La Cia aveva un piano per uccidere Assange. La politica italiana non ha nulla da dire?

La Cia aveva un piano per uccidere Assange. La politica italiana non ha nulla da dire?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La CIA avrebbe cospirato per rapire Julian Assange dall'ambasciata ecuadoriana a Londra nel 2017 e alcuni alti funzionari del Foreign Intelligence Service e dell'amministrazione dell'ex presidente Donald Trump hanno anche considerato le opzioni su come assassinare il fondatore di WikiLeaks, ha rivela un'inchiesta condotta e pubblicata ieri da Yahoo! News, che si basa su interviste con più di 30 ex funzionari statunitensi.

Le discussioni sul rapimento o l'assassinio di Assange sono avvenute "ai più alti livelli" dell'amministrazione dell'ex presidente, ha precisato un ex alto funzionario del controspionaggio. "Sembrava che non ci fossero limiti", ha aggiunto.

La vendetta di Mike Pompeo?

Secondo il rapporto, Mike Pompeo - allora direttore della CIA- era apparentemente motivato a vendicarsi di WikiLeaks, dopo che il sito web ha pubblicato strumenti di "hacking" riservati utilizzati dall'agenzia, che le autorità hanno considerato  come "la più grande perdita di dati in Storia della CIA", noto come "Vault 7". 

Pompeo e altri alti funzionari dell'agenzia "erano completamente fuori di sé perché erano molto imbarazzati dal Vault 7", ha spiegato un ex funzionario della sicurezza nazionale durante il mandato di Trump. "Vedevano sangue", ha aggiunto. 

Inoltre, i molteplici progetti della CIA avrebbero incluso un ampio spionaggio sui soci di WikiLeaks, seminando discordia tra i membri del gruppo e rubando i loro dispositivi elettronici, rivela il rapporto.

"Come cittadino americano, trovo assolutamente oltraggioso che il nostro governo stia contemplando il rapimento o l'omicidio di qualcuno senza alcun processo giudiziario semplicemente perché ha rilasciato informazioni veritiere", si sottolinea nell'inchiesta di Yahoo! News.

"Sarebbe stato come un film sull'evasione"

Tuttavia, alla fine del 2017, nel bel mezzo del dibattito sul presunto rapimento e altre misure estreme, i piani dell'agenzia sono stati interrotti quando i funzionari statunitensi hanno raccolto quelli che consideravano rapporti allarmanti secondo cui gli agenti dell'intelligence russa si stavano preparando a portare di nascosto Assange dal Regno Unito e inviarlo a Mosca, secondo l'inchiesta.

"Avevamo tutti i tipi di motivi per credere che stesse contemplando l'idea di andarsene", ha detto un ex alto funzionario dell'amministrazione Trump, ricordando che un rapporto suggeriva che Assange avrebbe potuto provare a fuggire dall'ambasciata nascondendosi in un carrello della lavanderia. "Sarebbe stato come un film sull'evasione", ha aggiunto.

Nel frattempo, un funzionario dell'intelligence ha definito "ridicola" la possibilità di effettuare un rapimento o un assassinio, a causa della posizione. "Questo non è il Pakistan o l'Egitto, stiamo parlando di Londra", ha raccontato la fonte. Ha aggiunto che c'è stata resistenza anche nell'amministrazione Trump.

"Forti dibattiti sulla legalità dei piani della CIA

Secondo una ricerca di Yahoo! News, i progetti dell'agenzia per Assange e WikiLeaks - che sarebbero partiti già durante il mandato di Barack Obama con la definizione di alcuni giornalisti del sito, tra cui Glenn Greenwald e Laura Poitras, come "agenti dell'informazione" - avrebbero portato a un acceso dibattito su la sua legalità e alcuni funzionari erano così preoccupati da sentire il bisogno di informare i membri del Congresso sui suggerimenti dell'ex direttore del servizio.

Si aggiunge che è stata una campagna che "ha raddoppiato importanti restrizioni legali, ha potenzialmente messo a repentaglio il lavoro del Dipartimento di Giustizia per perseguire Assange e ha rischiato un episodio dannoso nel Regno Unito, il più stretto alleato degli Stati Uniti".

Custodia Assange 

Alla fine, Assange è stato trascinato fuori dall'ambasciata ecuadoriana ed è attualmente detenuto in una prigione britannica di massima sicurezza. Gli Stati Uniti hanno presentato ricorso contro la decisione del tribunale di negare la sua richiesta di estradizione con l'accusa di pirateria informatica. Il processo dovrebbe riprendere il mese prossimo.

Secondo Yahoo! News. La squadra di difesa di Assange spera che questo sia vero. "La mia speranza e aspettativa è che i tribunali del Regno Unito considerino queste informazioni e questo rafforzi ulteriormente la loro decisione di non estradarlo negli Stati Uniti", ha dichiarato Pollack quando gli è stato chiesto dei presunti piani della CIA contro il suo cliente.

Julian Assange è incarcerato nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh (Regno Unito), dove è stato trasferito dopo essere stato arrestato nell'aprile 2019.

Negli Stati Uniti, Assange è accusato di aver pubblicato centinaia di migliaia di pagine di documenti militari segreti e cablogrammi diplomatici sulle attività degli Stati Uniti nelle guerre in Iraq e Afghanistan , che sono state diffuse attraverso il suo portale leak.WikiLeaks. Le accuse contro di lui comportano una pena massima di  175 anni di carcere.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta" di Giorgio Cremaschi Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti