edizioni. Si dichiara cybermarxista ma come  Leonardo Sciascia crede che "Non c’è fuga, da Dio; non è possibile.  L’esodo da Dio è una marcia verso Dio”.

 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra