Intervista Lavrov. Mosca risponde a Draghi sulle accuse di "comizio"

Intervista Lavrov. Mosca risponde a Draghi sulle accuse di "comizio"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’intervista del ministro degli Esteri della Russia, Sergei Lavrov, non è andata giù al Presidente del Consiglio Mario Draghi, il quale evidentemente proclama di sostenere la libertà di stampa ma in realtà  dimostra intolleranza quando viene data la parola a un esponente del governo di Mosca. 

Mario Draghi si è spinto sino a definire un “comizio” quello di Lavrov e “aberranti” le sue parole. 

A stretto giro di posta da Mosca è arrivata la risposta di Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri della Federazione Russa. Riguardo le accuse di “comizio” e “una sessione di agitazione politica”, Zakharova ha affermato che “agitazione politica è quando viene pubblicato qualcosa su iniziativa dell’oratore, come la pubblicità”. Invece per quanto riguarda l’intervista andata in onda su Rete 4 l’iniziativa è venuta dai giornalisti italiani. “"L'iniziativa per condurre l'intervista non è venuta dal ministero degli Esteri russo, ma da giornalisti italiani. Riceviamo centinaia di richieste di interviste a Sergey Lavrov, rappresentanti del ministero e delle ambasciate. I giornalisti italiani sono stati insistenti, hanno detto che era importante mostrare tutti i punti di vista. In cosa hanno torto?”, ha chiesto retoricamente la diplomatica russa. 

Zakharova ha inoltre evidenziato che la parte russa non ha apportato modifiche alla versione finale dell'intervista. "Le domande che il presentatore ha posto, le ha formulate lui stesso. Non abbiamo apportato modifiche alle domande o alla versione finale dell'intervista”. 

Zakharova tramite il proprio canale Telegram ha poi scritto: “Voglio che i cittadini italiani sappiano la verità. Perché i politici italiani ingannano il loro pubblico”. 

Il 1° maggio, in onda sul canale Rete 4 dell’emittente Mediaset, il ministro degli Esteri russo Lavrov ha delineato le principali posizioni della Federazione Russa su quanto sta accadendo in Ucraina, evidenziando che la parte ucraina, con il sostegno degli Stati Uniti non vuole continuare i negoziati. Ha anche posto enfasi sulle false informazioni diffuse dai media occidentali e ha spiegato una serie di decisioni della leadership russa.

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai