Korybko - Perché i pakistani si stanno ribellando all'"establishment"

Korybko - Perché i pakistani si stanno ribellando all'"establishment"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Andrew Korybko - https://korybko.substack.com

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it


Martedì sono scoppiate proteste in tutto il Pakistan dopo che le forze paramilitari del regime golpista sostenuto dagli Stati Uniti hanno rapito l’ex Primo Ministro Imran Khan (IK), estromesso nell’aprile del 2022 come punizione per la sua politica estera multipolare, con accuse inventate nell’ambito dell'”azione legale” contro di lui. Questo sviluppo era in preparazione da tempo, ma sembra essere stato innescato dal fatto che egli abbia nuovamente accusato “l’establishment” di essere dietro l’attentato dello scorso novembre.

Nel linguaggio pakistano, l’Establishment si riferisce alle potenti strutture militari e di intelligence del Paese, che storicamente hanno esercitato un’influenza sproporzionata sulla politica e sulla società. Pur essendo sempre controverso, la stragrande maggioranza della popolazione ha accettato questo ruolo, poiché fino ad allora aveva davvero fiducia che queste forze difendessero gli interessi del Paese. Questi si riferiscono a quella che può essere descritta come la “Trinità” dello Stato pakistano: sicurezza nazionale, patriottismo e Islam.

Questa fiducia, tuttavia, è andata in frantumi dopo il cambio di regime dello scorso aprile e si è poi ridotta in polvere nell’anno successivo. Invece di incoraggiare responsabilmente coloro che hanno sostituito IK a indire al più presto elezioni libere ed eque, in modo che fosse il popolo pakistano stesso a decidere chi dovesse gestire i propri affari, hanno chiuso con la cosiddetta “neutralità”, lasciando così che quella cricca importata, estremamente impopolare, mantenesse il potere fino ad oggi.

Ancora peggio, quella stessa cricca ha lavorato fianco a fianco con l’establishment per imporre al Paese un sistema di legge marziale, in cui i diritti civili sono stati ufficiosamente sospesi. I dissidenti sono stati rapiti, mentre altri, come il giornalista Arshad Sharif, sono stati assassinati all’estero, i media sono stati censurati, le proteste sono state violentemente represse e, alla fine dell’anno scorso, un attentato alla vita di Imran Khan è fallito. In questa spirale di crisi politica, l’economia è crollata e anche la sicurezza si è drasticamente deteriorata.

L’unica ragione per cui gli elementi d’élite dell’establishment e i loro lacchè golpisti si sono rifiutati di risolvere la peggiore serie di crisi nazionali dalla guerra del 1971, che ha portato all’indipendenza del Bangladesh, è che sapevano che l’opposizione avrebbe vinto. Elezioni nazionali libere ed eque avrebbero portato il PTI di IK a tornare al potere con una maggioranza senza precedenti, come dimostrato dai suoi risultati impressionanti in una serie di elezioni parziali nell’ultimo anno.

Hanno quindi fatto ricorso a ciò che pensavano di conoscere meglio, l'”ingegneria politica”, nel tentativo di mantenere il potere. Questo approccio si basava sul falso presupposto che l’establishment continuasse a controllare le dinamiche socio-politiche (“soft security”) del Paese, in particolare per quanto riguardava il mantenimento del suo ruolo auto-assunto quando si trattava della Trinità descritta in precedenza. I grandi vecchi che tirano tutti i fili dietro le quinte, tuttavia, non si erano accorti che negli ultimi anni tutto era cambiato.

IK ha supervisionato il ritorno del Pakistan sul palcoscenico mondiale come una potenza regionale sicura di sé, che stava dando priorità alla riforma della propria politica interna ed estera, da tempo attesa, come parte della grande strategia visionaria per diventare un attore serio nell’emergente ordine mondiale multipolare. Tutto questo non è stato guidato dal cosiddetto “antiamericanismo”, come falsamente sostenuto dagli Stati Uniti e dai suoi nemici in patria, ma dal fervore patriottico di mettere finalmente al primo posto gli interessi nazionali del Pakistan, invece di continuare a svenderli ad altri come in passato.

Durante i suoi diversi anni di mandato, la gente ha iniziato a vedere la Trinità in una luce più moderna, allineata con il desiderio genuinamente popolare della società. Si sono ispirati all’obiettivo statale di IK di costruire il “Naya Pakistan” (Nuovo Pakistan), che era in sostanza un progetto democratico di “ricostruzione della nazione” volto ad aggiornare i ruoli che la sicurezza nazionale, il patriottismo e l’Islam giocano nella società, a riformare il rapporto dello Stato con questi tre concetti e, infine, a rafforzare l’identità nazionale dei pakistani.

Gli elementi d’élite dell’Establishment, che come si è detto sono per lo più anziani fuori dal contatto con la maggioranza dei giovani connazionali, col senno del poi sembrano aver avuto una visione molto cinica di Naya Pakistan, ritenendolo solo uno slogan per favorire la loro ingegneria politica dell’epoca. Dalla loro prospettiva antiquata, erano felici che IK incanalasse il sentimento popolare, ma non si rendevano conto che stava facendo progressi tangibili nel rimodellare la nozione stessa di Pakistan.

Proprio perché avevano una comprensione assolutamente nulla del polso nazionale così come oggettivamente esisteva, che in termini strategici può essere riassunto come ignoranza delle dinamiche socio-politiche (soft security) del Paese, pensavano arrogantemente di poterlo spodestare senza alcuna conseguenza. Ai loro occhi, la società non avrebbe mai sfidato l’establishment a prescindere da tutto, per paura che ciò rappresentasse una minaccia esistenziale per il Pakistan.

Si è trattato di un errore di calcolo di proporzioni epiche, superato nella storia del Paese solo da quelli relativi alla guerra del 1971, che IK aveva avvertito essere sul punto di ripetersi se l’establishment avesse osato oltrepassare la linea rossa dell’opposizione rapendolo o uccidendolo. A differenza di quei vecchi che sono rimasti illusi con l’arrogante supposizione condivisa alla fine del paragrafo precedente, egli sapeva benissimo come la società avrebbe reagito a questi scenari.

IK ha valutato correttamente che i suoi compatrioti, in maggioranza giovani, avevano abbracciato con entusiasmo il concetto di ricostruzione della nazione del Naya Pakistan e quindi consideravano naturalmente l’estromissione di lui da parte dell’establishment come una minaccia esistenziale, da cui le loro proteste a suo sostegno e la serie di vittorie del PTI nelle elezioni parziali. L’unico fattore che li tratteneva dall’attività rivoluzionaria era la speranza che si potessero tenere al più presto elezioni libere ed eque, risolvendo così pacificamente la crisi politica del Pakistan.

Una volta che l’establishment ha segnalato che non accadrà nulla del genere dopo aver oltrepassato la linea rossa dell’opposizione con il rapimento di IK martedì, era prevedibile che alcune persone avrebbero protestato in un modo che si può definire chiassoso, con alcuni di loro che si sarebbero spinti oltre. Riguardo all’ultima osservazione, il vicepresidente del PTI Shah Mehmood Qureshi ha negato che i sostenitori del suo partito abbiano danneggiato delle proprietà e ha affermato che “sono elementi ufficiali a farlo”.

Non c’è dubbio che l’establishment sia responsabile della provocazione degli eventi di martedì, indipendentemente dal fatto che abbia o meno dei provocatori all’interno dell’opposizione. Hanno già dimostrato che non ci si può fidare di loro quando si parla della sicurezza nazionale, dopo aver assurdamente accusato IK di oltre 140 capi d’accusa con una serie di falsi pretesti, tra cui “terrorismo”. Non sarebbe quindi sorprendente se realizzassero attacchi di false flag.

Lo scopo è abbastanza ovvio: giustificare la messa al bando del PTI e, eventualmente, avviare un colpo di Stato militare convenzionale nel periodo immediatamente successivo, entrambi sostenuti dai patroni americani del regime golpista. Tutto questo viene fatto per la disperazione di aggrapparsi al potere, perché questi cospiratori sanno che verrebbero democraticamente rimossi dal loro stesso popolo se si tenessero elezioni libere ed eque, sia anticipate che in ottobre.

L’ultimo progetto di ingegneria politica dell’Establishment, che è guidato dalle illusioni obsolete dei vecchi governanti sulla percezione della società a maggioranza giovanile, è il più avventato dal 1971 e rischia ancora una volta di mettere a repentaglio l’esistenza del Pakistan. Coloro che stanno protestando a sostegno del rilascio di IK e delle elezioni anticipate sono patrioti che vogliono salvare il loro Paese dopo che gli elementi dell’élite dell’establishment lo hanno tradito per volere di potenze straniere.

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti