/ La Cina ha ragione: l'FMI non segue il gioco di Trump

La Cina ha ragione: l'FMI non segue il gioco di Trump

 

Il Fondo monetario internazionale non sostiene l'affermazione del presidente Donald Trump secondo cui la Cina manipola la propria valuta per avere un vantaggio commerciale.


In generale, si legge nel rapporto, la valuta "è rimasta praticamente stabile" nel 2018 e solo il 2,5% si è deprezzata rispetto a un paniere di valute estere come riferimento, secondo l'entità. L'FMI ??conclude che il valore dello yuan nel 2018 era "sostanzialmente in linea con gli [indicatori] fondamentali a medio termine e con le politiche appropriate", secondo le parole di James Daniel, capo della missione dell'FMI per la Cina. "La Cina ha compiuto progressi nell'aumentare la flessibilità del tasso di cambio e sosteniamo il paese nell'aumentarlo", conclude il Fondo.
 
Pechino ha sempre sostenuto che il tasso di cambio flessibile stabilizza automaticamente l'adeguamento e la regolazione macroeconomici della bilancia dei pagamenti e che non svaluta la sua valuta. Inoltre, la Cina ha sempre adempiuto agli impegni assunti ai vertici del G20 in materia economica.
 
Tuttavia, il prezzo dello yuan è diminuito a causa dell'offerta e della domanda del mercato. Lo scontro commerciale che hanno causato gli Stati Uniti in tutto il mondo ha esacerbato le preoccupazioni dei mercati e c'è quindi più paura del rischio. Durante le consultazioni economiche e commerciali tra Cina e Stati Uniti del 2019, Washington ha violato le sue promesse e ha minacciato di aumentare le tariffe sui beni provenienti dalla Cina.
 
L'analisi del FMI, che non segue il gioco di Trump, è stata pubblicata pochi giorni dopo che il segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin aveva annunciato che la Cina era stata ufficialmente designata come gestore di valuta ai sensi della legislazione Stati Uniti.
Allaa decisione di Mnuchin ha fatto seguito quella della Banca popolare cinese di deprezzare il tasso di cambio dello yuan per superare la barriera dei sette yuan. La prima volta in 11 anni.
 
Il deprezzamento dello yuan rispetto al dollaro è, secondo The Economist, una naturale reazione del mercato alla decisione di Washington di aumentare le tariffe. Una valuta più debole offre alla Cina un vantaggio nell'esportazione perché riduce il prezzo dei suoi beni per gli acquirenti stranieri. Scoraggia anche le importazioni aumentandone i costi.
 
Dopo la pubblicazione del rapporto ufficiale dell'FMI, alcuni esperti americani hanno confermato che la Cina non manipola il tasso di cambio e che gli Stati Uniti hanno abusato della loro posizione di forza nel sistema finanziario e commerciale internazionale.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa