DIFESA E INTELLIGENCE/Israele perde 8 caccia avanzati danneggiati da forti alluvioni

Israele perde 8 caccia avanzati danneggiati da forti alluvioni

 
 

Forti tempeste di pioggia che hanno imperversato in Israele la scorsa settimana hanno causato decine di milioni di shekel in danni ai jet da combattimento e alle attrezzature di manutenzione in una base militare nel sud di Israele, mentre gli hangar e le officine di riparazione venivano allagati.

 

Inoltre, l'aeronautica israeliana ha dovuto salvare i soldati che erano stati alloggiati nella zona vicino agli aerei, senza riportare ferite.

 

Un alto funzionario della Israel Air Force ha ammesso lunedì che otto dei più avanzati aerei da combattimento israeliani sono stati gravemente danneggiati, aggiungendo che avrebbe potuto essere prevenuto se l'esercito si fosse preparato in anticipo per il maltempo.

 

Tre degli aerei hanno subito gravi danni, mentre cinque hanno subito danni minori e potrebbero tornare in servizio nelle prossime settimane, ha previsto il funzionario.

 

Ha aggiunto che i caccia che sono stati trasferiti dagli hangar alle piste della base prima che i temporali colpissero sono rimasti intatti. 

 

Secondo le stime dell'Air Force, se tutti gli aerei da combattimento fossero stati precedentemente rimossi dai ganci - il che era tecnicamente possibile - il danno a tutti gli aerei sarebbe stato evitato. 

 

L'esercito ha rifiutato di rivelare il numero di jet da combattimento stazionanti nella base allagata.

 

Pur ammettendo che il danno ai caccia avrebbe potuto essere prevenuto, il funzionario ha accusato le autorità civili di non aver costruito sistemi di drenaggio per l'acqua piovana. Il funzionario ha affermato che la base in questione si trova in una zona soggetta a inondazioni e che l'Aeronautica non è in grado di drenare le acque di inondazione da sola.

 

Ma l'Air Force è responsabile del drenaggio dell'acqua piovana accumulata nelle strutture all'interno delle basi dell'IDF, compresi gli hangar in cui erano parcheggiati gli aerei danneggiati.

 

Una cosa simile era capitata agli Stati Uniti nel 2018 quando persero un decimo dei caccia stealth F-22,  quando l'uragano Michael colpì la base aerea di Tyndall, distruggendo diversi hangar dove erano stazionati gli aeromobili. Si trattò di un colpo duro per l'aeronautica nordamericana, poiché la riparazione di questi caccia di quinta generazione è estremamente costosa e richiede tempi lunghi.

Fonte: Haaretz
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa