/ Israele ultimo crimine. Umiliazione e pena di morte senza process...

Israele ultimo crimine. Umiliazione e pena di morte senza processo

 


di Patrizia Cecconi
 

Erano tre amici, avevano tra i 17 e i 18 anni. Hanno tagliato la rete della gabbia in cui Israele li teneva illegalmente rinchiusi. Hanno camminato per circa 400 metri nel territorio dello Stato assediante. Territorio che, peraltro, non risponde neanche alla partizione proposta dall’Onu nella Risoluzione 181, ma fatto proprio con la forza delle armi nel 1949. E questo è bene comunque precisarlo.


Venivano dal campo profughi di Maghazi al centro-sud della Striscia di Gaza questi tre nuovi giovani martiri. Chissà quanta adrenalina girava nelle loro vene dopo essere riusciti a beffare il potente esercito israeliano e rompere la rete per provare a tornare nella casa dei loro nonni.


Nella Grande Marcia del Ritorno i manifestanti più volte mi hanno ripetuto che non andavano al border per morire, ma che la morte era messa in conto per conquistare la libertà. Dicevano anche “non vogliamo più essere mortificati come animali tenuti in gabbia, vogliamo essere forti sopra la terra o martiri sotto la terra”. L’ho sentito dire tante volte nei venerdì in cui riuscivo ad andare al border per testimoniare quel che vedevo: migliaia di uomini donne e bambini disarmati che chiedevano il rispetto di una risoluzione ONU calpestata da Israele da 71 anni, la n. 194, cioè il diritto al ritorno nelle loro case.


Mohamed, Salem e Mahmoud si saranno sentiti “forti sulla terra” dopo aver varcato la rete, ma dopo circa 400 metri i soldati li hanno fermati. Li hanno umiliati per l’ultima volta facendoli spogliare nudi e poi li hanno assassinati sparandogli. Un altro crimine di guerra che non sconvolge i soldati con la stella di David, tanto sanno che non pagheranno.


Così come noi sappiamo già cosa diranno i media usualmente valletti di Israele e fedeli ripetitori delle sue veline. Sappiamo anche che la versione palestinese sarà diversa. Ma a questo macabro “gioco delle verità” non vogliamo più dedicare tempo perché sappiamo che una verità c’è ed è indiscutibile, al di là delle opinioni, e questa si chiama assedio. Ovviamente illegittimo e illegale.


Finché la comunità internazionale seguiterà a consentire a Israele di assediare la Striscia di Gaza ci saranno ragazzi disposti a morire pur di assaggiare la libertà e dall’altra parte non ci sarà pace per Israele i cui soldati potranno pure divertirsi a uccidere ragazzini inermi o con armi ridicole rispetto alle loro, ma i palestinesi non si fermeranno. In Palestina ho imparato un adagio che fa più o meno così: i palestinesi morti sono più dei palestinesi vivi, ma i palestinesi che seguiteranno a venire al mondo sono molti di più dei primi e dei secondi insieme.


Questo significa che Israele ha solo due vie davanti a sé per il futuro vicino e lontano: o li uccide tutti, superando nella realizzazione del genocidio i criminali del recente passato, o viene costretto al rispetto della legalità internazionale. Altrimenti seguiterà questo stillicidio di crimini che darà enorme e continuo dolore alle famiglie palestinesi, ma che non darà pace neanche allo Stato ebraico e che, incidentalmente, farà male a tutti coloro che si affidano alla supremazia del Diritto in quanto seguiterà a corrodere la legalità internazionale mostrandone l’inutilità.


Altri ragazzi forse già si stanno preparando per fare un passo in più di quelli fatti da Mohamed Abu Mandeel, Salem Zwaid Naami e Mahmoud Said e dopo di loro altri e ancora altri. I governanti israeliani avranno magari buon gioco nel loro creare strumentalmente terrore agitando spettri di insicurezza grazie proprio a questi ragazzi capaci di rompere per poche ore le maglie dell’assedio, ma il popolo israeliano sarà sempre più malato. Malato di paura, di insicurezza e d’odio. E un popolo malato non assicura un buon futuro allo Stato nel quale si riconosce.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa