Israele ammette almeno 500 attacchi aerei in Siria nel 2020 "per contenere l'Iran"

Israele ammette almeno 500 attacchi aerei in Siria nel 2020 "per contenere l'Iran"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Siria ha subito centinaia di attacchi aerei negli ultimi anni, ma nella maggior parte dei casi nessuno ne ha rivendicato la responsabilità. Damasco ha sempre incolpato Israele per gli attacchi, ma Tel Aviv ha ufficialmente riconosciuto il suo coinvolgimento solo in alcuni, non commentando gli altri.

Israele è riuscito a ridurre la presenza dell'Iran in Siria conducendo numerose operazioni sul territorio dello stato sovrano nel 2020, secondo quanto ha confermato oggi il capo di Stato maggiore israeliano Aviv Kochavi durante. Allo stesso tempo, Teheran nega di avere truppe schierate nella Repubblica araba, a parte i consiglieri militari.

"Il trinceramento iraniano in Siria è in evidente rallentamento a causa dell'attività dell'IDF, ma abbiamo ancora molta strada da fare per completare i nostri obiettivi in ??questo campo", ha avvertio Kochavi.

Kochavi ha continuato rivelando che Israele ha condotto circa 500 operazioni, che vanno dagli attacchi aerei alle operazioni clandestine, durante il 2020 in "sei aree", senza precisare quali paesi - a parte la Siria - fossero tra loro. Il capo di stato maggiore dell'IDF ha notato che in alcune delle "aree", l'esercito israeliano ha dovuto impegnarsi in operazioni su base giornaliera, mentre in altre, solo occasionalmente. 

Anno delle operazioni informatiche israeliane e del misterioso sabotaggio in Iran

Il capo dell'esercito israeliano ha fatto un'altra straordinaria rivelazione, ammettendo che Tel Aviv si è impegnata in operazioni offensive nella cybersfera , definendo quest'ultima "l'arena di combattimento più significativa che è cambiata" nel 2020. Kochavi, tuttavia, non ha approfondito i dettagli di queste operazioni.

Il coinvolgimento di Israele in attacchi informatici è stato denunciato in diverse occasioni dai media nel corso del 2020. Uno dei casi più noti è stato un incidente al porto iraniano di Shahid Rajaee vicino allo stretto di Hormuz, che secondo quanto riferito ha lasciato il porto nel caos per giorni a causa di malfunzionamenti dei sistemi. L'Iran, tuttavia, ha respinto i rapporti sull'entità dei problemi, affermando che l'attacco informatico "non è riuscito a penetrare" nei sistemi portuali e ha interessato solo un piccolo numero di sistemi.

L'Iran ha anche subito una serie di esplosioni inspiegabili presso strutture nel corso dell'estate, alcune delle quali Teheran ha attribuito al sabotaggio. Tra gli obiettivi colpiti c'era il sito nucleare di Natanz , le cui operazioni sono state spostate nel sottosuolo. Secondo alcuni resoconti dei media, le esplosioni potrebbero essere state la risposta di Israele al presunto attacco da parte dell'Iran delle strutture idriche ad aprile. Tuttavia, un rapporto di maggio del New York Times ha suggerito che Tel Aviv non aveva intenzione di vendicarsi sul presunto hack, poiché non ha provocato danni o vittime.

 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti