Kapò 2.0 e neo-colonia Italia

Kapò 2.0 e neo-colonia Italia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Paolo Desogus*

 

I primi giorni della crisi sanitaria possono essere ricordati per un forte e inatteso protagonismo dello stato italiano. Nonostante le prime incertezze Conte è stato reattivo. Ha avviato il lockdown combattendo con le amministrazioni più stupide della terra, quelle di Lombardia e Veneto. È poi andato in Europa opponendosi alla linea tedesca e spingendosi là dove nessun presidente del Consiglio italiano era mai arrivato in sede europea.


Insieme a lui, Mattarella: di fronte alle infauste dichiarazioni della Lagarde, Mattarella ha rotto il protocollo che prevede che il Presidente della Repubblica non dialoghi direttamente con i partner internazionali. In un secondo intervento Mattarella si è rivolto alla Commissione europea, perfettamente in linea con Conte. Il risultato è un successo a metà: Lagarde cambia radicalmente linea dando importanti margini di respiro all'Italia. La Germania invece non cede. La commissione europea resta cosa loro. Però nel frattempo in Italia è stato approvato il provvedimento decisivo e fondamentale che istituisce la golden power. Il suo scopo è quello di difendere le aziende strategiche italiane dalle possibili scalate in caso di crisi. Sembra un monito agli speculatori: no pasaran.
 

Poi qualcosa è cambiato. La linea del governo sembrava tenere. Conte ha certamente sbagliato nel chiedere i coronabond, avrebbe dovuto proseguire sulla linea della BCE, ma in ogni caso ha dato prova di resistenza opponendosi al MES. Il martedì dopo Pasqua arriva però la reazione in grande stile del partito dell'establishment che rigetta le posizioni di Conte e chiede che il governo adotti il MES nonostante le criticità siano sotto gli occhi di tutti (di tutti quelli che vogliono vedere, è ovvio). Il ministro Gualtieri va all'Eurogruppo e accetta condizioni in contrasto con il governo. Conte all'inizio tenta di resistere, poi cede e al Consiglio europeo presenta una linea persino più morbida di quella dei francesi, tanto che alcuni osservatori internazionali (Munchau sul FT, non uno qualsiasi) hanno addirittura affermato che l'Italia ha tradito Macron. Anche dentro la maggioranza le cose cambiano. Zingaretti non dice nulla, ma poi se parla qualcuno lo ascolta? In compenso parlano i suoi: tutti a favore del MES. Pure Di Maio apre al MES. Mattarella invece tace. Come se non bastasse è notizia di oggi l'opposizione della Banca d'Italia alla golden power, perché secondo un suo funzionario, il suo impiego va contro il libero mercato. Sembra quasi un invito alla speculazione: venite, venite e razziate tutto, noi ve lo diamo a poco prezzo.


Cosa è successo? Perché il nostro paese dopo aver finalmente preso una via accettabile e dignitosa ha poi radicalmente cambiato strada? Certo, il partito dell'establishment che unisce Bersani a Berlusconi, Prodi alla Bonino, Repubblica al Corriere, pezzi di Banca d'Italia a Confindustria ha nel suo complesso una grande forza, maggiore di qualsiasi altra formazione politica italiana.


Difficile fare valutazioni. Il terreno è scivoloso e basta poco per scadere nel complottismo.


Una cosa però è certa, in Italia c'è chi vuole svendere il paese nella speranza di diventare uno dei tanti governatori della nuova Colonia Italia, i nuovi kapò 2.0.


*Professore alla Sorbona di Parigi

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti