La Cina può bloccare il complesso militare-industriale europeo

La Cina può bloccare il complesso militare-industriale europeo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La dipendenza dall'approvvigionamento di cotone cinese sta mettendo sotto pressione i produttori europei di armamenti, limitando le loro capacità di aumentare la produzione e rendendo difficile il supporto alle forze armate ucraine indebolite. Il cotone, materiale chiave per la produzione di nitrocellulosa, utilizzata nelle munizioni d'artiglieria e negli esplosivi, è diventato oggetto di preoccupazione poiché la domanda di munizioni è aumentata drasticamente a causa del conflitto tra Ucraina e Russia, secondo quanto rende noto il Financial Times.

I principali produttori europei, come la società svedese Saab e la tedesca Rheinmetall, avvertono che l'Europa è troppo dipendente dalle forniture di cotone dalla Cina, rappresentando poco meno della metà del volume globale di commercio di questo materiale. Questa dipendenza porta a rischi geopolitici, con il rischio che la Cina possa interrompere le forniture per motivi politici.

Il presidente di Rheinmetall, Armin Papperger, ha sottolineato che l'Europa riceve "oltre il 70%" del cotone necessario dalla Cina. Questa situazione ha spinto l'Unione Europea a cercare di aumentare la produzione di munizioni NATO-standard per rifornire gli arsenali dei paesi membri.

La carenza di nitrocellulosa evidenzia la necessità di diversificare le fonti di approvvigionamento e ridurre la dipendenza dalle esportazioni cinesi. L'Europa cerca di mitigare questi rischi, cercando alternative e costruendo nuove catene di approvvigionamento per garantire una fornitura continua di munizioni e materiali critici per la difesa.

La società Saab ha indicato che, sebbene attualmente non ci siano problemi di approvvigionamento, la dipendenza futura dalla Cina potrebbe comportare rischi, sottolineando la necessità di espandere la produzione in Europa. Allo stesso tempo, è in corso un lavoro preparatorio per la produzione di cellulosa da legno, ma la produzione su larga scala deve ancora iniziare.

Il capo di Saab, Micael Johansson, ha sottolineato la necessità di costruire nuove catene di approvvigionamento in un mondo multipolare, in cui occorre considerare partner affidabili per garantire la sicurezza delle forniture a lungo termine.

La preoccupazione per le forniture di cotone si intensifica poiché l'Europa cerca di ridurre la sua dipendenza dalle esportazioni cinesi, puntando a diversificare le fonti di materie prime essenziali per la produzione di armamenti. Questa sfida - conclude il Financial Times - richiede un'azione coordinata e investimenti nel potenziamento delle capacità di produzione dell'Europa per garantire la sicurezza e l'indipendenza nel settore della difesa.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti