World Affairs/La crisi elettorale mette a nudo i profondi difetti del sistema '...

La crisi elettorale mette a nudo i profondi difetti del sistema 'democratico' statunitense

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.



di Ai Jun - Global Times
 

L'anno 2020 ha visto varie crisi investire gli Stati Uniti una dopo l'altra. Vanno dalla diffusione del coronavirus alle proteste contro il razzismo. Tuttavia, prima che queste sfide possano essere affrontate, sta emergendo una nuova crisi: le elezioni.

 

The Atlantic ha recentemente pubblicato un'anteprima speciale del suo numero di novembre intitolato "The Election That Could Break America". Barton Gellman, un giornalista nordamericano e autore di bestseller noto per i suoi reportage sugli attacchi dell'11 settembre, ha affermato che "la pandemia di coronavirus incombente, un diluvio di schede per corrispondenza, un servizio postale vandalizzato, un tentativo di sopprimere i voti, e una marea di cause legali sta schiacciando la cigolante macchina elettorale della nazione".

 

In passato, un'analisi così risoluta in un paese democratico poteva essere considerata una folle teoria del complotto. Ma negli Stati Uniti di oggi, il cosiddetto faro della democrazia, sta diventando una possibile realtà.

 

Quando gli è stato chiesto la scorsa settimana se avrebbe approvato un trasferimento pacifico del potere dopo le elezioni di novembre, il presidente Trump ha rifiutato di prendere un impegno, dicendo che "non ci sarà un trasferimento... Ci sarà una continuazione". Ben presto ha suscitato critiche sia dal Partito Democratico che da quello Repubblicano. Il presidente della Camera Nancy Pelosi ha ricordato a Trump il giorno dopo che "non era in Corea del Nord".

 

Ci sono già abbastanza enigmi sulle elezioni di novembre per gli Stati Uniti da gestire, come le schede elettorali rifiutate per non aver rispettato la scadenza durante le primarie e la rimozione delle cassette postali da parte delle poste degli Stati Uniti. Il pacifico trasferimento del potere post-elettorale, che dovrebbe essere una delle caratteristiche fondamentali di una democrazia statunitense definita "matura", è diventato un altro enigma. E nessuno può essere certo se le elezioni procederanno in linea con i desideri della maggioranza degli elettori nordamericani.

 

Chi determinerà il risultato delle elezioni presidenziali USA? Il popolo nordamericano o certi politici? La domanda è sorprendentemente lasciata senza risposta. Purtroppo, anche la Costituzione degli Stati Uniti e la legge federale non garantiscono la successione pacifica del potere, secondo lo studioso legale statunitense Lawrence Douglas, che ha suggerito che un trasferimento pacifico è semplicemente qualcosa che le leggi statunitensi "presumono" che accadrà.

 

Essendo orgogliosi del loro processo elettorale, gli Stati Uniti hanno costantemente puntato il dito contro i sistemi politici di altri paesi. Nei paesi che lo Zio Sam identifica come rivali, Washington tende ad accusare la selezione dei leader come non corretta se questi vanno contro la volontà degli Stati Uniti.

 

Indovinate un po', le stesse elezioni degli Stati Uniti sono adesso in discussione. Peggio ancora, poiché la credibilità del processo elettorale statunitense deve affrontare serie sfide, l'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, che osserva le elezioni statunitensi dal 2002, ha annunciato che ridimensionerà il gruppo dei 500 osservatori previsti a soli 30 per monitorare elezioni di quest'anno, a causa della crisi COVID-19, che crea più incertezze sul prossimo risultato.

 

Gli Stati Uniti sono ancora chiamati una democrazia, ma stanno diventando sempre più ipocriti, ingiusti e incapaci di incontrare o addirittura riflettere la volontà del suo popolo. Le sue elezioni sono rapite da lotte intestine politiche, mentre divisioni apparentemente irreparabili stanno prendendo forma nella società nordamericana.

 

Le crisi che devono affrontare gli Stati Uniti non sono casuali, ma il risultato del crescente disordine nel sistema politico statunitense. Gli statunitensi, che credevano di essere gli eletti per promuovere i valori democratici nel mondo, oggi stanno diventando semplicemente elettori impotenti.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa